Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da Kaiser il Sab 19 Nov 2011, 18:26

Al via il tour di Marco Mengoni

Sembra essere ormai tutto pronto per il nuovo tour di Marco Mengoni, giovane talento nazionale che sta sui blocchi di partenza con il suo SOLO 2.0 Tour.
Dopo la data 0 di sabato 19 (a Roccaraso), ultimo step delle prove per calibrare uno spettacolo dal vivo, il Re Matto ha in cartellone una serie di date che somigliano più ad eventi che a semplici concerti. A partire dalle due date novembrine, il 26 al Mediolanum Forum di Assago e il 29 al Palalottomatica di Roma, che si segnano sull’agenda con l’appellativo di “anteprime”: l’artista ha infatti sottolineato che queste due date avranno una struttura più complessa rispetto alle altre tappe, struttura da lui stesso curata (insieme con Stella Fabiani) per mettere insieme tutte le parti del suo progetto, da quella musicale a quella visiva che richiama il bel fumetto interattivo scaricabile gratuitamente da internet attraverso il codice contenuto nel booklet del suo nuovo album, Solo 2.0, pubblicato appena un mese fa.
Il tour
Dopo le due anteprime di novembre, il tour già calendarizzato prevede 9 date a dicembre, e una ripresa a febbraio (fino ad ora sono state annunciate solo 3 date) e poi l’avvio del tour estivo per un totale di circa 60 date live.
Nelle interviste rilasciate, Mengoni ha anticipato che questo nuovo spettacolo sarà più asciutto rispetto al precedente “Re Matto Tour”, preferendo concentrarsi sull’aspetto artistico che su quello coreografico. D’altronde, l’elegante gusto estetico del campione di incassi non mancherà di avere un ruolo prioritario nella versione live: previsti cambi d’abito e di “atmosfera”, inclusa – soprattutto nelle due anteprime – l’incursione degli strani personaggi che animano il comic.
La scaletta
Si parla già di oltre 20 brani riarrangiati per la versione live, numero che lascia presagire anche la presenza di qualche cover. Anche se la parola non ci sembra la più giusta: non esiste canzone che il giovane musicista non riproponga in modo assolutamente personale e originale, come No Stress – brano house da lui trasformato in elegantissima ballad – o come la straordinaria cover-version di Nessuno, brano cult del repertorio di Mina ma da Mengoni riproposto in versione rock, versione che ha conferito al pezzo una nuova e sorprendente energia. E non possiamo fare a meno di sperare di ascoltare dal vivo anche Meri Luis, splendida canzone di Lucio Dalla da questi inserita nel suo ultimo disco eseguita proprio in coppia con il ragazzo di Ronciglione.
Sicura la presenza dei brani contenuti nell’album Solo 2.0, ovviamente tutti con arrangiamenti scritti ad hoc per ovviare all’esecuzione dal vivo dei suoni elettronici presenti sul disco.
I performers
Sul palco ritroveremo la band che segue Mengoni fin dall’inizio. Ci saranno Peter Cornacchia e Stefano Calabrese alle chitarre, Giovanni Ballotti al basso, Davide Sollazzi alla batteria, tutti giovanissimi e tutti del “mio gruppo” (così si rivolge loro Mengoni, che considera più come amici che come partners musicali). Insieme con loro, Marco Lucci alle tastiere e sinth, e Mattia Amico ai midi, alle audio-sequencing e ai cori.
Il protagonista
Marco Mengoni e tutto il suo talento, e non solo per quanto sentiamo provenire dalla sua voce.
Già dalle prime performances sul palco di XFactor 3 (2009) è stato evidente che il ventunenne è ben oltre il limite imposto dalla parola “cantante”. Magico interprete, perfetto nelle esecuzioni sempre votate alla libertà di una interpretazione “sul momento”, Mengoni si è guadagnato propri oper quste sue qualità uniche la stima dei più grandi musicisti del panorama nazionale: Mina, Adriano Celentano, Renato Zero, Ron, Lucio Dalla.
I suoi concerti registrano quasi sempre il sold out (e quando non lo raggiungono, non lo raggiungono per qualche decina di biglietti) e i suoi dischi fanno incetta di premi: Solo 2.0 ha esordito direttamente al primo posto della classifica FIMI.
Perché è bravo. Perché riesce a comunicare in modo diretto e forte le emozioni che prova. Perché non si nasconde dietro un microfono o dietro virtuosismi perfetti.
Marco Mengoni è musica in sé. Ancora in cerca di una sua dimensione (non bisogna dimenticare che calca i palcoscenici solo da due anni), ma già da questo suo esordio è ben chiaro che di lui si parlerà sempre meglio e ancora per molto, molto tempo.

http://www.ilmiogiornale.org/al-via-il-tour-di-marco-mengoni/
Kaiser
Kaiser

Messaggi : 11889
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 65

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da deny il Dom 20 Nov 2011, 11:54

deny
deny
mengonella
mengonella

Messaggi : 2828
Data d'iscrizione : 14.05.10
Età : 49
Località : mantova

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da Ospite il Dom 20 Nov 2011, 21:41

http://www.melodicamente.com/marco-mengoni-data-zero-solo-tour-2-0/#utm_source=wordtwit&utm_medium=social&utm_campaign=wordtwit

20 novembre 2011 | 0 Commenti
Marco Mengoni, Data Zero del “Solo Tour 2.0″: il reportage


Serata di grandi emozioni quella di ieri 19 Novembre al Palaghiaccio di Roccaraso per la Data Zero del “Solo Tour 2.0″ di Marco Mengoni.

In una cornice suggestiva fatta di montagne dolci e freddo pungente, è partita la tourneè che porterà questo giovane cantante in giro per l’Italia per buona parte del prossimo anno in un totale di circa 60 date. Noi di MelodicaMente c’eravamo e ve lo raccontiamo.

Compito arduo questo per me, che devo trovare la giusta chiave per riuscire a parlarvi di questa incredibile serata senza rovinare la sorpresa a chi giustamente vorrà godersi la sorpresa alle due anteprime di Milano e Roma del 26 e 29 Novembre. Ma è anche mio dovere fare una giusta cronaca di quanto accaduto ieri per esprimere (o almeno provarci) tutte le emozioni che hanno vissuto i fan accorsi.
Spero perdonerete dettagli eventualmente giudicabili come spoiler e che altresì capiate una eventuale “freddezza” nel racconto.


Roccaraso Data Zero "Solo Tour 2.0" Marco Mengoni | ©️ Facebook Official Fanpage
Roccaraso è un paesino che si trova in provincia de L’Aquila sugli Appennini tra Abruzzo e Lazio, nota località sciistica soprattutto per molti romani che lì evadono nei weekend invernali, in realtà non è così facile da raggiungere per chi provenga da altre parti d’Italia senza mezzi propri.

Tale scelta apparentemente controproducente ha ben motivo d’essere: le Date Zero vengono solitamente stabilite in luoghi non propriamente accessibili o noti nel settore, dal momento che intento centrale è quello di consentire all’artista ed alla band di fare quello che si potrebbero definire prove generali con il pubblico.

Spesso non c’è corrispondenza esatta tra lo spettacolo che viene presentato in tali circostanze e nelle successive tappe del tour, proprio perchè la Data Zero consente di capire cosa deve essere messo a punto e cosa invece può anche essere direttamente eliminato. In particolar modo ciò si applica alla componente fonica del concerto, dal momento che l’acustica cambia notevolmente a seconda che la location sia vuota oppure contenga il pubblico.

Ma tutto ciò non impedisce mai che i fan accorrano ad assistere ad una Data Zero e così è accaduto anche ieri sera a Marco Mengoni, che si è trovato di fronte un pubblico molto maggiore di quanto lui steso avesse sperato. “Pensavo saremmo stati in 10 stasera, invece siete tantissimi! Grazie a tutti davvero!”, così ha esordito Mengoni rivolgendosi a quanti erano presenti al Palaghiaccio.

Lo aveva annunciato in varie interviste ed interventi tv e radio, questo tour sarebbe stato molto diverso dal precedente “Re Matto Tour”: molto più lineare, pulito, tecnologico. E devo dire che così è stato.

Non un concerto, ma un vero e proprio spettacolo, complesso e studiato in ogni dettaglio, con una forte componente della tecnologia sia nelle scenografie che negli arrangiamenti.
Elemento portante sono le proiezioni, che ricorrono lungo tutto il concerto alle spalle di Mengoni e del suo gruppo.
Che una componente di visual art fosse presente lo si era già intuito da alcune foto postate nella pagina ufficiale Facebook del cantante da parte del suo staff: a torreggiare sul mixer due grandi poiettori.

C’era il rischio di strafare, di esagerare con le proiezioni e sovraccaricare con materiale superfluo la parte musicale dello spettacolo, invece Marco Mengoni ed il suo staff sono riusciti a ben calibrare le dosi: le immagini che vengono proiettate non solo accompagnano e danno colore ad una scenografia estremamente minimalista, ma hanno il preciso ruolo di aiutare a veicolare il messaggio che i brani portano. Effetti visivi, immagini, video appositamente girati per l’occasione: una visione d’insieme unica che coinvolge il pubblico in un viaggio di due ore in un mondo parallelo, eppure parte del nostro.


Marco Mengoni | ©️ Alessio Pizzicannella/Marco Mengoni Official Website
Nella setlist ovviamente tutti i brani che compongono l’ultimo cd di Marco Mengoni “Solo 2.0″, ma anche del precedente EP “Re Matto”, riarrangiati in modo quanto mai sorprendente, quasi stravolte pur rispettandone l’originaria natura. Cover molto poche: “Ci hanno detto che non dobbiamo farne questa volta, quindi…”, commenta Mengoni.

Particolarmente forte la componente elettronica negli arrangiamenti anche degli ultimi brani, andando a toccare addiruttura hardcore, techno e house in alcuni passaggi. Il tutto finemente curato da Mattia Davide Amico, alla sua postazione con mixer e pc sul palco.

Momenti intensi e profondi si alternano ad altri di puro divertimento, con il pubblico che viene trascinato dalla commozione al ballo sfrenato in un turbinio di emozioni.

Eccezionale la presenza scenica di Marco Mengoni, che dimostra ancora una volta di essere un grande performer: il palcoscenico è la sua dimensione naturale, si nutre dell’energia e degli sguardi del pubblico che ha di fronte.
Due ore di spettacolo in cui non si è fermato un solo momento, cantando sempre ad ottimi livelli, prestandosi a coreografie, interagendo costantemente con i fan sia con parole che con l’atteggiamento “fisico”.
Un Mengoni in ottima forma, che non può che ritenersi soddisfatto di come è andata la serata, molto sicuro di sè e decisamente maturato nel portamento tenuto sotto i riflettori.

Anche la band che suona con lui è notevolmente migliorata, dimostrando come il lavoro quotidiano costante porti ad una crescita che balza subito agli occhi in un contesto live come questo.Ma oltre ai ragazzi che suonano con lui, Marco Mengoni nel “Solo Tour 2.0″ si fa accompagnare da un corpo di ballo in grande stile: ben 15 ballerini tra uomini e donne, professionisti ed anche allievi molto promettenti, diretti da Stefano Oddi, che si era già occupato delle coreografie del video di “Solo (Vuelta al Ruedo)”.

Costumi, trucco e parrucco estremamente curati, molto più che nel precedente tour, a cominciare proprio dai ballerini, per i cui abiti ci si è ispirati ad un contesto dark ed underground. Lo stesso Mengoni si presenta con più cambi di abiti nel corso del concerto, ognuno particolare ed in perfetta linea con i brani che va a cantare. Anche qui non mancano sorprese che illuminano il pubblico in sala.

Il concept che sta alla base dell’album lo troviamo perfettamente riflesso nel concerto, un fil rouge che percorre tutto lo spettacolo ed avvince il pubblico, che si trova ad assistere non a semplici performance live: Marco Mengoni stupisce, stravolge, sconvolge, osa, getta spunti di riflessione su temi importanti ma di cui poco si parla, declina in tutte le forme il suo essere artista.

Sappiamo, ad esempio, come non sia dedito soltanto a lavorare nell’ambito musicale e ne è dimostrazione il fumetto interattivo che si trova all’interno del disco “Solo 2.0″.
Album e comic, musica ed immagini hanno un legame profondo ed inscindibile: nel concerto vengono proposti le tematiche, i personaggi, riferimenti alla storia raccontata nel fumetto. Dal fumetto interattivo, si passa allo spettacolo interattivo, superando la barriera di comunicazione di monitor e pc ed arrivando dritti al coinvolgimento del pubblico.

Al termine del concerto si tastano gli umori dei presenti, pubblico eterogeneo fatto di tanti ragazzi giovanissimi, ma di altrettante adulti. Persone e personalità molto diverse tra loro, ma che al momento dell’uscita hanno un elemento in comune: una chiara espressione di gioia, stupore, incredulità e voglia di ricominciare in volto.

Una voce forte e potente, pulita ed aggressiva, delicata e sfrontata arriva dritta alle orecchie e al profondo di chi si appresta a vedere una delle tappe del “Solo Tour 2.0″.

La Data Zero di ieri sera è stata un grande successo, il pubblico è rimasto esaltato dal carisma di Mengoni sul palco, ancor più evidente del solito, molte soprprese aspettano chi sarà presente tra una settimana circa alle due anteprime della tourneè.

Questo ragazzo giovanissimo, ma dalle idee ben chiare, si vuol sempre complicare la vita, non ama le cose semplici, lo ha detto più volte. Anche stavolta non si è accontentato di mettere in piedi un normale concerto fatto di una sequela di canzoni riproste dal vivo, ma si è adoperato per creare uno spettacolo unico ed imperdibile, la rappresentazione di una storia continua e dalle radici piantate in una inquietudine profonda.

Il ragazzo osa e si spinge sempre oltre, ma sa bene ciò che fa ed il risultato è un concerto esaltante che ha coinvolto e soddisfatto il pubblico presente, lasciandolo con l’irrefrenabile desiderio di vederlo di nuovo dall’inizio.

La Data Zero di ieri sera, già per sua natura esclusiva ed irripetibile, è stata un vero e proprio evento, che ora semina curiosità in chi è mancato e convince chi era presente di aver assistito a qualcosa di unico.

Indiscrezioni vogliono che alle due anteprime di Milano e Roma molto sarà aggiunto allo spettacolo, rendendolo nuovo per molti aspetti, più ricco e ancor più sorprendente.

Marco Mengoni sta bene lì, sul palco a cantare ed esibirsi, a lasciare libero sfogo al suo estro ed al suo talento, tanto coinvolgenti da far ricredere anche i più scettici.
E se quella di ieri è stata solo la Data Zero, ci possiamo aspettare veramente grandi cose dal “Solo Tour 2.0″.


love love love love love love love love love love love love

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da DarkLullaby il Dom 27 Nov 2011, 11:09

Marco Mengoni a Milano apre il suo “Solo Tour 2.0″

Ha preso il via ieri, sabato 26 novembre, al Mediolanum Forum di Assago (MI) il “Solo Tour 2.0”di Marco Mengoni. Dopo la data zero dello scorso 19 Novembre a Roccaraso (AQ) e il debutto nel mese di settembre 2011 del brano Solo (Vuelta al ruedo), singolo apripista dell'album Solo 2.0, uscito il 27 settembre, Mengoni parte alla volta di un tour promozionale che toccherà le maggiori città italiane in quasi trenta tappe, da novembre a febbraio.

L’artista deve senza dubbio il suo meritato successo al famoso talent show X Factor, vinto nella sua terza edizione. E proprio X Factor ha tenuto a battesimo questa prima data del Tour, con la partecipazione tra il pubblico del suo attuale presentatore, Alessandro Cattelan, insieme al direttore artistico del programma Luca Tommasini, accompagnatori d’eccezione dei talenti dell’edizione di quest’anno, lì per ascoltare e carpire dal loro predecessore come poter emulare nel futuro lo stesso successo.
Nonostante i numerosi risultati positivi raggiunti in soli due anni di carriera, arrivando terzo classificato al Festival di Sanremo 2010 e sempre nello stesso anno agli MTV Europe Music Awards risultando il primo artista italiano ad aggiudicarsi il premio di Best European Act, Mengoni è e rimane un ragazzo umile e sensibile, capace di emozionarsi davanti al pubblico in visibilio per lui e molto attento ad essere un buon padrone di casa, decidendo, prima di vestire i panni della star, di salutare i suoi fans tra le prime file all’inizio del concerto.

Una volta sul palco, però, sa prontamente diventare un artista impeccabile: virtuoso e catalizzatore, è il protagonista del suo one-man show: spiccano on stage le sue strabilianti doti vocali e la presenza di un bravissimo ballerino.
Il concerto si apre con Searching (il volatore), seguito da Un gioco sporco e Tanto il resto cambia, brani tratti dal suo ultimo album, per poi percorrere lidi più noti della sua prima pubblicazione, Re Matto e Stanco (Deeper Inside), cui segue un intermezzo in acustico di Credimi ancora, il suo successo di San Remo 2010, Dove si Vola e la ballad In un giorno qualunque. Ad eccezione di questi brani, lo spirito di Mengoni è senza dubbio pop rock, con punte di tonalità soul, rafforzate dai virtuosismi vocali del falsetto da un lato e della human beatbox dall’altro: sulle note di Solo (vuelta al ruedo), Uranio 22 e Dall’inferno Mengoni viene supportato sul palco da un corpo di ballo di 15 elementi che contribuiscono a scaldare il già esaltato pubblico, accompagnando artista e spettatori in vorticose e travolgenti coreografie.

Da segnalare la scenografia, piuttosto minimal ma capace all’occorrenza di trasformarsi da semplice insieme di pannelli bianchi a supporti narrativi, sui cui vengono proiettati numerosi video ed effetti visual, che nel corso dello spettacolo contestualizzano le canzoni; il fil rouge del concerto viene retto dai racconti del fumetto interattivo, già distribuito all’interno di “Solo2.0”e visibile sul sito web di Mengoni, ma durante il concerto proiettato sullo sfondo della scenografia per introdurre un pezzo o concluderne un altro.
Alla vigilia del concerto il «Re Matto» ha confidato una certa ansia per il tour che ha debuttato ieri: «Questo tour sarà più impegnativo del precedente, perché ho avuto meno tempo per allestirlo. Inoltre canterò in arene grandi. Ho un po’ di timore, ma spero di fare bene». Senza dubbio ieri sera al Forum ha raggiunto l’obiettivo. Ci auguriamo che nella tappa romana del 29 novembre possa fare altrettanto.

Stefania Clerici

Fonte: http://www.newnotizie.it/2011/11/27/marco-mengoni-a-milano-apre-il-suo-%E2%80%9Csolo-tour-2-0-foto/

Galleria fotografica: http://www.newnotizie.it/2011/11/27/marco-mengoni-a-milano-apre-il-suo-%e2%80%9csolo-tour-2-0-foto/marco-mengoni-27/
DarkLullaby
DarkLullaby
mengonella
mengonella

Messaggi : 4113
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 45
Località : Milano

http://www.beachofstone.it

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da vallettadelre il Dom 27 Nov 2011, 15:15

27 novembre 2011
Marco Mengoni: ieri l’anteprima del “Solo Tour 2.0″ a Milano


anteprima ieri sera, 26 Novembre, al Mediolanum Forum di Assago per Marco Mengoni ed il “Solo Tour 2.0″. Dopo la fortunata Data Zero a Roccaraso, di cui vi abbiamo già parlato, la vera prova del nove per il cantante viterbese.

Uno dei templi dello sport e della musica, da cui sono passati e passano i più grandi nomi del panorama italiano ed internazionale: tanto per fare un esempio, stasera 27 Novembre in quello stesso palazzetto suonerà Sir Paul McCartney. Un momento importante per Marco Mengoni, che in questi mesi di promozione dell’ultimo album “Solo 2.0″ ha manifestato molta ansia per questa anteprima di ieri sera a Milano e la successiva il 29 Novembre al Palalottomatica di Roma.

Il Mediolanum Forum è un posto immenso, il parterre può contenere fino a 5000 persone in piedi (ovviamente nessuna possibilità di muoversi in quei casi), è più che comprensibile il timore, da parte di un ragazzo di quasi 23 anni che si è affacciato al grande pubblico appena due anni fa, di non riuscire a riempirlo. I fan erano certi che sarebbe stato un successo, nessuna paura.

Più di 8000 persone ieri sera, parterre gremito, tribune e secondo anello senza un solo posto vuoto, un mare di teste e braccia che ondeggiavano al solo suono della voce di Marco Mengoni.
Ospiti di eccezione nel pubblico, dalla fidata amica Benedetta Mazzini, figlia di Mina, ad Alessandro Cattelan e tutto il cast di X Factor. Presenti anche i maggiori esponenti della stampa nazionale e speaker e direttori delle radio più importanti.


Le critiche ricevute riguardo all’album “Solo 2.0″ sono state tutte positive, è stata sottolineata la maggiore maturità rispetto al lavoro precedente, un uso più consapevole e misurato della voce, una buona qualità delle canzoni. Eppure, nonostante ciò, le radio non passano i pezzi di Mengoni, reputandoli non in linea con il loro stile e definendo il disco troppo “ruvido”.

Se l’album poteva aver destato perplessità per alcune sonorità azzardate e brani non immediatamente comprensibili, i concerti del “Solo Tour 2.0″ puntano proprio su tali elementi, andando a creare un vero e proprio gioco di abile mano con i brani e con gli stili.

Chi ieri sera al Mediolanum Forum si aspettava di sentire live una riproposizione del disco, si è trovato spiazzato da arrangiamenti totalmente diversi, un forte utilizzo di elettronica e generi musicali.
E’ così che il finale di “Psycho Killer” dei Talking Heads diventa un gorgheggio da tenore lirico, l’intro di “Stanco (Deeper Inside)” si mischia con il pezzo disco “I Feel Love”, parte un intermezzo di samba con tanto di ballerine ornate di ruota di piume viola alle spalle in “Come ti senti”.

Favolosa, lascia letteralmente a bocca aperta la Ghost Track contenuta in “Solo 2.0″, che Mengoni ripropone accompagnato da Demian alla consolle: se nel disco ha una durata brevissima di poco più di un minuto, nel concerto la amplia all’estensione di un brano vero e proprio. Si lascia andare a giochi di voce, improvvisazioni, il tutto coronato dall’intero corpo di ballo che danza su coreografie spettacolari di Stefano Oddi.

Chi non era presenta alla Data Zero di Roccaraso ed aveva atteso l’anteprima di ieri sera senza vederne i video messi su Youtube, è stato accumunato da occhi sbarrati, mandibola a terra, mani tremanti dall’adrenalina che Mengoni ha saputo incanalare da sé dritto al pubblico.
Ma anche chi sapeva già a cosa stesse andando incontro non ha reagito diversamente, l’eccitazione era palpabile, Marco era caricato a molla ma molto concentrato.

Non si è fermato un attimo, ha tenuto il palco come un veterano, ha fatto ballare ed emozionare le 8000 persone presenti. Alcuni imprevisti, che possono capitare durante uno spettacolo dal vivo, cui Mengoni ha tenuto testa con assoluta padronanza. Pantaloni che si rompono, componenti della complessa scenografia che non funzionano a dovere, può succedere, ma niente che abbia direttamente coinvolto lui e la sua performance, che si è dimostrata impeccabile e coinvolgente.

Un’altra emozione per i fan di Marco Mengoni, molti dei quali già si stanno preparando alla seconda anteprima di Roma del prossimo martedì 29 Novembre, ed una scoperta per quanti armati di scetticismo non si aspettavano di assistere ad uno show divertente e di alta qualità con ottima musica.

Il problema sta lì, il non fermarsi a ciò che può essere trasmesso in televisione o in radio, ma andare oltre ed essere disposti ad ascoltare. Senza preconcetto.
Marco Mengoni non si limita al solo cantare ma, curando interamente da solo della regia, dà vita ad uno spettacolo unico ed incredibile, non un banale concerto.


Ed ha appena 23 anni. Diamogli tempo, solo un po’ di tempo, Marco Mengoni ci dà tante soddisfazioni e continuerà a darcene di pari passo alla sua crescita personale ed artistica. Se non ci credete, domandate ad una di quelle 8000 persone che in piedi urlavano il suo nome.
Il Mediolanum Forum ieri sera ha tremato.

Video dell’esibizione di Marco Mengoni al Mediolanum Forum di Assago

http://www.melodicamente.com/marco-mengoni-anteprima-solo-tour-2-0-milano/
amò sivola pianto
vallettadelre
vallettadelre
mengonella
mengonella

Messaggi : 6786
Data d'iscrizione : 19.05.10
Età : 44
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da vallettadelre il Dom 27 Nov 2011, 15:52

http://www.sorrisi.com/2011/11/27/marco-mengoni-sorrisi-com-alla-prima-del-solo-tour-2-0/

27 Novembre 2011 - Musica
MARCO MENGONI: Sorrisi.com alla prima del “SOLO TOUR 2.0“


Marco Mengoni già trionfante al forum d’Assago? Non ce lo vedevamo, fino a ieri sera. Perché il suo ultimo album “Solo 2.0” ha tracciato una linea molto precisa, per alcuni discutibile, per altri interessante ma in definitiva rischiosa. Il cantante nato a Ronciglione ha fatto quello che molti artisti della sua età non avrebbero mai potuto fare: iniziare a ragionare di testa propria, senza argini.Se per molti questo vuol dire nascondersi nella nicchia e riempire locali di media grandezza, Mengoni ha raggiunto un risultato che vale doppio. Toccare il tetto di 8 mila fan al Forum D’Assago nella data di esordio del 26 novembre del “Solo Tour 2.0” senza beat modaioli, scrivendo in modo indipendente, non assecondando duetti promozionali, è come buttarsi da un precipizio sperando che qualcuno ti prenda al volo.
E la forza dei fan lo ha innalzato senza incertezze.

Con una scenografia imponente e irregolare come la follia del suo protagonista, il vincitore di X Factor 3 regala più di due ore di live che non hanno niente a che vedere con il classico concerto per under 20 di un talento nato in tv. Si racconta con una scaletta adulta, matura, importante. Forse è davvero troppo presto per coprire uno spazio così alto e così grande senza hit e due album alle spalle? Per arrivare in alto bisogna scommettere e rischiare. Farlo nel 2011, ci rende fiduciosi.
Basta pensare alla presenza di un corpo di ballo di dieci elementi, proiezioni artistiche ispirate al mondo dei fumetti, sonorità e arrangiamenti che partono jazz, diventano rock, toccano il pop per poi offrire sfumature freestyle e di elettronica anche progressive. È uno spettacolo pieno di colori nel quale Mengoni si muove energico, maestoso, sfrenato.
Gli si rompono persino i pantaloni che lui ripara senza imbarazzo con del nastro adesivo. La sua verve ci ha lasciati senza fiato.
Un concerto professionale che rispetto al “Re Matto Tour” si rivela forse meno intimo, a volte troppo importante nel suo contorno. Marco Mengoni, a differenza di altri cantanti, ha molto da raccontare con il corpo e con la voce, e tanto basterebbe. Per questo nessun prodigio tecnologico può arrivare al livello del suo talento e personalità.
In alcuni frangenti, soprattutto nella parte acustica, il palco è (virtualmente) sparito per abbracciare gli spettatori a cui va dato il merito di avere orecchie da intenditori, capaci di guardare al loro artista preferito sapendo che sarebbe cambiato ancora una volta, che avrebbe mai nulla come è già stato. Un giovane che cambia le parole di un testo improvvisandole e stravolge l’acuto di una hit per farlo diventare qualcosa di più personale. Imprevedibile.
Dopo più di 20 brani (moltissimi inediti più il suo cavallo di battaglia “Psychokiller“) e i ringraziamenti a chiusura dello show ha regalato bis e altre cover. Ed è lì che si conferma l’artista più apprezzato, quello senza fronzoli e accessori che a luci accese, ritorna dal suo pubblico quando nessuno se lo aspetta.

Mengoni non riusciamo mai a inquadrarlo in un’istantanea precisa e questo fa di lui un artista da cui ci si aspetterà sempre qualcosa di più, di evoluto, di nuovo finalmente. Provoca e genera curiosità nell’era di un mondo musicale fin troppo scontato. La sensazione di bilico lo stimola. In realtà da quel precipizio in fondo non si è ancora gettato. Cammina sul bordo, mentre l’Italia sta a guardare.

magia :chupa
vallettadelre
vallettadelre
mengonella
mengonella

Messaggi : 6786
Data d'iscrizione : 19.05.10
Età : 44
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da mafalda il Dom 27 Nov 2011, 19:12

Mengoni: 'Piu' talent nel mio tour che in tv'
Dopo l'anteprima a Milano spia , martedi' a Roma con 'Solo tour'
27 novembre, 18:55


di Elisabetta Malvagna

ROMA - E' sicuramente il testimonial più credibile dei talent show: Marco Mengoni è stato ospite di Star Academy, ma non andrà a X Factor, che dopo la vittoria nel 2009 l'ha lanciato sulla scena musicale italiana. Ma, a tre anni di distanza, Marco, che ha trionfalmente aperto il 'Solo Tour' con un'anteprima al Mediolanum di Assago, è deluso: "I talent hanno perso un po' di brillantezza - dice all'ANSA durante il viaggio tra Milano e Roma -. Ora c'é più attenzione allo spettacolo che al talento.

Mi dispiace un po', è una delle poche cose rimaste per fare uscire qualcuno. C'é più talent nel mio tour che in tv", aggiunge orgoglioso del fatto che tutto lo staff e la crew del suo tour è composta da giovanissimi e non da navigati professionisti. "E' uno show fatto da giovani, per i giovani e con i giovani. La costumista è appena uscita dall'Accademia di Roma, i ballerini escono ora dall'Eschilo e dallo Ials, sono passati direttamente dalla lezione al tour. Anche i ragazzi delle grafiche sono giovanissimi. I professionisti sicuramente ti danno un prodotto più pulito, con meno errori, ma con loro sali sul palco con un'altra carica, sono tutti emozionatissimi. Ci abbiamo messo tanta volontà. C'é gente che ha lavorato giorno e notte anche gratis per fare una cosa bella".

Alla sua costumista Marco però dovrebbe dire di rafforzare il cavallo dei pantaloni: gli si è strappato in uno dei momenti topici dello show: "Incredibile, corri de qua e corri de là, fai lo showman, l'attore, il cantante e il ballerino e poi... ecco uno sgarro nei pantaloni durante il pezzo più tragico, nell'unplugged di 'Dove si vola'. A un tratto ho visto che nelle prime file si vociferava . Ho pensato 'no, stai a guarda'. Avevo pure messo delle mutande bianche. S'é montata tutta una scenetta , abbiamo messo dei pezzi de scotch proprio lì. mi era successo di tutto, anche il palco andato a fuoco, ma questo mai".

E il rinforzino ai pantaloni? "Ci pensa mia madre e un'amica sua, vengono in tour gratis per dare una mano.", assicura. L'anteprima di ieri sarà difficile da dimenticare, non solo per questo piccolo incidente: "Assago mi mancava, è un bel traguardo - dice Marco, che nonostante tutti i successi ottenuti è rimasto con i piedi ben piantati per terra - .Non mi aspettavo tutta quella gente. Sono arrivato il giorno prima e non ho voluto vedere il Mediolanum, neanche vuoto. La sera del concerto il mio team mi ha detto 'non te preoccupa', anche se vedi dei grandi buchi, magari non ci sono tante persone ma sono quelli giustì. Sono uscito ed era tutto strapieno. Mi sono inginocchiato per l'emozione, non riuscivo a crederci. Non mi ritengo modesto, ma realista". Martedì bis a Roma, al Palalottomatica, che "conosco molto bene. Vediamo Roma come risponde. Ci tengo troppo, la sento come la mia seconda casa. Mi sento adottato", dice l'artista di Ronciglione. Torni a Sanremo quest'anno?

"Di canzoni nel cassetto ne ho una marea, ma non so se il tour, che è molto impegnativo, in tutti i sensi, mi permetterà di andare al festival", risponde Mengoni, che a una domanda sull'ipotesi di un ritorno alla lira dice: "Non sarebbe l'unica retrocessione che fa la nostra società . Abbiamo fatto molti passi indietro. C'é violenza, discriminazione, razzismo". Compirà 23 anni il 25 dicembre, ma non tiene "particolarmente al Natale. Ai miei compleanni non c'era mai nessuno. Ho imparato a odiarlo da piccolo, quando ero Marco Mengoni-Grinch".

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/spettacolo/2011/11/27/visualizza_new.html_13084669.html

Spoiler:
Non aveva altro da chiedergli che non fosse il ritorno alla lira azzdici ?
Una marea di canzoni nel cassetto sbav
mafalda
mafalda

Messaggi : 8513
Data d'iscrizione : 20.05.10
Età : 58

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da Alux il Dom 27 Nov 2011, 20:17

Ecco a voi Sua Mattità Marco Mengoni:
martedì il Solo tour al Palalottomatica

di Simona Orlando
ROMA - Il Solo Tour è partito ieri dal Mediolanum Forum di Milano ed è in dirittura d’arrivo al Palalottomatica di Roma martedì 29 novembre. Sua Mattità, come qualcuno dei suoi scalmanati seguaci lo chiama, presenta il nuovo live, più tecnologico e minimale del precedente, e mette in scaletta i brani dell’ultimo disco Solo 2.0, subito schizzato in classifica, insieme a canzoni riarrangiate dall’Ep Re Matto e forse qualche cover: la sua ormai classica Psycho Killer, alla data zero di Roccaraso, l’ha dedicata al discorso Siate folli di Steve Jobs.

Prima di essere un cantante, Marco Mengoni era un cantante. Con voce strabiliante e una timidezza che lo ingolfava. Poi, grazie all’avventura X Factor (e un giudice stimolante come Morgan) e al podio del Festival di Sanremo, la situazione è cambiata, ha ingranato, è esploso. Ha vinto il talent, si è arrampicato in classifica con Credimi ancora e Un giorno qualunque, ha incassato un Mtv Award per il Best European Act (segnale di un portentoso commando di votanti), ha convinto molti scettici fino ad annoverare tra i suoi fan nomi illustri della musica italiana come Elisa, Mina, Adriano Celentano, Lucio Dalla che lo ha voluto in Meri Luis perché era l’unico che avrebbe potuto raggiungere fedelmente l’estensione originale del brano.

Marco Mengoni è sbocciato. Prima del successo era un timido cronico, e pensava che addirittura gli occhiali da sole fossero troppo stravaganti. Si sentiva continuamente giudicato, si metteva i capelli a copertura del viso e si sentiva ancora più osservato. Non se ne usciva. Dice che il carattere si è cominciato a formare facendo il barista. Dietro al bancone ha imparato la psicologia del cliente e a trattare con le persone (comunque un tipo di pubblico), a incassare se aveva sbagliato a spiattellare un caffè troppo ristretto (la commissione critica).

In realtà la crescita, la fioritura, è avvenuta sotto gli occhi di tutti, puntata per puntata. Faceva il cameriere a Frascati, viveva di mance e spese al discount, e ora si esibisce in palazzetti davanti a migliaia di spettatori. Continua ad essere timido cronico nella vita, ma non sul palco, dove si trasforma, balla, canta, posa, è sicuro di sé, è decisionista. Ha ideato lo show di questo tour da lui definito un po’ futurista, ha immaginato con lo scenografo una metropoli del 2040, ha scelto i costumi, i cambi d’abito, le videoproiezioni, il corpo di ballo. E in questa veste imprenditoriale ha dato il buon esempio arruolando per la scena solo giovani artisti sotto i trent’anni, non troppo esperti e per questo molto più appassionati al progetto.

Di questo ragazzo dall’ugola d’oro - talmente dotato che fa sospendere il giudizio sulla qualità delle canzoni - è rimasto il chiaroscuro di partenza. Una malinconia strana che però tende alla luce, quel bianco e nero che contraddistingue anche certe mise (copiatissimo il suo stile bicolore) e ritorna in Solo 2.0 che è quasi un’ode alla solitudine. Se uno come Dente, cantautore all’opposto di Mengoni, invisibile, appartenente al mondo della musica alternativa, alieno ai karaoke televisivi e agli eccessi pop, ha deciso di scrivere un brano per lui, vuole dire che pian piano la sua carriera si sta facendo trasversale e sta sciogliendo sempre più pregiudizi.

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=171316&sez=HOME_SPETTACOLO&ssez=MUSICA
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da camila il Lun 28 Nov 2011, 09:42

Marco Mengoni, al via il tour tra rock e lap dance
Il cantante a Milano con oltre due ore di concerto con immagini e luci spettacolari

08:50 - Ottomila fan (dichiarati dall'organizzazione), tra ragazzine e numerose famiglie al completo, hanno applaudito al MediolanumForum la prima data del "Solo Tour" di Marco Mengoni. Il cantante ha proposto oltre 20 brani per due ore di show a tutto rock con proiezioni e corpo di ballo. Marco si è confermato un ottimo performer rendendo eccellenti anche brani così così. Secondo appuntamento a Roma il 29 novembre.
Ad applaudire il cantante anche Alessandro Cattelan e Luca Tommassini che ha accompagnato i protagonisti di "X Factor", accolti da ovazioni del pubblico. Il palco è sormontato da una parete di numerosi pannelli bianchi - su e una porta al centro. La band è posta in buchi dentro la grande parete quasi a distaccarsi da Mengoni che rimane "solo" al centro del palco.

Lo show inizia con un'introduzione di diverse proiezioni. Dietro la porta Mengoni è prima legato e seduto per terra, si libera e appare con un elegante smoking e scarpe rosse. Il primo brano è "Searching", seguito dalla scatenata "Un gioco sporco" assieme a un corpo di ballo. Marco ringrazia il pubblico: "Stavolta non piangerò è un viaggio verso qui, verso noi. Verso qui, verso me e verso noi". Poi riprende con "In viaggio verso me". Penombra e poi un tripudio di luci segna il brano "La guerra".

Fasci di luce arancione e atmosfera intima per uno dei brani più amati del cantante, la ballad "In un giorno qualunque" in cui Mengoni mostra una potente vocalità oltre che interpretativa. Scatenato e con una giacca di velluto blu Marco canta "Uranio 22", lap dance per "Psychokiller" introdotto da alcune parole del cantante per ricordare Steve Jobs: "Qualcuno che ci ha lasciati ci ha detto di essere affamati e folli e noi siamo cosí".

E ancora la ballad "L'equilibrista" con proiezioni in bianco e nero che ritraggono un Mengoni anni 20. Non poteva mancare il successo sanremese "Credimi ancora", riarrangiata e anticipata da un intro ambientato in una cattedrale.

Spazio al medley acustico con due chitarre che comprende "Dove si vola", "Lontanissimo da te", "Questa notte" e "No stress". Piccolo incidente prima di "Mangialanima", strappo ai pantaloni di Mengoni che vengono "ricuciti" con dello scotch. Viene trasmesso un filmato in bianco e nero con Mengoni in una stanza 264 mentre suona degli accordi di piano che introducono "Tonight", seguono "Come ti senti" con tutto il corpo di ballo tra piume e paillettes e atmosfera da discoteca. Infine il secondo singolo "Tanto il resto cambia" e "Dall'inferno". Tra i bis spicca il primo singolo "Solo" anticipato dalle note del "Bolero". Durante i titoli di coda con i crediti del concerto Mengoni interagisce dietro le quinte con il pubblico a microfono aperto.

Un live ben articolato - anche se sul finale il pubblico sembrava alquanto silenzioso - e ispirato a produzioni americane. Il Re Matto stavolta toglie la corona trasformandosi in un performer dalla fattura internazionale con uno sguardo verso il rock più che al pop. La sua capacità di valorizzare brani alcuni non proprio eccellenti è un grande pregio che gli va riconosciuto. "Ci ho messo la faccia in questo album Solo e ho fatto esattamente quel che volevo fare. Me ne assumo la responsabilità piena", aveva detto in una nostra intervista. Con questo concerto il Re Matto dimostra di esser diventato coraggioso.

http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/articoli/1029363/lap-dance-e-rock-per-mengoni.shtml


camila
camila
mengonella
mengonella

Messaggi : 9869
Data d'iscrizione : 13.05.10
Località : in giro per l'Italia

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da Kaiser il Mar 29 Nov 2011, 13:35

Marco Mengoni: Dal timore di un flop alle porte del successo indiscusso – Il Concerto di Milano

26 Novembre, Assago (Mi).
Si è aperto definitivamente ieri il nuovo tour di Marco Mengoni: “Solo 2.0 Tour”.
Anticipato dalla data zero, svoltasi la settimana scorsa a Roccaraso, la prima esibizione del cantante viterbese ha affascinato ed emozionato sia il pubblico che lo staff stesso.

Reduce da critiche poco positive nei confronti dell’album, Marco più volte ha espresso la sua ansia nei confronti del suo nuovo prodotto:
“Ci abbiamo lavorato molto, spero che piacerà”, ha più volte dichiarato l’artista.
E così è stato, indubbiamente.

Con un primo timore di flop, per la tarda affluenza del pubblico (si stimava un massimo di mille persone in coda ancora verso le quattro circa), il Forum
Mediolanum di Milano Assago ha registrato quasi un sold out: più di 8000 spettatori con gli occhi puntati sul proprio beniamino, o beniamino delle
proprie figlie.
Durante lo show Mengoni si è dimostrato un grande padrone di casa, che ha saputo interagire in grande stile con il suo pubblico e rimediare ai piccoli inconvenienti in modo simpatico e teatrale. Un animale da palcoscenico, senza dubbio!
Due ore e dieci di concerto no stop.
Ventisei i brani presentati: quelli tratti dal nuovo cd; un medley acustico degli inediti proposti per X-Factor -“Dove si vola” e “Lontanissimo da te”- con l’aggiunta di “Questa Notte” e “No stress”; le tracce del primo EP del tutto riarrangiate in base al filo rosso che lega i pezzi alle varie parti del Comic, creando un vero e proprio spettacolo interattivo; famose cover, quali l’immancabile “Psycho Killer” e “I Can’t Stand The Rain”, “Natural Blues”, “In this world”.
Indubbiamente, ciò che ha lasciato ogni spettatore a bocca aperta, oltre alla riconosciuta bravura di Mengoni, sono state le scenografie, firmate Fabbiani-Mengoni, e le coreografie di Stefano Oddi. Lodevole l’essenza sperimentale, data anche dalle operazioni al mixer da parte di Mattia Davide Amico, che ha accompagnato ogni singola nota, permettendo ai musicisti di passare con grande naturalezza da un genere più rock ad uno più disco.

Agitato, Mengoni ha aperto quest’anteprima di tour, mettendosi letteralmente le mani nei capelli e guardando la folla emozionante. Conclusa ad occhi umidi e proiettato già alla seconda anteprima, che si terrà il 29 Novembre a Roma al Palalottomatica, altro “piccolo” spazio.
Ma come biasimare questo ragazzo di quasi ventitré anni, sulle scene da due, su un palco che giusto l’altro ieri, 27 Novembre, ha ospitato uno dei più grandi artisti sulla terra, Paul McCartney?

In conclusione: bravo Mengoni, per te un 9.
In bocca al lupo per il resto del tour.

Valentina Musso
http://www.lineamusica.it/2011/11/marco-mengoni-dal-timore-di-un-flop-alle-porte-del-successo-indiscusso-il-concerto-di-milano/
Kaiser
Kaiser

Messaggi : 11889
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 65

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da camila il Ven 02 Dic 2011, 14:54


Domani, 3 dicembre parte il tour di Marco Mengoni


Torino, si cambia. Anche se non parliamo di stazioni ferroviarie, è vero che stiamo parlando di “treni” in partenza, treni speciali come quello che sembra aver preso Marco Mengoni con questo suo Solo 2.0 tour che si avvia, sabato 3 dicembre, dal Palaolimpico torinese.
Sulle previste 60 date, eccoci dunque allo start dicembrino del tour che, in questo ultimo mese del 2011, vedrà l’artista italiano impegnato – oltre che nella città della Mole – al Pala Dozza di Bologna il 7, al Gran Teatro Geox di Padova l’8, al Mandela Forum di Firenze il 14, al Palapartenope di Napoli il 15 e al Palacatania etneo il 17.

Dopo, un paio di partecipazioni “istituzionali”: il Concerto di Natale a Roma il 21 dicembre e il ritorno sul palcoscenico televisivo di XFactor il 22 dicembre.
Si torna in tour a febbraio con le date già annunciate del 3 a Udine – Pala Carnera, del 4 a Rimini – 105 Stadium e del 13 a La Spezia – Pala Mariotti.
Si cambia, dicevamo. Perché i concerti che affolleranno i più capienti palazzetti italiani non avranno la stessa modulazione che abbiamo visto nelle due anteprime di Milano e Roma (26 e 29 novembre) e, se pur non è dato sapere dettagli sul nuovo progetto, è certo che molti saranno i punti fermi, come la scaletta e l’uso della struttura-palcoscenico

Lo spettacolo – Con la regia curata proprio dallo stesso artista, lo spettacolo funziona come un meccanismo ad orologeria. Nessuna pausa, nessuna interruzione, buona scansione dei tempi e soprattutto gran bell’uso del fondale bianco su cui vengono proiettate immagini, video ed effetti luci di grande impatto. Secondo quanto dichiarato dallo stesso Mengoni, il fondale disegna lo skyline di una città del futuro su cui si scatenano “piogge emozionali”, prendono vita cattedrali gotiche per celebrare il funerale del Re Matto, ma soprattutto vengono proiettati i due bellissimi video che accompagnano Tonight (sul quale l’artista confessa visivamente la sua “ossessione” per la musica) e Tanto il Resto Cambia (con un Mengoni-Pierrot molto intenso).
Oltre due ore di intrattenimento curato in ogni dettaglio, che si tratti della bella atmosfera del set acustico o che si tratti dell’intermezzo “secsi” di un autoironico protagonista alle prese con un palo da lap-dance, o dell’intermezzo rutilante a tutto pop con tanto di giubbino che si illumina. Sì, lo spettacolo funziona, dall’avvio elegante con Searching e con una sorprendete In Viaggio Verso Me (dal precedente cd “Re Matto”, qui in una versione irriconoscibile), fino all’esplosiva Dall’Inferno e alla coinvolgente Solo. Molto apprezzata dai fans l’idea del secondo bis a luci accese, momento che si trasforma in una festa davvero gradita sia per la strana intimità anche senza il buio e gli effetti speciali, sia per la scelta dei pezzi che la animano: I Can’t Stand The Rain, Natural Blues e In This World. In tutto sono 23 i brani portati sul palco, oltre un medley, che si agganciano l’uno con l’altro con buona sapienza.

La Band – Giovanni Ballotti al basso e Davide Sollazzi alla batteria; Peter Cornacchia e Stefano Calabrese alle chitarre; Marco Lucci alle tastiere e Demian all’elettronica. Tutti giovanissimi, con Lucci alla prima esperienza mengoniana e Demian (ovvero Mattia Amico, ex Luana Biz, conosciuto da Mengoni all’interno del loft di XFactor 3) che scopriamo essere un vero talento nell’uso delle sonorità elettroniche.
Il gruppo è puntualissimo nell’accompagnare la voce imprevedibile del ronciglionese (i due e più anni di lavoro quotidiano insieme hanno creato una complicità dal forte impatto), senza mancare di sottolineare la potenza della parte ritmica e l’eleganza della chitarra acustica di Cornacchia, che sposa molto bene le sonorità blues e jazz innate nella voce del front-man. Apprezzatissimo l’apporto grunge della chitarra di Calabrese che dà ancor più corpo al tessuto musicale.

Il protagonista – Mengoni stupisce. Perché è bravo e perché riesce a tenersi lontano da ogni rischio “citazione”. Interpreta anche le cover (oltre alle tre del secondo bis, in scaletta l’immancabile Psycho Killer e No Stress) in modo assolutamente personale, cercando sempre un suo modo, un “hic et nunc” per dar voce alla musicalità che gli sgorga a getto continuo. Da qui l’unica pecca che gli si può muovere, ovvero quella della ricerca ossessiva del sorprendente, dell’uso della sua voce fino al limite concesso (o fino a qui conosciuto), del volere a tutti i costi demolire la misura “sufficiente” per strabordare. L’impatto emotivo sul pubblico è straordinario, tanto che i suoi fans lo amano anche di più quando lo colgono in flagranza di errore, imprecisioni che certo si dimenticano perché il giovane artista, sul palco, ha la rara capacità di creare un legame complice con ciascuno dei suoi ascoltatori, che siano fans sfegatati o accompagnatori costretti.
E’ bravo, non c’è dubbio alcuno. E ne ha dato l’ennesima prova nell’improvvisazione scat regalata a Roma con la partecipazione eccezionale di Gegè Telesforo, prova d’artista che conferma e convince ancora di più.
Mengoni è giovane. La sua proposta musicale viene additata come una “macedonia” di frutta fresca e piacevole, ma pur sempre “macedonia”. Perché è ad oggi impossibile incasellarlo nel pop, o nel rock o… Sta cercando la sua strada e la sua misura. Sta sperimentando forme d’arte che vanno dalla musica alla graphic novel (interessante l’esperimento del comic, il fumetto interattivo scaricabile con il cd), dalla regia del suo spettacolo alla scrittura dei suoi testi (scrittura che deve ancora crescere e migliorare) fino all’uso sempre più maturo e responsabile del suo strumento. Che è la voce e nient’altro. Insomma, Marco Mengoni, “artista” solo dal gennaio 2010, è quanto di più interessante ci sia nel panorama musicale non solo italiano, così come affermato dai grandissimi Celentano, Mina, Zero e Dalla, suoi sinceri fans. E’ solo giovane. E questo non è affatto un difetto.

E.G.

http://www.ilmiogiornale.org/domani-3-dicembre-parte-il-tour-di-marco-mengoni/
camila
camila
mengonella
mengonella

Messaggi : 9869
Data d'iscrizione : 13.05.10
Località : in giro per l'Italia

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da vallettadelre il Mer 11 Gen 2012, 20:31

non facciamo arrabbiare il tour...e quindi riprendiamo a catalogare le notizie che stanno cominciando a fare capolino, sulle date già previsto a febbraio!
occhioni occhioni occhioni

http://laspezia.mentelocale.it/34882-marco-mengoni-solo-tour-2-0-il-concerto-al-palamariotti/

Marco Mengoni, Solo Tour 2.0. Il concerto al Palamariotti

L'unica data ligure è alla Spezia, lunedì 13 febbraio. Tra rock romantico e voce cristallina


La voce limpida e cristallina di Marco Mengoni, impegnato dallo scorso novembre 2011 nel Solo Tour 2.0, salirà sul palco del Palamariotti della Spezia (via Carlo Alberto Federici) lunedì 13 febbraio alle ore 21.00, per proporre dal vivo i successi dei suoi album Re Matto e Solo 2.0.

Il cantante, originario della provincia di Viterbo, ha vinto la terza edizione del talent show televisivo X Factor, nel 2009, nella categoria capitanata da Morgan (16-24 anni) e si è classificato al terzo posto all'edizione 2010 del Festival di Sanremo con il pezzo Credimi ancora. Ha inoltre collaborato con artisti italiani come Dente, i Cluster e Neffa, collaudando la sua vena rock romantica.

Il Re matto, come viene chiamato il cantante dai fan, ha inciso nel 2011 l’album Solo 2.0, che dà il titolo anche al tour, interamente composto da brani originali. Tutti gli amanti dei virtuosismi vocali di Marco Mengoni potranno applaudire l’artista, definito Best Italian Act, ovvero miglior cantante italiano, durante gli European Music Awards di Mtv nel 2010, nella sua unica tappa ligure (saltato il concerto di Genova previsto per lo scorso 4 dicembre).

I prezzi dei biglietti, disponibili presso la biglietteria del Teatro Civico in piazza Mentana alla Spezia, sono di 28 Eu per il parterre, 31 Eu per la tribuna non numerata e 34 Eu per la tribuna non numerata. A tutte le tariffe vanno aggiunte le spese di prevendita.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il teatro spezzino al numero 0187 757075.

W Marco musico
vallettadelre
vallettadelre
mengonella
mengonella

Messaggi : 6786
Data d'iscrizione : 19.05.10
Età : 44
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da vallettadelre il Mer 11 Gen 2012, 20:39

e non può mancare Rimini! ciao moooo

http://www.riminitoday.it/eventi/concerti/concerto-marco-mengoni-105-stadium-rimini.html

Marco Mengoni a Rimini con il suo “Solo Tour 2.0″.


Amatissimo dalle giovanissime ma non solo, Marco Mengoni arriva al 105 Stadium di Rimini sabato 4 febbraio 2012 con il suo “Solo Tour 2.0″.

Il concerto vedrà Mengoni esibirsi con i nuovi successi dell’ultimo album uscito lo scorso 27 settembre. La carriera del giovane cantante è iniziata pochi anni fa con la vincita del talent show X-Factor, edizione 2010 e l'arrivo in terza posizione al Festival di Sanremo nello stesso anno. Il giovane talento italiano ha inoltre già sperimentato nuove sfide presentando la scorsa edizione degli Mtv Europe Music Awards .

Per infomazioni e prevendite: 0541/785708
vallettadelre
vallettadelre
mengonella
mengonella

Messaggi : 6786
Data d'iscrizione : 19.05.10
Età : 44
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da Therese il Mer 11 Gen 2012, 23:18

http://laspezia.mentelocale.it/34882-marco-mengoni-solo-tour-2-0-il-concerto-al-palamariotti/

Marco Mengoni, Solo Tour 2.0. Il concerto al Palamariotti
L'unica data ligure è alla Spezia, lunedì 13 febbraio.
Tra rock romantico e voce cristallina

La voce limpida e cristallina di Marco Mengoni, impegnato dallo scorso novembre 2011 nel Solo Tour 2.0, salirà sul palco del Palamariotti della
Spezia (via Carlo Alberto Federici) lunedì 13 febbraio alle ore 21.00, per proporre dal vivo i successi dei suoi album Re Matto e Solo 2.0.
Il cantante, originario della provincia di Viterbo, ha vinto la terza edizione del talent
show
televisivo X Factor, nel 2009, nella categoria capitanata da Morgan (16-24 anni) e si è classificato al terzo posto all'edizione 2010 del Festival
di Sanremo
con il pezzo Credimi ancora. Ha inoltre collaborato con artisti italiani come Dente, i Cluster e Neffa, collaudando la sua vena rock romantica.

Il Re matto, come viene chiamato il cantante dai fan, ha inciso nel 2011 l’album Solo 2.0, che dà il titolo anche al tour, interamente composto da brani originali. Tutti gli amanti dei virtuosismi vocali di Marco Mengoni potranno applaudire l’artista, definito Best Italian Act, ovvero miglior cantante italiano, durante gli European Music Awards di Mtv nel 2010, nella sua unica tappa ligure (saltato il concerto di Genova previsto per lo scorso 4 dicembre).

I prezzi dei biglietti, disponibili presso la biglietteria del Teatro Civico in piazza Mentana alla Spezia, sono di 28 Eu per il parterre, 31 Eu per la tribuna non numerata e 34 Eu per la tribuna non numerata. A tutte le tariffe vanno aggiunte le spese di prevendita.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il teatro spezzino al numero 0187 757075.
Therese
Therese
mengonella
mengonella

Messaggi : 12739
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 47
Località : Belleville

Torna in alto Andare in basso

[SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni Empty Re: [SOLO 2.0 TOUR] Notizie e recensioni

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum