Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Pagina 4 di 11 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 9, 10, 11  Seguente

Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Guenda il Sab 09 Feb 2013, 14:01

Guenda
Guenda
mengonella
mengonella

Messaggi : 17943
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 39

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Arianna il Sab 09 Feb 2013, 19:57

Dal profilo di Pico Cibelli
Spoiler:
[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 16330410
Arianna
Arianna
mengonella
mengonella

Messaggi : 4929
Data d'iscrizione : 13.01.13
Età : 61

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Kaiser il Dom 10 Feb 2013, 09:53

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Cds110

CORRIERE DELLA SERA - Domenica 10 Febbraio, 2013
Nannini al Festival con Mengoni «Sogno il bis e divento regista» Gianna in veste di autrice. E lui: risveglia il mio lato rock
Gianna Nannini a Sanremo ci va per interposta persona. Nel 2007 salì sul palco dell'Ariston come ospite per un assaggio della sua «Pia de' Tolomei», opera rock ispirata alla donna citata da Dante nella Divina Commedia. «Rimarrò sempre quella che non ci è mai andata. Avevo i tacchi quella sera, quindi non ero io, ma la Pia», ride Gianna. L'anno successivo il Festival lo ha vinto. Come autrice. A dare voce alla sua «Colpo di fulmine» ci pensarono Giò di Tonno e Lola Ponce (foto). E quest'anno tenta di nuovo il colpo.
È sua (con Pacifico) «Bellissimo», una delle due canzoni di Marco Mengoni che sentiremo nella prima serata. «Non ho mai avuto bisogno di Sanremo — graffia lei —. I miei dischi sono usciti sempre a ridosso del Festival e mi sono spesso ritrovata al numero uno in quei giorni». È capitato anche con «Inno», la scorsa settimana album più venduto secondo i dati ufficiali Fimi. L'obiettivo di Gianna però non è (soltanto) la vittoria. La cantautrice rock sta mettendo in piedi una sorta di factory artistica nei suoi studi di Milano, zona Porta Romana.
«Sto creando un movimento in cui cerco di contaminare musica, cinema e letteratura. Facciamo delle session con tre-quattro persone da cui nascono pezzi per dei ragazzi emergenti. Mi sono messa al servizio di chi cerca una strada. Voglio aiutare lo stile di una persona a nascere e non a copiare con le cover come hanno insegnato i talent show». Il primo pupillo è Mengoni. «È stato come vedere un sogno che si consolida — confessa il vincitore di "X Factor" 2009 —. La mia parte rockettara ha sempre amato Gianna. Ero nello studio a fianco del suo e lei, con la sua esplosività dirompente, mi ha fatto questa proposta». Lei lo coccola: «Marco è un fuoriclasse, non imita nessuno».
La collaborazione non si è conclusa con la consegna del pezzo. Oltre alla macchina, la rocker ha offerto anche le lezioni di guida. «Lo sforzo è stato quello di trovare dei brani che gli facessero fare di meno con la voce, ho cercato di eliminare le svisate inutili e di portarlo a concentrarsi sulla nota melismatica che è simbolo dell'italianità. Dobbiamo fare musica doc e poi aprirci alle contaminazioni. Gli ho consigliato di allargare, di dare più aria». Conferma il «re matto»: «Mi ha dato suggerimenti su come appoggiare la voce. Io finisco sempre oltreoceano, i miei modelli erano lì, lei mi ha fatto volgere al romantico».
La Nannini promette che sarà davanti al televisore. «Lo seguirò. E spero di poter baciare il televisore per festeggiare, come feci per "Colpo di fulmine"». A proposito di Sanremo del passato, Marco quali ricordi ha? «Quelli più vecchi con Tenco me li vado a vedere su YouTube. Passando a cose vissute in diretta, ricordo il Sanremo di Fazio '99 e le risate per Anna Marchesini che imitò la Montalcini». Gianna è un ciclone. «Inno» è diventato la colonna sonora del Pd. «In politica c'è qualcuno che ha buon gusto nella musica», commenta lei. Il 9 aprile parte il tour. «Sto prendendo lezioni di teatro-danza perché il mio corpo non sarà solo irruenza, ma diventerà un elemento scenico — racconta in anteprima —. E non ci saranno i video che rompono le scatole». E per la prima volta si è dedicata alla regia di un video, quello di «Nostrastoria», ambientato nell'ex carcere militare di Peschiera del Garda. «Volevo dare l'idea dello sforzo richiesto per uscire da qualcosa che ti imprigiona come l'amore — racconta lei —. Ho amato moltissimo Antonioni, ma qui ho scelto inquadrature strette, ispirate a Danny Boyle. Però non ho usato uno stile da film come si usa oggi, ho preferito montare le immagini facendo "vedere" il ritmo». Tanti progetti in arrivo anche per Mengoni. Il virtuoso ha cambiato staff e musicisti. Una rivoluzione dopo che «Solo 2.0» non era riuscito a confermare i risultati del debutto (oltre alla vittoria nel talent, il podio a Sanremo e il premio come Best European Act agli Ema di Mtv). «In questi anni ho fatto vedere molte facce della mia musica — anticipa —. Nel nuovo album, che uscirà a fine marzo e ancora non ha un titolo, si vedrà di più quella solare. È un disco di resurrezione, di felicità».
Il venerdì sera, nella serata dedicata alla celebrazione della tradizione del Festival interpreterà «Ciao amore, ciao», presentata da Tenco e Dalida nel 1967, l'anno in cui il cantautore genovese si uccise. «Tenco è fra i miei preferiti. Era un maledetto ma col sorriso splendente. Ho amato la versione di Dalida prima di scoprire quello che era accaduto, la loro storia. Il "ciao amore" riletto con quella consapevolezza è ancora più commovente. Spero di rispettare la canzone con i miei 24 anni».
Andrea Laffranchi
Kaiser
Kaiser

Messaggi : 11889
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 65

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Riala il Dom 10 Feb 2013, 16:50

Riala
Riala
mengonella
mengonella

Messaggi : 5751
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 50

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Zoe il Dom 10 Feb 2013, 17:54

http://www.giornaledipuglia.com/2013/02/marco-mengoni-un-ritorno-dal-sapore-rock.html
Marco Mengoni, un ritorno dal sapore rock
di Marco Masciopinto.

Quando Morgan ad X Factor decise di puntare su questo giovane talento dalle grandi doti vocali, ebbe l'occhio lungo. Il suo pupillo vinse quell'edizione e si aggiudicò l'accesso diretto tra i big al Festival di Sanremo del 2010, arrivando terzo. Ora ritorna su quel palco prestigioso e lo fa grazie alla grande rocker Gianna Nannini e a Pacifico, che per il cantante di Ronciglione hanno scritto il brano “Bellissimo”. Dal primo ascolto del nuovo brano che Mengoni porterà a questo festival, si può notare la notevole crescita artistica del cantante, un brano intimo, ritmato e dal sapore rock che arriva dritto nell'anima. Non si può che evidenziare la grande vocalità di Mengoni in questo brano. L’altro pezzo che presenterà è “L’essenziale”, una piacevole ballad italiana, dove prevalgono i sentimenti. I bookmaker lo vogliono vincitore. Noi ci crediamo! Di sicuro Marco non ci deluderà. Il ragazzo scoperto dal talent che tentava la scalata al successo, resta un ricordo. Nel suo nuovo disco in uscita a marzo, scopriremo il nuovo profilo musicale di Mengoni. Intanto cresce l'attesa di ascoltarlo a Sanremo. Possiamo immaginare anche il look che adotterà nelle serate della kermesse canora: i suoi look stravaganti e originali, ha sempre fatto centro. Ricordiamo ancora il total look black-white con cui si presentò sul palco dell'Ariston di tre anni fa, grintoso e allo stesso tempo raffinato, mentre intonava ''Sono un re matto, muovo luci e tenebre'', nel pezzo Credimi Ancora. Le ultime critiche ricevute sui due nuovi brani, saranno abbattute. Il grande talento di Mengoni si riconfermerà ancora una volta.
Zoe
Zoe
mengonella
mengonella

Messaggi : 9955
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Alux il Lun 11 Feb 2013, 10:00

Marco Mengoni: "Lo confesso, sono sereno"
Il cantante a Tgcom24 svela i segreti del suo nuovo album in uscita a marzo
09:24 - La parola d'ordine per Marco Mengoni in questo momento è: serenità. Il cantante torna a Sanremo dopo il terzo posto nel 2010 con "Credimi ancora". Due i brani in gara: "L'essenziale" scritto con Casalino e "Bellissimo" di Gianna Nannini e Pacifico. L'incontro con Gianna è avvenuto in un cortile, per caso e il suo brano "Bellissimo è anche lo stato in cui mi trovo oggi", dice a Tgcom24. Il nuovo cd esce a marzo.
Cos'è successo dopo la pubblicazione del tuo album "Solo 2.0"?
"Solo 2.0" è un album in cui è vero, ci ho messo la faccia, in cui ho sperimentato e rischiato, come sempre faccio nella vita. E questo "figlio" mi ha portato al nascituro che verrà.

Quali sono le novità di questo nuovo album in uscita a marzo?
Il mio nuovo produttore è Michele Canova. E' stato bello confrontarmi con un colosso come lui... Se dovessi dare una definizione del lavoro posso dire che in questo album ci siamo settati sulla concretezza. Abbiamo cercato di dare alla mia voce modi diversi di esistere e abbiamo cercato di rappresentare il mood che sto vivendo oggi: la serenità.

Com'è nata la collaborazione con Casalino per "L'essenziale"?
Mi è arrivato il provino del pezzo quasi casualmente. All'inizio non mi ha sconvolto. Poi però interpretandolo e mettendoci le mani, riscrivendolo insieme agli altri due autori è quasi diventato una seconda pelle. Un'ossessione. Bellissima.

La canzone inizia con "non accetterò un altro errore di valutazione". A te è capitato di farne?
Gli errori di valutazione credo siano insiti nell'essere umano, l'importante è cambiare idea o comunque accorgersi che si ha sbagliato. Solo gli stupidi non lo fanno.

Quando hai incontrato Gianna Nannini?
Si trovava nello studio accanto al mio e mentre lei finiva il suo disco io lo stavo iniziando. Ci siamo incontrati casualmente nel cortile e da lì, è partito tutto. A distanza di pochi giorni mi ha fatto sentire questo pezzo, io ovviamente mi sono sentito onorato di ricevere un suo brano. Mi è piaciuto poi sentirci, anche via Skype per confrontarci sull'interpretazione, su come usare la voce...

E' una canzone d'amore anche con risvolti sexy con "rimani addosso proteggimi dal mio dolore dalle parole"...
Quando interpreti un pezzo scritto da altri metti sempre comunque qualcosa di te. Il "bellissimo" di questo pezzo può essere interpretato come la vita in genere, che ti porta a conoscere, a condividere a vivere appunto. Bellissimo è anche lo stato in cui mi trovo oggi, oggi che presento a Sanremo questo mio nuovo album che uscirà.

http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/articoli/1080970/mengoni-ora-sono-sereno.shtml
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Iaia il Lun 11 Feb 2013, 12:02

http://symposium-somniumscipionis.blogspot.it/2013/02/quello-che-di-mengoni-non-dicono.html

domenica 10 febbraio 2013
Quello che di Mengoni non dicono

Si avvicina Sanremo, un evento che di per sé non credo possa avere una rilevanza assoluta per chi ama la musica, ma è sicuramente una vetrina per conoscere le proposte musicali dell’anno, circondate –come sempre- da un po’ di rumore mediatico fatto di applausi e critiche. Il tam tam che si genera su blog, riviste, quotidiani (anche on-line) è sempre un flusso infinito di opinioni discordanti ed antitetiche, pronostici bizzarri, opinioni che hanno più il sapore di sentenze di condanna, alcune di assoluzioni e accese discussioni tra fans.
Insomma, il successo di Sanremo sembrerebbe decretato più da ciò che sta fuori dal palco che da ciò che vi sta dentro. Ma a questo siamo avvezzi da parecchi anni. Quest’anno, però, qualcosa almeno all’apparenza sembra essere cambiata. Una leggera variazione di rotta, che farebbe ben sperare per le sorti future del festival.
In che senso? I conduttori Fabio Fazio e Luciana Littizzetto hanno puntato su un Festival più nostrano e meno internazionale e sulla scelta di concorrenti più vicini alla gioventù. Quella rottamazione fallita in politica, quello svecchiamento ritenuto da molti necessario sembra aver trovato una piena risposta nella lista dei cantanti in gara per il titolo che da ben sessantatre anni viene assegnato nella città ligure. In questa prospettiva ci sembrano chiare le esclusioni di Anna Oxa ed Al Bano e l’ammissione in gara di giovani talenti come Chiara Galiazzo (ancora semi sconosciuta, vista la sua folgorante carriera musicale, che è ancora agli arbori) e soprattutto Marco Mengoni.
Fatta la dovuta premessa per chiarire il quadro d’insieme, mi sembra giunto il momento di puntare al nocciolo della questione. L’ammissione in gara di Marco, mi ha spinto a seguire con più attenzione le pagine musicali e culturali di questo ultimo mese e mezzo in cui i giornalisti si occupano di studiare i preparativi e di prendere volenti o nolenti in considerazione i cantanti in gara. Così, salta fuori dalle pagine delle riviste un bel mix di opinioni all’ascolto dei brani che ancora sono inediti per tutti coloro che stanno fuori dallo status quo privilegiato della stampa. Stampa, che sembra essere ripetitiva, ridondante e anche machiavellica nella descrizione dei pezzi. Ma più che questo, più che interessarmi al parere circa i brani che si basa inevitabilmente sui gusti insindacabili di chi ascolta e poi scrive, ho deciso di prestare attenzione alla considerazione che il critico presta all’artista che ha in cuffia e con cui si deve misurare. Per quanto riguarda Mengoni ne viene fuori un quadro largamente stereotipato, sciatto, piatto e in alcuni casi addirittura vuoto. Accanto al suo nome si legge inevitabilmente “vincitore di xFactor2”. Per quanto il successo nel talent non decreti di per sé un prodotto necessariamente commercializzato e dal sapore standard e per quanto, soprattutto, questo non possa essere detto della voce di Mengoni, l’etichetta che la critica gli lascia ancora addosso è proprio quella di pupillo di Morgan, incontrastato nella seconda edizione del reality. Come se tutto finisse lì e non cominciasse invece proprio da quel palco in cui ha messo il primo mattoncino per la sua carriera. Il reality non viene visto come un’opportunità, come un modo per poter tirar fuori qualità che si devono comunque aprioristicamente possedere, ma come un marchio d’infamia perché macchia la gavetta che nei mitici anni ’60 e ’70 fecero i nostri più grandi artisti. L’ideologica convinzione che sta alla base di questa affermazione lascia intendere che i grandi vengono fuori grazie alla sapiente intuizione di un produttore discografico e non per merito di un televoto. Vorrei ricordare che artisti come Nek, Pausini e Giorgia sono stati scoperti grazie ai primi, rudimentali ed embrionali esempi di “talent” come Castrocaro o Sanremo Giovani. E’ anche vero che i talent lasciano inevitabilmente un segno di effimero successo, ma lo è solo nei casi in cui oltre un buon pezzo “che tira” non ci sia la stoffa ed il talento che possano sganciare dal panorama nazionalpopolare per essere invece lanciati nel mondo internazionale. Perché di Marco non viene detto che ha fans anche oltre Oceano, pur non avendo fatto neppure una tappa internazionale ed essendosi misurato solo con un rifacimento in spagnolo della sua In un giorno qualunque? Come si spiegano gli ammiratori in Messico, Brasile, USA, Canada? E’ credibile che si dica ancora di lui vincitore di xFactor e basta? Ok ricordare e ricordarsi sempre da dove si viene, ma non bisogna per questo smettere di guardare avanti.
Inoltre, il qualunquismo dilagante e che colpisce inevitabilmente anche la stampa ed i mass media, in generale, sembra attingere informazioni più da rudimentali e dozzinali profili di Wikipedia che dall’ascolto attento e sincero dei dischi. Su blog che non siano gestiti da fans, rarissimamente ho letto qualcosa di forte e concreto sull’ultima fatica di Marco. Mi riferisco all’album Solo 2.0. Chi ha accennato alla rivoluzionaria e geniale ideazione di un fumetto interattivo? Chi, in Italia, ha proposto questo nuovo modo di accompagnare il concept di un disco a delle immagini che racchiudessero un universo simbolico criptico ed intrigante con cui dar corpo ad un liet motiv che sarebbe poi diventato un tutt’uno con il suo breve ma intenso tour per i palazzetti? Possibile che neppure questo riesca a convincere?
E se neppure il talento puro, nudo, semplice e disarmante bastasse, perché non guardare in extremis anche la lunghissima sequela di successi e di premi? Perché non ricordare il Best European Act, che neppure artisti che girano il mondo come Zucchero, Ramazzotti, Vasco Rossi hanno mai ottenuto nella loro carriera? Perché non citare da ultimo, la vittoria del miglior tour del 2012? Perché si ignorano i complimenti Mina, Biondi, Celentano, Zero&Co.? O il premio legato al doppiaggio cinematografico Leggio D’oro, vinto in passato da un mostro sacro come Alberto Sordi? O ancora, perché non ricordare, ammesso che si sappia, che è stato a Casa Azzurri durante le ultime Olimpiadi di Londra per rappresentare l’eccellenza musicale Italiana insieme ad altri grandi artisti? E soprattutto, perché le radio hanno ostacolato e fatto ostruzionismo nei confronti dei tre singoli estratti dalla sua ultima fatica?
Questo e molto altro è tutto quello che di Mengoni non dicono. Non voglio aprire un’inchiesta o farne un caso, ma semplicemente sottolineare come quella stessa critica abbia due facce incoerenti: da un lato condanna e pretende chissà quale impegno culturale (ed anche questo concetto dovrebbe essere approfondito e chiarito), dall’altro sembra ignorare ciò che invece potrebbe essere considerato un buon substrato creativo per una carriera solida e che si spinga oltre i confini italiani. Abbiamo bisogno di più sensibilità e di meno ragione, abbiamo bisogno che le politiche commerciali siano al servizio dell’arte e non il contrario e di fondo, bisognerebbe avere una sincerità gratuita nei confronti del bello e non del conveniente. Non si dovrebbe giudicare in base al “può vendere”, ma al “questo è Bello”. Bisogna trovare una prospettiva che metta d’accordo quantità e qualità non protendendo assolutisticamente per l’una o per l’altra. Bisogna trovare un metro di giudizio che sia giusto e che metta insieme tutti i pezzi che compongono il puzzle, altrimenti avremo sempre una critica monca, zoppa e che soprattutto nei confronti del grande pubblico, lontano dagli aggiornamenti frequenti del web, abbia rispetto e mostri anche ciò che è meno conosciuto per infondere curiosità. Bisognerebbe staccarsi da certi stereotipi e clichè che relativisticamente inquadrano in categorie ben precise. L’Arte per sua natura è libera e questo Marco l’ha capito e lo sa bene ed è proprio nella sua voce che questa percezione viene fuori con naturalezza, una voce camaleontica, mutevole e sfuggente a qualsiasi paragone o confronto e che si libera in tonalità basse e profonde ed in altre quasi irraggiungibili per i comuni mortali, ma entrambe di una forza che abbattono qualsiasi semplicistica critica giornalistica e musicale che lo vorrebbe, a suo giudizio insindacabile, deciso e non indeciso, come se essere alla ricerca per nuove forme musicali fosse una colpa. Ed invece si perde il senso stesso della musica che è proprio quella di stupire per colpire dritto all’anima. Non è la ripetizione meccanica di tecniche canore a rendere grande un artista, ma la sua fresca e vivace creatività che si discosta dal terreno per muoversi sul campo dell’emozione. E’ la varietà dei colori dell’arcobaleno a far grande il cielo. Ogni tanto bisognerebbe ricordarselo.
In conclusione, dunque, con quali antidoti guardare questo Festival di Sanremo ormai alle porte?
Mi permetto di dare qualche piccola indicazione. Innanzitutto, leggete poco i giornali, seguite le interviste solo per ascoltare il parere dei cantanti che v’interessano e lasciate da parte ogni spunto polemico sterile, spesso è l’arma con cui si fanno riconoscere i giornalisti mediocri. Poi, concentratevi sulle canzoni, sui testi (leggeteli tante volte e provate a dar loro un significato tutto vostro, attinente con la vostra realtà emozionale). Non affidatevi ai pareri degli altri. In una parola: siate indipendenti. Date alla critica il giusto peso. Sono esseri umani, hanno dei gusti, delle preferenze che influiscono sulle decisioni, per cui non affidatevi alle speculazioni ma alla vostra intelligenza musicale. Ricordatevi che il successo di un brano o di un disco dipende da chi ne usufruisce, perciò restate indifferenti agli stereotipi di chi non ha la vostra preparazione in merito alla carriera artistica dei cantanti di cui siete fan (si veda più su cosa ho detto in merito al qualunquismo). Ed infine: emozionatevi. Abbassate il volume durante gli scketch politici, le battute comiche o altro. Entrate nella dimensione della musica. Provate a seguire l’orchestra con il cuore, assaporate la bellezza di una voce che canta dal vivo e che comunque vuole lanciare un messaggio. Sentitevi liberi di dissentire, di dire la vostra, sempre.
Detto questo, auguro a tutti una bella settimana sanremese piena di dense ed intense emozioni, partecipate attivamente, gareggiate dando supporto; in attesa che Marco Mengoni risorga dalle ceneri del’Inferno per lasciarsi invadere da una luce che sarà anche nostra. Un nuovo inizio per tutti. Prepariamoci al meglio per il ritorno del Re.


VALENNTINA RAGAGLIA




Iaia
Iaia
mengonella
mengonella

Messaggi : 2836
Data d'iscrizione : 16.02.12
Età : 45
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da martha70 il Mar 12 Feb 2013, 10:03

http://cultura.panorama.it/musica/sanremo-2013-classifica-canzoni-belle-12-13-febbraio

Ritaglio solo la parte che riguarda Marco.

Ottavo posto per Marco Mengoni - La dolcezza dei suoi nuovi brani è un salto senza atterraggio in un mondo nuovo dove tutto è pieno di colore. Dove la voce ha forte controllo ma non dimentica quella sua capacità di emozionare con una maturità e una leggerezza fresca, più intima, ma non per questo meno fendente. Sembra di ascoltarlo per la prima volta. "Bellissimo" è un antidoto definitivo alla malinconia.
martha70
martha70
mengonella
mengonella

Messaggi : 7426
Data d'iscrizione : 19.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da eripola il Mar 12 Feb 2013, 10:28

http://pensieri-parole.max.gazzetta.it/2013/02/12/le-canzoni-di-sanremo-2013-first-impression/#.URoBKSdEML4.twitter


MARCO MENGONI: L’essenziale è un brano che parte lento, su un delicato arpeggio di chitarra e piano, poi entra l’orchestra e la melodia si apre. A tratti Marco canta in un simil-falsetto. Non è un brano che acchiappa immediatamente (voto 6 +). Bellissimo lo hanno scritto la Nannini, Pacifico e Davide Tagliapietra. È più rock. Il ritornello è immediato, anche se dentro ha qualcosa di già sentito. Vocalmente Mengoni pare più a suo agio (voto 6 e mezzo).

Questo qui però tre anni fa diceva che Scanu canta meglio di Marco scusa
eripola
eripola
mengonella
mengonella

Messaggi : 2976
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da newmoon38 il Mar 12 Feb 2013, 10:34

Su Libero parlano di probabile vittoria per Gualazzi_Ayane. Modà e Mengoni si contenderanno le radio...

Un certo Leonardo Iannacci da questi voti a Marco:
L'Essenziale 6 ha un buon ritornello ma è sostanzialmente mellifluo; Bellissimo, si mostra come un melo-rock alla Gianna Nannini (con l'ausilio di Pacifico) ma si rivela alla fine un lato B (5). A sua discolpa Mengoni si sforza, lodevolmente, di tenere sotto controllo la voce. E ci riesce.
newmoon38
newmoon38
mengonella
mengonella

Messaggi : 3198
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 48
Località : Ascoli Piceno

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da newmoon38 il Mar 12 Feb 2013, 11:01

ma Fegiz non è ora che va in pensione??? Anche stamattina sul corriere della Sera ci sono sue pagelle: a Marco da 5 per l'Essenziale e 4,5 per Bellissimo, dicendo che non valorizza le qualità vocali. Da voti molto alti a quasi tutti (9 a Gualazzi, Elio) ma anche un 3 ad una canzone di Annalisa.

Su il Giornale Paolo Giordano nell'articolo dedicato al Festival parla cosi...:una delle sfide più impegnative sarà quella di Marco Mengoni e non solo perchè aprirà il Festival. Mengoni, che ha due brani importanti (quello della Nannini, Bellissimo, è accattivante al primo colpo) centrerà l'obiettivo controllando il virtuosismo vocale.
newmoon38
newmoon38
mengonella
mengonella

Messaggi : 3198
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 48
Località : Ascoli Piceno

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Guenda il Mar 12 Feb 2013, 12:08

http://www.tgcom24.mediaset.it/televisione/articoli/1081444/sanremo-sprint-tra-mengoni-e-chiara.shtml?1#page

I 28 brani di Sanremo con l'orchestra acquisiscono più volume e spessore all'ascolto. E quindi capita che la maturità di Annalisa emerga ancora di più, Marco Mengoni si appoggi delicatamente agli archi e Chiara con la sua voce potente colpisca dritto. Ma anche Raphael Gualazzi, Malika e Simona Molinari con Peter Cincotti potrebbero riservare delle sorprese. Irresistibili e sempre surreali Elio e le Storie Tese. I Modà puntano al cuore dei fan.


Marco Mengoni - “Bellissimo” di Nannini/Pacifico regala un aspetto inedito e convincente del cantante tra chitarre elettriche rock con incedere incalzante Voto 8 - “L'essenziale” scritto con Roberto Casalino e De Benedittis si caratterizza per l'assenza di vocalizzi e falsetto ma ha una matrice classica delle ballad a cui Marco ci ha abituati già in passato Voto 7
Guenda
Guenda
mengonella
mengonella

Messaggi : 17943
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 39

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Delilah il Mar 12 Feb 2013, 16:07

Da Repubblica 12 feb 13

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Marcor10
Delilah
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 108
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Delilah il Mar 12 Feb 2013, 16:21

Da Libero :boccacce

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Marcol10

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Marco_10
Delilah
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 108
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mar 12 Feb 2013, 23:04

http://www.cinetivu.com/canali-televisivi/rai-canali-televisivi/marco-mengoni-i-due-brani-bellissimo-e-lessenziale/

Marco Mengoni, i due brani Bellissimo e L’essenziale

Marco Mengoni apre il Festival di Sanremo 2013 e passa con “L’essenziale”, la più bella canzone tra le due. Che ne penserà Gianna Nannini? A leggere il verdetto Marco Alemanno, compagno di vita di Lucio Dalla.
Marco Mengoni, elegante per il palco dell’Ariston, in un completo blu, canta per primo. “Mentre il mondo cade a pezzi, io compongo nuovi spazi…”. Il ritornello della canzone di Marco Mengoni è orecchiabilissimo. La cantiamo già mentre la canta anche lui. L’emozione di Marco Mengoni è fortissima, si sente nella voce un po’ strozzata quando tocca note alte. L’ha notata anche Luciana Litizzetto, che gli ha tenuto la mano. “Sei vivo, è fredda come quella di un morto” gli dice e lui sorride.
“Bellissimo” è la seconda canzone di Marco Mengoni, scritta tra gli altri da Gianna Nannini e Pacifico. Fabio Fazio suggerisce al pubblico di ascoltarla tutta prima di votare per Marco Mengoni. I due brani presentati da Marco Mengoni sono davvero molto sanremesi… Molto meglio il primo del secondo…

E mentre scriviamo, scopriamo che anche la pensano così anche i votanti. Marco Alemanno annuncia il verdetto. Marco Mengoni passa a Sanremo 2013 con L’essenziale.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mer 13 Feb 2013, 00:19

http://www.lastampa.it/2013/02/13/blogs/on-the-road/profilo-alto-per-le-prime-canzoni-supergualazzi-con-mengoni-non-ci-siamo-5sj84y5tDlE6z03Q7dEUKO/pagina.html

Profilo alto per le prime canzoni.
SuperGualazzi, con Mengoni non ci siamo.


MARINELLA VENEGONI
Dopo la bella lezione di democrazia televisiva offerta dal caso Crozza, portati fuori dalla polizia due personaggi che erano in platea e disturbavano suscitando le proteste altrui (così ci hanno raccontato i funzionari Rai), i Marta sui Tubi si sono infilati nel loro miniset di canzoni un po' scritte da primi della classe, musicalmente assai elaborate - forse un po' troppo - con le quali hanno creato una sorta di cabaret rock-punk, come se avessero anche a mente la lezione fisica dei vecchi e gloriosi Gufi. E' la sorte degli indipendenti che arrivano a Sanremo guardando al caso Subsonica: i primi indie che osarono dopo tanto tempo affrontare la scena festivaliera, ai quali la comparsata procurò una più larga visibilità. Se la sono cavata, ma mica poi con grande convincimento degli appassionati.
Ho trovato deliziosa la scelta stilistica per la coppia gay, di affidare silenziosamente a cartelli esibiti di volta in volta la loro storia d'amore. Molto elegante.
Maria Nazionale è figlia della scena neomelodica, si è riscattata oltre che con il cinema con una scelta di rigore filologico al servizio della canzone classica napoletana: più debole il piccolo fado di Gragnaniello, meglio la canzone scritta da Servillo e Mesolella.
Nel frattempo, prima del caso Crozza, erano passati alcuni dei momenti migliori e peggiori della serata. Fra i primi metterei Raphael Gualazzi, che ha fatto una figura ottima con due brani ricchi e ben scritti (da lui) e interpretati con classe; una bella idea anche <A bocca chiusa> di Daniele Silvestri, meno l'altro brano che somiglia troppo a Salirò. Tres chic Peter Cincotti che accompagna Simona Molinari, in un siparietto a tutto swing spumeggiante e riuscito. Peccato se ne sia andata la canzone di Lelio Luttazzi.
Ho trovato invece poco in palla Mengoni, soprattutto con il brano della Nannini poi eliminato, non adatto a lui. Gli manca ancora una produzione mirata, non sa dove andare a parare con il suo stile, e che tipo di canzoni gli si adattino. Sembra cantare pensando a se stesso e non a comunicare.
Vabbé.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mer 13 Feb 2013, 00:26

http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?titolo=Sanremo%202013,%20sul%20palco%20il%20rock%20dei%20Marta%20sui%20tubi&idSezione=19877

Bocciata la canzone della Nannini

Ha già una "bocciata" questo Festival di Sanremo: è Gianna Nannini che ha scritto per Marco Mengoni, il primo artista in gara, Bellissimo una canzone molto sanremese ma che di certo non colpisce. E infatti il pubblico da casa con il televoto e i giornalisti della sala stampa le hanno preferito L'essenziale: sarà questo, dunque, il brano che Mengoni dovrà cantare nella semifinale di giovedì sera. A proclamare la canzone vincitrice, Marco Alemanno il compagno di Lucio Dalla. "È una grande emozione perché su questo palco è iniziata nel '67 la carriea di Lucio e su questo palco nel 2012 c'è stata la sua ultima apparizione televisiva".

Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mer 13 Feb 2013, 00:28

http://www.voismagazine.it/dp/2013/02/12/sanremo-tra-alti-e-bassi-ecco-la-prima-serata-del-festival/

SANREMO, TRA ALTI E BASSI ECCO LA PRIMA SERATA DEL FESTIVAL

Sanremo – Dopo una inconsueta entrata in scena della Littizzetto che arriva all’ Ariston in carrozza, trainata da una doppia fila di cavalli e nel suo primo e breve intervento non riesce a trattenersi dal non pronunciare la parola “culo“, ad aprire le danze della nuova edizione del festival è stato Mengoni e tra alti e bassi la gara è andata avanti con una vecchia formula che prevede per i cantanti in gara una doppia esibizione con due brani tra i quali il pubblico a casa per il 50% e i giornalisti per il restante 50% dovevano scegliere il migliore. Grazie alla presenza di Marco Alemanno, arrivato all’Ariston per annunciare quale delle due canzoni di Marco Mengoni passa il turno,il festival di Sanremo ha ricordato Lucio Dalla. Alemanno, presentato come “il compagno degli ultimi nove anni nella carriera e nella vita privata di Lucio Dalla”, è visibilmente emozionato. Tra le esibizioni esterne alla gara da sottolineare quella del comico Maurizio Crozza che inizia il suo sketch imitando Berlusconi, mentre qualcuno dal pubblico grida: ” vai a casa”. A placare gli animi del momento più caldo di questa prima serata è intervenuto patron Fazio che ha cercato di spiegare al pubblico che il comico faceva solo il suo lavoro. Lo stesso Crozza visibilmente in difficoltà ha poi cercato di riprendere il suo intervento, riuscendo solo dopo la seconda uscita del presentatore. Dopo Marco Mengoni, fedele al suo stile con la sua pronuncia quasi “brithish” del suo italiano e la sua voce bellissima, si sono esibiti Raphael Gualazzi, Daniele Silvestri, Simona Molinari e Peter Cincotti, Marta sui Tubi, Maria Nazionale e Chiara Galiazzo. A comunicare le canzoni che hanno passato il turno si sono invece alternati sul palco dopo Marco Alemanno, Ilaria D’Amico , Valeria Bilello, la tennista Flavia Pennetta, Benedetta e Cristina Parodi, Vincenzo Montella e il pallanuotista Stefano Tempesti. Presentati anche i brani degli otto Giovani, ovvero Andrea Nardinocchi, Antonio Maggio, Blastema, Il Cile, Ilaria Porceddu, Irene Ghiotto, Paolo Simon. Per la parte riservata alle ‘vecchie glorie’ del festival ad esibirsi in questa prima serata è stato ospite Toto Cutugno con una nuova versione de “l’Italiano“ . Nella serata di oggi i big che saliranno sul palco saranno, in ordine d’esibizione: Modà , Malika Ayane , Simone Cristicchi, Almamegretta, Max Gazzè, Annalisa ed Elio e le Storie Tese, mentre gli annunciatori saranno Max Biaggi , Eleonora Pedron, Neri Marcorè Jessica Rossi, Filippa Lagerback, la nazionale di fioretto femminile, lo chef Carlo Cracco e Roberto Giacobbo. Dei giovani solo 4 saliranno sul palco e le canzoni saranno votate con sistema misto, televoto e Giuria della Stampa. Gli ospiti della serata saranno Bar Refaeli, i Ricchi e Poveri, il cantautore Asaf Avidan, Carla Bruni e Beppe Fiorello.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mer 13 Feb 2013, 00:32

http://euromusica.wordpress.com/

Prima lunghissima serata del Festival di Sanremo. Canzoni di buon livello, con qualche bell’acuto (Chiara Galiazzo, Marta sui Tubi, Simona Molinari e in parte Daniele Silvestri e Raphael Gualazzi) e qualche salto indietro nel tempo, ma con stile (i due brani di Maria Nazionale). L’idea della doppia canzone complessivamente piace, anche se la sensazione è che qualcuno abbia decisamente puntato su una delle due.
MARCO MENGONI
L’essenziale: Non esattamente un pezzo originale, ma una ballata comunque ben cantata e orecchiabile. Si riscopre il Mengoni emozionale che a tratti s’era visto durante la sua esperienza ad X Factor. Molto eurovisiva, nel caso il prescelto fosse lui. Passa il turno, ad un nuovo ascolto può crescere ancora. VOTO 7.5
Bellissimo: L’accoppiata Pacifico-Nannini vara un mezzo rock che è anche un mezzo pop. Mezzo tutto, completo niente. Canta senza fioriture e questa è una gran bella cosa. Ci vorrebbe un secondo ascolto, che il primo è andato così così. Non l’avremo perché è passata l’altra. VOTO 6

RAPHAEL GUALAZZI
Senza ritegno: Sospesa a metà fra il jazz ed un pop d’autore, presenta un Gualazzi sicuramente diverso rispetto a quello conosciuto. Più cantante del solito, si vedono i suoi limiti sul quel fronte, spicca la sua bravura di pianista. Bello l’assolo di tromba di Bosso, il resto meno. VOTO 5.5
Sai (Ci Basta un sogno): Il lato romantico del crooner di Urbino, nel tentativo di proporsi come cantante confidenziale. Parte lenta, cresce strada facendo. Siamo lontanissimi da “Follia d’amore”, ma l’atmosfera è molto da jazz club, sembra quasi di vedere il fumo delle sigarette nell’aria i bicchieri di whisky in mano. L’arrangiamento molto avvolgente è un valore aggiunto notevole. Passa il turno, attenzione che da là s’intravede il podio. VOTO 8
DANIELE SILVESTRI
A bocca chiusa: Il testo prometteva un pezzò più grintoso, ma l’effetto è comunque interessante, con diversi cambi di ritmo e una interpretazione molto sentita. Ballata di spessore, con accenti romaneschi , ritratto intelligente di una manifestazione politica a Roma. Ma la cosa più interessante è la traduzione per i non udenti. Passa il turno, ad un secondo ascolto potrebbe anche sbancare. Candidato al premio della critica. VOTO 8.5
Il bisogno di te (Ricatto d’onor): Tutti a parlare del testo di Renzo Rubino. Ma anche Daniele Silvestri canta “Non ti lascio solo no”. Allegro divertissement sull’amore in stile Silvestri. Vorrebbe essere “Salirò”, non ci riesce, anche se si fa apprezzare. VOTO 7
SIMONA MOLINARI e PETER CINCOTTI
Dr.Jekyll e Mr.Hyde: Il brano postumo del grandissimo Lelio Luttazzi è come te l’aspetti: swingato, old style, divertente e spensierato, roba che si batte il tempo col piedino. Melodia orecchiabile senza essere banale. Peccato solo Cincotti sempre fuori tempo, perché il resto è uno spettacolo. Peccato sia stato eliminato. VOTO 9
La felicità: L’anima swing (che qui sembra quasi un rap) di Simona Molinari esce tutta in questo pezzo non semplice, molto più centrato nel jazz rispetto all’altro, di non facile ascolto anche se pure questo fa battere il tempo col piede. Il resto del whisky di Gualazzi e le ultime sigarette, nello stesso jazz club. Passa il turno, forse a sorpresa VOTO 7
MARTA SUI TUBI
Dispari: Rock genuino che comincia in versione “minimal” e poi cresce nell’arrangiamento, arrivano anche i violini Difficile, difficilissima per un palco come quello dell’Ariston, ma assolutamente una delle cose più originali che si è sentita in serata. Il ritornello con annesso verso più bello del Festival (“non soffro se mi sento solo soffro se mi fai sentire dispari”) si candida già a tormentone VOTO 8
Vorrei: Molto più rappresentativa del loro genere, un rock bello e contemporaneo, qualcosa che al festival si sente raramente. Pareggia con l’altra, questa si fa apprezzare per l’armonia. Una scommessa vinta sicuramente, comunque vada. Pure loro candidati al Premio della Critica. (speriamo nella giuria per far loro evitare l’ultima piazza). Passa il turno. VOTO 8
MARIA NAZIONALE
Quando non parlo: Neomelodica che diventa pop. Il pezzo è di Gragnaniello e si sente tutto. Qualche vibrato di troppo forse, ma lei c’è da dirlo, non sbaglia una nota. La melodia è molto mediterranea e si fischietta. Magari non è un capolavoro, ma va giù che è un piacere. Musicalmente siamo nel 1985, ma averne, di artiste con questa voce. VOTO 7.5
E’colpa mia: Ballata in napoletano, pienamente partenopea in tutto (soprattutto nell’interpretazione), griffata dalle ottime penne Mesolella-Servillo. Atmosfera, classe, stile. In un festival uptempo, tre minuti soft. Peccato solo che i microfoni non andassero granchè. Come prevedibile, la passione napoletana passa il turno. VOTO. 7.5
CHIARA GALIAZZO
L’esperienza dell’amore: Lo Zampaglione intimista mette la sua mano pesantemente su questo pezzo, Chiara ci mette una interpretazione che è sui livelli di quelle di X Factor: praticamente perfetta e completamente emozionale. Una ballata soft sugli effetti dell’ amore. Difficilissima al primo ascolto, molto poco sanremese, ma è la sua voce a catturare l’attenzione. VOTO 8
Il futuro che sarà: Gli ultimi tanghi a Sanremo erano stati quelli di Faletti-Berti e di Iva Zanicchi. Lo spessore è ben diverso. Ritornello pop, sufficientemente furbo per far apprezzare una melodia che forse all’inizio spiazza. Lei è come sempre: canta meravigliosamente tutto quello che le si dà. Eleganza, classe stile e nemmeno una nota fuori posto. vincitrice della prima serata, allo sprint. Passa il turno.VOTO 9
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mer 13 Feb 2013, 00:40

http://realityshow.blogosfere.it/2013/02/sanremo-2013-marco-mengoni-lessenziale-in-gara-col-52-dei-voti-eliminata-la-canzone-bellissimo.html

Marco Mengoni è stato il primo Big a esibirsi nella prima serata del 63° Festival di Sanremo. Ha cantato prima L'essenziale (voto: 8 al primo ascolto) e poi Bellissimo (8,5 al primo ascolto). Il verdetto è stato annunciato da Marco Alemanno, ex compagno di Lucio Dalla.

Vince la prima canzone con il 52% di voti (metà televoto e metà dei giornalisti), eliminata la seconda.

LA SCHEDA DI MENGONI È al suo secondo Festival. Al primo arrivò nel 2010, ammesso di diritto fra i Big per aver trionfato nella terza edizione di X Factor (quell'anno per il vincitore la partecipazione era automatica). "Ora vado a Sanremo grazie a Gianna Nannini e a Pacifico, che hanno scritto per me Bellissimo, un brano dal sapore rock. L'altro pezzo, L'essenziale, al quale ho collaborato come autore, è una ballata italiana fra sentimento e temi sociali".

Nella serata revival canterà Ciao amore ciao, interpretata al Festival del 1967 da Luigi Tenco e Dalida. Anche Marco sta lavorando a un nuovo album, in uscita a marzo.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mer 13 Feb 2013, 00:45

http://www.abruzzo24ore.tv/news/Sanremo-2013-inizia-un-Marco-Mengoni-in-blu/111783.htm

Un emozionatissimo Marco Mengoni apre l'edizione numero 63 del Festival di Sanremo 2013, con il difficile compito di aprire le danze e...le critiche! Per quanto riguarda il look, ci sembra molto elegante in blu brillante tono su tono. Unico stacco la pochette con una delicata fantasia blu e panna. Tocco di originalità il risvolto alle maniche a tre quarti. Sobrio e originale!
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mer 13 Feb 2013, 00:51

http://www.ilroma.net/content/sanremo-2013-i-voti-della-prima-serata-super-gualazzi-bene-molinari-e-mengoni

Sanremo 2013, i voti della prima serata. Super Gualazzi, bene Molinari e Mengoni
SANREMO. Si è da poco conclusa la prima serata del 63esimo Festival di Sanremo. Ad esibirsi i primi 7 cantanti della categoria "Campioni". Promossi tutti. Gualazzi è il primo della classe, seguono Molinari e Mengoni. Questi i voti (in neretto le canzoni che passano alla fase finale):

MARCO MENGONI

Essenziale: Tenerezza, melodica senza troppi fronzoli 7;

Bellissimo: brano della Nannini e si sente la punta di rock 6.



RAPHAEL GUALAZZI

Senza ritegno: Respiro internazionale, domina il palco 8;

Sai (ci basta un sogno): classe da vendere, splendido arrangiamento 8.5.



DANIELE SILVESTRI

A bocca chiusa: piacevole melodia al servizio del sociale 6.5;

Il bisogno di te (ricatto d’amore): qualche guizzo interessante, poco altro 6.



SIMONA MOLINARI con Peter Cincotti

Dr. Jackil, Mr. Hide: Parte in sordina finisce in cielo, palpabile il genio di Luttazzi 7;

La felicità: Frizzante duetto pop-jazz 6.5.



MARTA SUI TUBI

Dispari: stravagante 6;

Vorrei: esperimento dal sound travolgente 6.5.



MARIA NAZIONALE

Quando non parlo: parole d’amore su scala araba 6.5;

È colpa mia: pescata dal classico repertorio partenopeo 6.5.




CHIARA GALIAZZO

L’esperienza dell’amore: buona vocalità ma brano scarso 5;

Il futuro che sarà: piacevole il tandem con il violino 6.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Guenda il Mer 13 Feb 2013, 08:55

VF/Frankie hi-nrg mc ‏@VanityFairIt
Marco Mengoni e la lettera "T". Marco sa anche pronunciarla bene e ve lo dimostra #spamremo http://vine.co/v/bv29gVXLjlt
Guenda
Guenda
mengonella
mengonella

Messaggi : 17943
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 39

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Guenda il Mer 13 Feb 2013, 08:55

Sanremo, gli artisti sul palco. Le pagelle
di Paolo Biamonte

MARCO MENGONI - E' toccato a lui aprire la gara. Visibilmente emozionato ha cantato i suoi due brani rimanendo fedele al suo stile eccessivo. La sua pronuncia induce a chiedere scusa a Shel Shapiro. Il televoto ha scelto "L'essenziale", mandando a casa "Bellissimo", il pezzo scritto da Gianna Nannini e Pacifico. 5


http://www.ansa.it/web/notizie/postit/sanremo/2013/02/12/Sanremo-artisti-palco_8237025.html
Guenda
Guenda
mengonella
mengonella

Messaggi : 17943
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 39

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Guenda il Mer 13 Feb 2013, 08:56

Da La Stampa


[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Pagsta10

Da Repubblica

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Pagcas10[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Pagcas11[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Pagcas12
Guenda
Guenda
mengonella
mengonella

Messaggi : 17943
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 39

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 4 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 11 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 9, 10, 11  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.