Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

 :: Area Utenti :: Varie

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Gio 10 Giu 2010, 20:47

alux che bello!complimenti!!!quanto mi piace il tuo stile...!!!!!!!!!!
ancora ancora!!!!!!! IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 540435 IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 662828 IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 662828 IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 662828 IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 662828 IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 662828

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Gio 10 Giu 2010, 20:51

Alux tornerà con una bellissima poesia Mercoledi 16!

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Alux il Gio 10 Giu 2010, 22:41

grazie anny IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 51731
ora sono ansiosa di leggere tutti gli altri IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 66167

@giops: ma non dire così, che poi la gente ci crede davvero e s'aspetta chissà che IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 611643
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Zoe il Gio 10 Giu 2010, 22:51

Che bel racconto, Alux! love
Complimenti bravo bravo bravo
Zoe
Zoe
mengonella
mengonella

Messaggi : 9955
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Gio 10 Giu 2010, 23:04

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 662828 brava Alux

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da DarkLullaby il Gio 10 Giu 2010, 23:13

Bello Alux!!! ok
DarkLullaby
DarkLullaby
mengonella
mengonella

Messaggi : 4113
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 45
Località : Milano

http://www.beachofstone.it

Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Gio 10 Giu 2010, 23:59

bel racconto ok brava alux

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Ven 11 Giu 2010, 00:19

Complimenti alux!!! bravo
moltobene occhioni

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Ven 11 Giu 2010, 10:46

Ho problemi con il mio pc e non riesco ad entrare nel Forum "Fattore Ics". Un problema che si risolverà solo oggi pomeriggio. Quindi vi chiedo che qualcuno possa postare questo II atto del Festival anche dillà. Grazie.

Se questo è un uomo”


Primo Levi

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Ven 11 Giu 2010, 10:52

Giops ha scritto:Ho problemi con il mio pc e non riesco ad entrare nel Forum "Fattore Ics". Un problema che si risolverà solo oggi pomeriggio. Quindi vi chiedo che qualcuno possa postare questo II atto del Festival anche dillà. Grazie.

Fatto ciao

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Ven 11 Giu 2010, 10:54

Grazie milla Lula!

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Aeris il Ven 11 Giu 2010, 11:08

@Delilah ha scritto:Gli artisti, musicisti e scrittori, sono mio figlio e mio marito, io mi esprimo a gesti IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 905948

Aeris, ma che libro stai scrivendo?

è un fantasy IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 551280 , ma nell'ultimo periodo procede a rilento.... perchè sono sempre qui sul forum IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 611643
Aeris
Aeris
mengonella
mengonella

Messaggi : 6125
Data d'iscrizione : 15.05.10

Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Aeris il Ven 11 Giu 2010, 11:11

Alux bel racconto, è divertente e tenero insieme IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 500248 direi quasi nostalgico IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 51731
Aeris
Aeris
mengonella
mengonella

Messaggi : 6125
Data d'iscrizione : 15.05.10

Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Ven 11 Giu 2010, 21:27

My Apocalypse”

Killer 73

Cosa si puo volere di piu dalla vita?semplice,tranquillita',in tutti i sensi.strano rapporto tra me e lei,nei momenti peggiori mi faceva compagnia,era sempre li' con me,in questo momento di vita dove i fantasmi del passato sono spariti,esorcizzati,lei non c'e'.gioca a nascondino,ma tanto la trovo,come ho sempre trovato tutto cio che volevo.nessuno puo nascondersi per sempre.te che leggi non sai nulla di me,sai solo quello che devi sapere,e forse e' sufficiente cosi,ne avrei di cose da dire,belle e brutte,ma forse qualcosa puo uscire dalla mia bocca,sara' la verita'?sta a te credere o no,come in un film di guerra o una commedia brillante,come in un testo di una canzone.gia,un film,un bel film,Apocalypse Now,l apocalisse ora,no,non in questo momento,ma pure io ho fatto parte di quel cast,ma non ero in Vietnam,non ero in guerra contro altri uomini,ero in guerra contro me stesso.guerra fatta di liquido,di chimica,di insalata saporita non molto fresca,anzi,quasi secca.e il bello,o il brutto,e' che in qualsiasi posto mi trovassi non ero mai da solo... Invece lo ero quando uscivo di casa per andare a fare le cose che qualunque ragazzo normale di 20 anni,o giu di li, va a fare.e allora perche'?non saprei rispondere con precisione,forse perche pensavo che se avessi avuto un aiuto avrei avuto piu opportunita' di intraprendere relazioni personali,forse perche' troppi cambiamenti in tenera eta' portano a qualcosa di negativo,non lo so,sta di fatto che iniziavo a svegliarmi nella notte non per bere un bicchier d acqua.eppure ero tranquillo,tutto mi andava bene,ahhh,quando si dice Jella! una volta rimasi a letto per 3 giorni,che spettacolo,quella e' da ricordare negli annali.che tristezza.chi legge pensera': ma i genitori non si erano accorti? no,non perche idioti,ma perche sapevo scegliere i momenti.solo che questi momenti cominciavano ad essere piu frequenti ed il rischio si era triplicato.non so come,tutto fini all improvviso,non ricordo quale occasione fu la causa,non posso ricordarmi molto di quel periodo,pero' come si pegne la luce al cinema e comincia il film,cosi si riaccese per dirci grazie di essere venuti,spero vi sia piaciuto.e cosi a me successe.eppure ero tranquillo.e allora perche oggi non lo sono piu? ora come allora,non lo so,o forse lo so ma non voglio dirmelo,forse lo sapevo ma tacevo,non fare domande se non vuoi sentire risposte,e ho capito che facendo in questo modo si vive meglio.ho schivato l apocalisse con un dribbling fulminante,fortuito,o forse voluto da qualcuno,quel qualcuno che ha voluto che diventassi padre di un bambino spettacolare,che ancora gusta ancora un solo sapore del passato.nessun rischio,i film belli non hanno un seguito,restano unici.son passati piu di 20 anni,e in questo tempo non ho piu avuto demoni al mattino,non ne ero schiavo,quello lo sono per una sola persona,una personcina.allora perche non sono tranquillo?perche' e' la vita.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Sab 12 Giu 2010, 01:33

E' proprio interessante questa cosa della scrittura, come tutte le iniziative di giops direi.

C'è sempre un pezzo di chi scrive in ciò che è scritto. E' banalissimo, lo capisco, però è proprio bello che sia così.

Alux ci ha regalato un racconto tenero, semplice, delizioso.
Chi ha avuto la fortuna di conoscere (ed amare) i propri nonni sa bene, come scrive lei, che è impossibile dire loro di no.

Della scrittura di killer mi colpisce il ritmo.
Ha un suo tempo, una forma che si reinventa in chiave espressiva punteggiatura e spazi, che insegue la dinamica discontinua del soliloquio del narratore, del suo flusso di coscienza.
Poche righe, direi, per raccontare lo stupore di un pezzo di sè ancora da scandire.
Bello, davvero mi è piaciuto, personale o universale che sia.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Sab 12 Giu 2010, 08:02

Adesso non ho tempo di leggere tutto, ma poi più tardi lo farò molto volentieri e scriverò anche le idee che dalla lettura verrannno: grande cosa questa!complimenti a giops IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 655206

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Alux il Sab 12 Giu 2010, 11:17

copio dall'altro forum:
Killer il tuo racconto è bellissimo, in poco spazio riesci a raccontare una vita, un mondo. complimenti IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 492913

e aggiungo: mi colpisce molto lo stile, confuso e angosciato all'inizio e più rilassato nelle ultime righe, ci fa sentire il cambiamento che è avvenuto all'improvviso in te (o nel protagonista del racconto).
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Sab 12 Giu 2010, 14:31

Il Lampionaio”

Brano tratto da “Il Piccolo Principe”

Il quinto pianeta era molto strano. Vi era appena il posto per sistemare un lampione e l'uomo che l'accendeva. Il piccolo principe non riusciva a spiegarsi a che potessero servire, spersi nel cielo, su di un pianeta senza case, senza abitanti, un lampione e il lampionaio.
Eppure si disse:
" Forse quest'uomo è veramente assurdo. Però è meno assurdo del re, del vanitoso, dell'uomo d'affari e dell'ubriacone. Almeno il suo lavoro ha un senso. Quando accende il suo lampione, è come se facesse nascere una stella in più, o un fiore. Quando lo spegne addormenta il fiore o la stella. E' una bellissima occupazione, ed è veramente utile, perché è bella ".
Salendo sul pianeta salutò rispettosamente l'uomo:
" Buon giorno. Perché spegni il tuo lampione? "
" E' la consegna " rispose il lampionaio. " Buon giorno ".
" Che cos'è la consegna? "
" E' di spegnere il mio lampione. Buona sera ".
E lo riaccese.
" E adesso perché lo riaccendi? "
" E' la consegna ".
" Non capisco ", disse il piccolo principe.
" Non c'è niente da capire ", disse l'uomo, " La consegna è la consegna. Buon giorno ". E spense il lampione.
Poi si asciugò la fronte con un fazzoletto a quadri rossi. Faccio un mestiere terribile. Una volta era ragionevole. Accendevo al mattino e spegnevo alla sera, e avevo il resto del giorno per riposarmi e il resto della notte per dormire... "
" E dopo di allora è cambiata la consegna? "
" La consegna non è cambiata ", disse il lampionaio, " è proprio questo il dramma. Il pianeta di anno in anno ha girato sempre più in fretta e la consegna non è stata cambiata! "
" Ebbene? " disse il piccolo principe.
" Ebbene, ora che fa un giro al minuto, non ho più un secondo di riposo. Accendo e spengo una volta al minuto! "
" E' divertente! I giorni da te durano un minuto! "
" Non è per nulla divertente ", disse l'uomo.
" Lo sai che stiamo parlando da un mese? "
" Da un mese? "
" Sì. Trenta minuti: trenta giorni! Buona sera ".
E riaccese il suo lampione.
Il piccolo principe lo guardò e sentì improvvisamente di amare questo uomo che era così fedele alla sua consegna. Si ricordò dei tramonti che lui stesso una volta andava a cercare, spostando la sua sedia. E volle aiutare il suo amico:
" Sai... conosco un modo per riposarti quando vorrai... "
" Lo vorrei sempre ", disse l'uomo.
Perché si può essere nello stesso tempo fedeli e pigri.
E il piccolo principe continuò:
" Il tuo pianeta è così piccolo che in tre passi ne puoi fare il giro. Non hai che da camminare abbastanza lentamente per rimanere sempre al sole. Quando vorrai riposarti camminerai e il giorno durerà finché tu vorrai ".
" Non mi serve a molto ", disse l'uomo. " Ciò che desidero soprattutto nella vita è di dormire ".
" Non hai fortuna ", disse il piccolo principe.
" Non ho fortuna ", disse l'uomo. " Buon giorno ".
E spense il suo lampione.
Quest'uomo, si disse il piccolo principe continuando il suo viaggio, quest'uomo sarebbe stato disprezzato da tutti gli altri. Tuttavia è il solo che non mi sembri ridicolo. Forse perché si occupa d'altro che non di se stesso.
Ebbe un sospiro di rammarico e si disse ancora:
Questo è il solo di cui avrei potuto farmi un amico. Ma il suo pianeta è veramente troppo piccolo. Non c'è posto per due...
Quello che il piccolo principe non osava confessare a se stesso, era che di questo pianeta benedetto rimpiangeva soprattutto i suoi millequattrocentoquaranta tramonti nelle ventiquattro ore.



Il secondo tentativo del Lupo”

Brano tratto da “Cappuccetto Rosso” dei Fratelli Grimm


C'è poi chi racconta che un'altra volta, mentre Cappuccetto Rosso portava dei dolci alla nonna, un altro lupo le rivolse la parola cercando di convincerla a lasciare il sentiero. Ma Cappuccetto Rosso se ne guardò bene e corse dalla nonna e le raccontò che aveva incontrato un lupo che l'aveva salutata gentilmente ma che aveva due occhiacci terribili. "Certo se non fossi stata sul sentiero quello mi avrebbe mangiata." "Vieni", disse la nonna, "chiudiamo bene la porta in modo che non possa entrare."
Poco dopo il lupo bussò alla porta e disse: "Apri nonna, sono Cappuccetto Rosso, e ti porto una focaccia dolce". Ma quelle zitte zitte non aprirono la porta, il lupaccio allora fece il giro della casa, poi saltò sul tetto per aspettare la sera quando Cappuccetto Rosso se ne sarebbe tornata a casa. Voleva seguirla di soppiatto e, nel buio, mangiarsela in un boccone. Ma la nonna capì quello che la bestiaccia aveva in mente. Dunque proprio davanti alla casa c'era una vasca di pietra, un trogolo per gli animali e la nonna disse alla bambina: "Prendi il secchio, Cappuccetto Rosso, proprio ieri ho cotto le salsicce, porta nel trogolo l'acqua delle salsicce, finché non sarà ben pieno". E Cappuccetto Rosso fece così. Il profumo delle salsicce arrivò al naso del lupo che cominciò ad annusare e a guardar giù dal tetto. Infine allungò talmente il collo che non poté più reggersi e cominciò a scivolare; scivolò dal tetto proprio dentro al trogolo e affogò. Cappuccetto Rosso se ne tornò a casa e nessuno più le fece del male.



Il volo verso l'isola che non c'è”


Brano tratto da Peter Pan

Questa storia comincia nella casa della famiglia Darling... E' sera, e
mamma e papà stanno preparandosi per una festa fuori casa. Intanto i[/font]
bambini giocano nella loro camera: Il piccolo Michele fa la parte
di Peter Pan, mentre Gianni, è il terribile Capitan Uncino.
"Arrenditi!" esclama Michele. "Mai. Devo vendicare
la mano che mi hai tagliato!" risponde Gianni.
Poco dopo, papà Darling scopre che la sua camicia è stata
trasformata in una mappa. Così si arrabbia con Wendy, la
figlia maggiore, che racconta sempre ai fratelli le avventure di
Peter Pan. Poi vede Nana, il vecchio cane di famiglia, e se
la prende anche con lei. Ma quella di Peter Pan
non è una favola. Qualche giorno prima era
venuto ad ascoltare i racconti di Wendy. Nana
era riuscita ad afferrare la sua ombra e ora Peter
è tornato per cercarla. La fatina Trilli, sua inseparabile amica, gli
indica che è nascosta nel cassetto. L'ombra non vuole saperne di tornare
al suo padrone. Per acciuffarla, Peter fa un gran baccano e Wendy
si sveglia. "Peter! Oh Peter, sapevo che saresti tornato!"
esclama la ragazzina. Mentre gli ricuce l'ombra,
Wendy racconta a Peter che lei non potrà più
continuare a dormire nella camera dei bambini.
"Da domani dovrò crescere!" Allora Peter decide:
porterà la ragazzina nell'isola che non c'è, il magico luogo dove non si
diventa mai grandi. Nel frattempo anche Gianni e Michele si svegliano:
Sono entusiasti di partire per l'isola che non c'è. C'è un
piccolo problema, però: i bambini non sanno volare
ma basta una spruzzatina di polvere di fata e... via! I quattro amici
si alzano in volo nel cielo di Londra. Peter Pan fa strada: "La seconda
stella, poi si volta e... via, sempre dritto!" Ben presto,
Peter Pan e i bambini giungono in vista dell'isola
che non c'è. Sotto di loro cominciano a vedere la
Laguna delle Sirene, l'accampamento indiano e... il vascello di Capitan
Uncino.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Sab 12 Giu 2010, 14:57

il piccolo principe é il mio libro preferito,la scena che amo di più é quella con la volpe.
Grazie Giops!!!questa iniziativa é stupenda.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Sab 12 Giu 2010, 15:00

anny_skod ha scritto:il piccolo principe é il mio libro preferito,la scena che amo di più é quella con la volpe.
Grazie Giops!!!questa iniziativa é stupenda.
anch'io adoro quel libro love

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Sab 12 Giu 2010, 15:02

Comunque anche a me quest'iniziativa piace parecchio. Giops sei geniale!

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Dom 13 Giu 2010, 11:31

“Lettera di Veronica Lario”

La Repubblica, Veronica Lario

ROMA - "Ciarpame senza pudore". Il vaso si è colmato di nuovo e Veronica Lario esplode come già fece alla fine di gennaio di due anni fa con la famosa lettera a Repubblica. Questa volta, la moglie del premier attacca sull'uso delle candidature delle donne che a suo avviso si sta facendo per le elezioni europee.

Questa volta, Veronica Lario ha deciso di mettere per iscritto in una mail - in risposta ad alcune domande poste dall'Ansa sul dibattito aperto dall'articolo pubblicato ieri dalla Fondazione Farefuturo - il suo stato d'animo di fronte a ciò che hanno scritto oggi i giornali sulle possibili candidate del Pdl alle europee. "Voglio che sia chiaro - spiega - che io e i miei figli siamo vittime e non complici di questa situazione. Dobbiamo subirla e ci fa soffrire".

Alla domanda su cosa pensa del ruolo delle donne in politica, alla luce delle polemiche di queste ore, Veronica Lario risponde: "Per fortuna da tempo c'è un futuro al femminile sia nell'imprenditoria che nella politica e questa è una realtà globale. C'è stata la Thatcher e oggi abbiamo la Merkel, giusto per citare alcune donne, per potere dire che esiste una carriera politica al femminile".

"In Italia - aggiunge la moglie del presidente del Consiglio - la storia va da Nilde Jotti e prosegue con la Prestigiacomo. Le donne oggi sono e possono essere più belle; e che ci siano belle donne anche nella politica non è un merito nè un demerito. Ma quello che emerge oggi attraverso il paravento delle curve e della bellezza femminile, e che è ancora più grave, è la sfrontatezza e la mancanza di ritegno del potere che offende la credibilità di tutte e questo va contro le donne in genere e soprattutto contro quelle che sono state sempre in prima linea e che ancora lo sono a tutela dei loro diritti".

"Qualcuno - osserva Veronica Lario - ha scritto che tutto questo è a sostegno del divertimento dell'imperatore. Condivido: quello che emerge dai giornali è un ciarpame senza pudore, tutto in nome del potere".

La signora Berlusconi prende anche l'iniziativa di parlare della notizia, pubblicata oggi da la Repubblica, secondo cui il premier sarebbe stato domenica notte in una discoteca di Napoli a una festa di compleanno d'una ragazza di 18 anni: "Che cosa ne penso? La cosa mi ha sorpreso molto, anche perchè non è mai venuto a nessun diciottesimo dei suoi figli pur essendo stato invitato".

Berlusconi: "Candidature inventate". E proprio poche ore prima, lo stesso premier era intervenuto da Varsavia sul tema sollevato da "Fare Futuro". Berlusconi definisce "deludenti" le polemiche sulle "soubrette" nelle liste del Pdl: "Le candidature che ho letto sui giornali sono quasi tutte inventate. E' veramente assurdo - continua - che se una persona ha una o due lauree e conosce due o tre lingue, per il solo motivo che sia stato in tv o abbia fatto cose nell'informazione o nello spettacolo sia da considerarsi preclusa per quanto riguarda la politica".

Il premier si lamenta delle critiche: "Si dice sempre che si vuole il 50 per cento di donne. Poi quando vai a prendere candidate, che non ho scelto io, e che vengono a fare un corso, per il semplice motivo che hanno un aspetto gradevole si polemizza. È Una delusione totale. Escludo comunque che ci sia qualche candidata che non sia stata attiva in An o in Forza Italia". Berlusconi 'sponsorizza' però uno dei nomi usciti sulla stampa. "Sono supporter di Lara Comi, è bravissima".

Non sapeva ancora che Veronica Lario era pronta a lanciare il suo secondo grande attacco.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Dom 13 Giu 2010, 20:47

“La Condanna, I Capitolo”


Lucy Gordon


Dave


11.00 del mattino , la luce già da 4 ore batteva sul letto sfatto. Qualcuno aveva lasciate gli stipiti aperti la sera prima. Dave apri gli occhi con uno sforzo enorme, non sapeva se per colpa della luce o dell’ alcol che aveva bevuto la sera prima. Non si ricordava neanche se fosse a casa sua. Si girò verso il bordo del letto, vide la gigantografia di James Dean sul muro. Era casa sua. Doveva decidere se alzarsi e chiudere la finestra per poi tornare a dormire, oppure trascinarsi verso la doccia nella speranza che poi sarebbe stato meglio. Stava decidendo di non fare nessuna delle due cose e rimanere in quella fase di stallo per almeno due ore, quando si accorse che non era solo. Di fianco c’ era un bellissimo corpo nudo, inequivocabilmente di donna. Il sole rifletteva la pelle liscia, perfetta, diafana di una giovane donna dai capelli lunghi arruffati color oro. Ma non riusciva a ricordare chi fosse e perché stava li adesso. Era lampante anche per la sua mente sconvolta che avesse dormito con lui la notte. Alzo leggermente le lenzuola per scoprire il sedere della sua occasionale coinquilina . Perfetto. “Spero di non aver solo dormito stanotte” pensò . Quel semplice gesto fu sufficiente per svegliare la giovane donna. Si stiracchio leggermente scoprendo il suo seno piccolo rotondo, scolpito. Finalmente la vide in faccia. Gli zigomi alti, occhi celeste un viso d’ angelo, 20 al massimo 22 anni. Un leggero sorriso le illumino lo sguardo. Adesso Dave ricordo chi fosse, Jane …no Jane era la ragazza di Petaluma che aveva scopato tre giorni prima. Questa si chiamava …. Brittany. L’ aveva conosciuta la sera prima. Era venuta da Jakcsonville solo per lui, per conoscerlo. Dave era il dj più famoso di Miami. Suonava come resident all’ OPIUM, il club più rinomato. Negli anni era diventato un dei 20 dj più pagati e famosi al mondo. Veniva chiamato anche da magnati russi per i loro party esclusivi. Tre settimane prima aveva intascato 45000 dollari per una serata organizzata da un petroliere di San Pietroburgo. Un jet privato a sua disposizione lo aveva prelevato dall’ aeroporto Miami International e lo aveva riportato 48 ore dopo. Dopo un serata fatta di musica, coca, sesso facile. Oramai si sentiva pienamente arrivato. Era una star. Dave si alzo dal letto a fatica, aveva deciso per la doccia. Cercò i pantaloni dai cui tirò fuori un fascio di banconote da cento, ne prese cinque e le allungo alla ragazza. Lei lo guardò con lo sguardo assonnato ed incredulo. Balbettò prima di poter dire qualcosa. - ma…ma, io l’ ho fatto per amore. A Dave uscì più un ghigno che un sorriso. - amore? …..non scherzare ……sono 500 dollari di più non te ne do. Adesso devo farmi una doccia. Lanciò il denaro sul letto ed entro in bagno. Finita la doccia si guardò allo specchio. Era fiero del suo corpo, la natura era stata magnanima con lui. 1.85 fisico asciutto, capelli corvini, occhi verde,leggermente allungati agli estremi, un eredità della madre hawaina. L’aria sempre imbronciata dava il tocco finale di bel tenebroso. Tutto questo faceva di Dave lo scapolo più desiderato di Miami. Aveva fatto innamorare decine di donne e ragazze. Anche adesso sulla soglia dei quaranta anni aveva stole di ventenni a sui piedi. Usci dal bagno. La ragazza non c’era più. Al suo posto sul letto trovò una manciata di coriandoli. Guardò meglio. Erano i suoi 500 dollari finemente strappati. Sorrise divertito, se aveva avuto la pazienza di strappare cinque banconote in pezzi così piccoli si vede che non era proprio tanto arrabbiata. Guardò l’ orologio sul comodino, un Daytona Paul Newman acciaio, era da poco passato mezzogiorno. Si accertò che la ragazza fosse veramente uscita dal suo appartamento, poi si spostò nella stanza armadi. Scelse una camicia bianca e dei jeans Diesel, calzo i suoi inseparabili stivaletti Cavalli e prima di uscire prese il giubbetto di pelle chiara. Decise di fare un salto al ristorante italiano Sylvano, per lui un tavolo era sempre disponibile. Poi avrebbe sarebbe andato all’ OPIUM per organizzare la serata. La giornata era calda, ma stranamente non afosa. Perfetta per un giro in moto. Gli era stata consegna appena 10 giorni prima una MV Augusta F4 serie Oro, il massimo della tecnologia motociclistica italiana. Un riassunto di potenza, estetica, stile e tecnica. Un’ opera d’arte. Altro che la sciaquetta innamorata che si era fatto la notte prima. Appena uscito dal garage l’ accese, il rombo era inebriante. Si girò per godersi i quattro tubi di scarico posizionati sotto la sella come canne d’ organo. Mise la prima e la moto fra urla laceranti partì come un vettore Columbia nel momento del lancio. Si senti ancora di più padrone del mondo. Prese la 37esina fino alla Flager street, la percorse fino alla 27esima poi svoltò di nuovo per raggiungere la grande 8ava che lo avrebbe portato fino al ristorante, li poteva anche aumentare un po’ la velocità tanto era larga la strada. Il furgone blu della ditta Fergusson andava a ritirare come sempre i riufiuti organici al Kindred Coral Hospital. L’ autista Abel era felice come non mai, da tre giorni aveva trovato questo lavoro che gli aveva permesso di regolarizzare finalmente la sua posizione negli states. Il cancello dell’ entrata di servizio non si era aperto bene. L’ addetto della portineria si era stancato di questi messicani che non capivano mai l’ inglese. Da cinque minuti gli urlava di fare retromarcia per liberare la fotocellula. Lo fece scendere è fece lui retromarcia con tanto impeto da finire con tutto il retrotreno del furgone sulla strada. Dave aveva lanciato la moto a 80 miglia orarie, tanto non c’era traffico e comunque avrebbe rallentato subito. L’ unica cosa che vide era il colore blu di una massa indefinibile poi più nulla. La gente che vide l’ impatto rimase sconvolta dal rumore secco che fece la moto sullo spigolo del furgone. La manopola del gas rimase bloccata e la moto accompagnò come un urlo di dolore lacerante il corpo di Dave che rotolava per la strada prima di fermarsi in una posizione innaturale come quello di una bambola di pezza lanciata per terra. L’ ambulanza non dovette fare molta strada , usci dal cancello principale e si fermo dopo l’ isolato. L’ infermiere già pensava che non erano loro a dover intervenire, ma sarebbe stato più logico se avessero chiamato subito il coroner. Ma non sempre la prima impressione è quella giusta. Il cuore batteva ancora. Il chirurgo era stato avvisato che un motociclista con fratture multiple, sarebbe di li a poco arrivato in sala emergenze. Guardò le lastre. Incredibile quante ossa da ridurre in un sola persona. Ma la cosa a cui avrebbe potuto fare ben poco era la frattura della colonna vertebrale nel tratto lombare per la precisione in L2. Il midollo era evidentemente compromesso in quel punto. Erano passati 10 mesi. 10 mesi d’ inferno. 4 interventi ,settimane intere in un centro per la riabilitazione. Da qualche giorno era tornato nel suo appartamento. Completamente inadatto per un paraplegico. La sua sedia motorizzata era troppo grande. Ogni movimento era ostacolato da qualcosa. Ma l’ ostacolo più grande per Dave era il ricordo. Il ricordo della vita che non c’ era più. Non riusciva ad organizzare un minuto della sua nuova esistenza. Ogni giorno veniva una assistente di una organizzazione statale, ma non era quello di cui Dave aveva bisogno. Lui voleva le sue gambe. Ma ricordava bene il verdetto senza alcuna speranza con cui uscito dall’ ospedale. Aveva vissuto alla grande. Si poteva mettere il punto. Erano le 2 di mattina, era l’ orario in cui una volta lui entrava in scena nei migliori club. Quale orario migliore per uscirne. Si preparò con tranquillità. Appoggio la lametta sul portasapone , affiancò l’ odiata sedia sul fianco della vasca e con un sforzo disumano si rovesciò dentro. Battè il gomito, un dolore lancinante gli corse lungo il braccio. Bestemmiò, poi si mise a ridere in modo nevrotico. Che importanza poteva avere in quel momento il dolore al gomito. Si sdraiò cercò un respiro regolare , sistemò le gambe in modo rettilineo, aggiustò la t-shirt. Prese con destra la lametta e la porto al polso sinistro. Un gesto secco e deciso.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Alux il Lun 14 Giu 2010, 10:52

che bello Lucy, voglio subito il seguito IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 500248
per ora posso dire che lui mi fa un'antipatia assurda. Mi dispiace per quello che gli è capitato, ma proprio non lo sopporto. Complimenti, è difficile in poche righe intrudurre talmente bene un personggio da farmelo stare già antipatico IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 500248
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Ospite il Lun 14 Giu 2010, 11:01

bello questo racconto,mi ha appassionato subito...a me invece non sta antipatico.Sembra la trama di un film..brava lucy!!!!! IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 662828

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010] - Pagina 2 Empty Re: IL FESTIVAL DELLA SCRITTURA [10 GIUGNO-18 GIUGNO 2010]

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Torna in alto


 :: Area Utenti :: Varie

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum