Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Pagina 1 di 18 1, 2, 3 ... 9 ... 18  Seguente

Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da duful il Ven 28 Mag 2010, 14:11

Questo topic è dedicato alla disanima delle interpretazioni di Marco ai suoi concerti. A partire dal concerto di Roma, ognuno può prendere una canzone e fare le considerazioni che ritiene opportune.
Ad esempio, su Nessuno, avete notato differenze su come l'ha affrontata, cantata?
Ma anche Almeno tu nell'universo, in cosa è stata diversa dalle altre fin qui eseguite?

Nessuno




Almeno tu nell'universo

duful
duful
mengonella
mengonella

Messaggi : 19862
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 61
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da duful il Ven 28 Mag 2010, 14:50

ad esempio, ho notato che a Roma su Nessuno, invece del solito crescendo con l'acuto, ha scelto di fare una scala modulata con svisi verso la metà della canzone. scelta voluta? variazione musicale? improvvisazione per non affaticare la voce?
il risultato è sempre eccellente, perchè marco SA cantare, naturalmente.
inoltre quell'arrangiamento è davvero favoloso, una chicca
duful
duful
mengonella
mengonella

Messaggi : 19862
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 61
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Mag 2010, 14:53

seguendo anche le ospitate e i live che ha fatto prima del tour sappiamo che cambia sempre qualcosa nelle canzoni,potrebbe essere pure un esperimento per vedere quale versione viene meglio per l'inserimento in un futuro cd live?

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da duful il Ven 28 Mag 2010, 14:57

Marco è un improvvisatore nato, tipico dei jazzisti, tra l'altro.
credo che le variazioni, le interpretazioni diverse, dipendano molto anche dal suo stato d'animo, dalle sue paure, insicurezze o al contrario dalle sue esaltazioni, gioie del momento Marco Mengoni - Riflessioni musicali 551280
duful
duful
mengonella
mengonella

Messaggi : 19862
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 61
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Mag 2010, 15:00

Marco Mengoni - Riflessioni musicali 551280 anche questo è vero,ed è una delle sue caratteristiche che mi piace di più,scoprire ogni volta cosa cambia e qual è l'effetto

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Mag 2010, 15:01

@duful ha scritto:Marco è un improvvisatore nato, tipico dei jazzisti, tra l'altro.
credo che le variazioni, le interpretazioni diverse, dipendano molto anche dal suo stato d'animo, dalle sue paure, insicurezze o al contrario dalle sue esaltazioni, gioie del momento Marco Mengoni - Riflessioni musicali 551280


Marco Mengoni - Riflessioni musicali 498557 e per fortuna che cambia ... già gli dicono che fa l'attore perchè dice sempre le stesse cose ... figurati se facesse ogni brano uguale .. allora tanto vale guardarsi i video postati .... è giusto si che le interpretazioni cambino anche in relazione agli stati d'animo ... ok che è un mostro... ma il cuore c'è lo sappiamo ... Marco Mengoni - Riflessioni musicali 833120 la cosa bella infatti è che ogni concerto è a se ... ognuno ha visto il proprio concerto ... ed ha avuto il proprio regaloMarco Mengoni - Riflessioni musicali 10316

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da mary.. il Ven 28 Mag 2010, 15:19

Sono andata personalmente a due concerti e sinceramente non saprei scegliere le versioni più belle... Mi piacciono tutte, in ognuna c'è qualcosa di diverso, c'è Marco nelle sue mille sfaccettature Marco Mengoni - Riflessioni musicali 10316
mary..
mary..
mengonella
mengonella

Messaggi : 1160
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 43
Località : Viterbo-Latina

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Mag 2010, 15:39

Ehm... scusassero... mi permetto anch'io... Marco Mengoni - Riflessioni musicali 551280

AlmenoTu nell'Universo.
(detta anche: la mia ossessione Marco Mengoni - Riflessioni musicali 551280 )
Torino-Roma, Torino perché l'ho vista, Roma perché c'è un buon audio. Ci sarebbe Milano, tra quelle che ho sentito, ma queste due sono quelle in cui si nota una maggiore differenza d'interpretazione, o meglio, di stato d'animo.

A Torino era più sofferta, drammatica, teatrale, autolesionista. Marco era chiuso in se stesso, nel suo mondo e nella sua disperazione, da cui si è risvegliato bruscamente quando è finita la canzone. Piegato in due. Disperazione data da uno stato d'animo particolare di quel giorno che lo ha portato a sentire di più la canzone, o dalla difficoltà vocali, non si sa. Che si avverte soprattutto in quel davvero finale, che sembra più un urlo di dolore, una richiesta d'amore ma piena di rabbia. Marco Mengoni - Riflessioni musicali 833120

A Roma è stato più dosato e rilassato ed è vero, non si è chiuso in se stesso. Forse i problemi vocali lo hanno portato a riflettere, forse voleva renderla diversa in una serata in cui, se ho capito bene, aveva più voglia di divertirsi ed era meno teso.
Ha dato proprio dato un'altra chiave di lettura al pezzo rivolgendosi al pubblico, amante a cui canta dimmi che sarai per sempre sincero e che mi amerai davvero di più. La richiesta d'amore sembra essere per chi lo segue. Ma chi lo segue lo adora, in più c'era la sua famiglia e anche per questo manca, forse, il pathos, di Torino. Però risulta anche molto più dolce.
Detto questo la canzone è sempre molto emozionante e bellissima, perché un simile appello accorato e sincero, SINCERO, non finirò mai di dirlo, fatto dalla creatura che ormai si segue da mesi e con immenso amore non può che provocare una stretta al cuore. Marco Mengoni - Riflessioni musicali 833120

Cambieranno pure le versioni ma la voglia di abbracciarlo forte è sempre la stessa. Marco Mengoni - Riflessioni musicali 833120 Marco Mengoni - Riflessioni musicali 833120


Ultima modifica di Claudia il Ven 28 Mag 2010, 16:58, modificato 1 volta

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Guenda il Ven 28 Mag 2010, 15:40

la cambia ogni volta perchè per lui cantare non è il mestiere, una canzone non sono una serie di suoni da emettere precisamente in un determinato punto sopra altri suoni.

Quando canta ci mette dentro quello che trova, e quello che trova è sempre diverso perchè cambia lui ogni giorno...un giorno è felice, uno è triste, uno è stanco, uno è energico, uno è arrabbiato...
cambiano i posti, a Roma si sente a casa, a Napoli si esalta e riesce a trovare un feeling pazzesco, altre volte trova un pubblico più freddo o meno partecipe ed è diverso ancora...

e cambiano le esperienze che ha avuto, le idee che si fa sulle cose, aumentano i ricordi che può suscitare una canzone o una sola parola, cambiano i suoi gusti, la sua curiosità, la sua sicurezza o insicurezza.

E' così straordinaria questa cosa perchè è unica, è un continuo evolversi, un continuo aprire cassetti chiusi a cui lui ci fa assistere in prima persona.

Niente viene ripetuto perchè tutto è imperfetto, tutto non lo soddisfa mai in pieno, e duecentomila volte meglio il rischio di sbagliare che non rischiare e dare per 'buona' una versione, il che significherebbe dire che ha raggiunto il suo apice quando invece tutto può essere sempre migliorato.

Io non so in questa smania di ricerca cosa cerchi, spero solo che non pensi mai di averlo trovato


Marco Mengoni - Riflessioni musicali 498557
Guenda
Guenda
mengonella
mengonella

Messaggi : 17943
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 39

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Mag 2010, 15:54

Guenda, la faccina risata

A presto anche mie considerazioni... ora sono un po' presa... impaziente

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Mag 2010, 16:34

Ho ascoltato quasi tutte le versioni delle due canzoni postate qui sopra nei vari concerti (con qualità audio più o meno buona).
A mio parere non c'è un motivo particolare per cui Marco decide di variare qualcosa in ogni tappa, credo per lo più che sia un istinto naturale.
Molti artisti, anche con una certa carriera alle spalle, preferiscono fissare un'interpretazione standar delle canzoni, chi per un motivo chi per un altro. Spesso proprio per accordi presi con i musicisti e per cautelare la voce.

Marco invece si affida all'istinto. Alla voglia di sperimentare e rinnovarsi, e trova appoggio nei suoi musicisti.
Non è cosa da poco, e ciò non riguarda solo la performance vocale (tecnica) ma anche quella interpretativa.

A me piace che anche su quel fronte non ci sia mai nulla di uguale e fine a se stesso. Marco Mengoni - Riflessioni musicali 500248

Contando poi che Marco ha appena ripreso il tour dopo un periodo di fermo, ci sta che non voglia forzare troppo per il primo periodo.
Anche se in pezzi molto più impegnativi non gli ho visto far fatica (ndr. See me feel me, Live and let die).
Staremo a vedere nelle prossime date. Marco Mengoni - Riflessioni musicali 550338

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Ven 28 Mag 2010, 16:45

@Guenda ha scritto:la cambia ogni volta perchè per lui cantare non è il mestiere, una canzone non sono una serie di suoni da emettere precisamente in un determinato punto sopra altri suoni.

Quando canta ci mette dentro quello che trova, e quello che trova è sempre diverso perchè cambia lui ogni giorno...un giorno è felice, uno è triste, uno è stanco, uno è energico, uno è arrabbiato...
cambiano i posti, a Roma si sente a casa, a Napoli si esalta e riesce a trovare un feeling pazzesco, altre volte trova un pubblico più freddo o meno partecipe ed è diverso ancora...

e cambiano le esperienze che ha avuto, le idee che si fa sulle cose, aumentano i ricordi che può suscitare una canzone o una sola parola, cambiano i suoi gusti, la sua curiosità, la sua sicurezza o insicurezza.

E' così straordinaria questa cosa perchè è unica, è un continuo evolversi, un continuo aprire cassetti chiusi a cui lui ci fa assistere in prima persona.

Niente viene ripetuto perchè tutto è imperfetto, tutto non lo soddisfa mai in pieno, e duecentomila volte meglio il rischio di sbagliare che non rischiare e dare per 'buona' una versione, il che significherebbe dire che ha raggiunto il suo apice quando invece tutto può essere sempre migliorato.

Io non so in questa smania di ricerca cosa cerchi, spero solo che non pensi mai di averlo trovato


Marco Mengoni - Riflessioni musicali 498557

...Io mi sarei anche stufata di quotare sempre Guenda, però a quanto pare non posso farne a meno.. l

L'hai descritto nel modo migliore possibile Marco Mengoni - Riflessioni musicali 500248 .

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Guenda il Ven 28 Mag 2010, 16:50

antheurica ha scritto:Guenda, la faccina Marco Mengoni - Riflessioni musicali 611643

A presto anche mie considerazioni... ora sono un po' presa... Marco Mengoni - Riflessioni musicali 519970

ecco grazie, che tu sai anche parlare di cose tecniche che io ignoro Marco Mengoni - Riflessioni musicali 51731
Guenda
Guenda
mengonella
mengonella

Messaggi : 17943
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 39

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da duful il Ven 28 Mag 2010, 19:21

up!
duful
duful
mengonella
mengonella

Messaggi : 19862
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 61
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Puccafra il Ven 28 Mag 2010, 19:33

@Guenda ha scritto:la cambia ogni volta perchè per lui cantare non è il mestiere, una canzone non sono una serie di suoni da emettere precisamente in un determinato punto sopra altri suoni.

Quando canta ci mette dentro quello che trova, e quello che trova è sempre diverso perchè cambia lui ogni giorno...un giorno è felice, uno è triste, uno è stanco, uno è energico, uno è arrabbiato...
cambiano i posti, a Roma si sente a casa, a Napoli si esalta e riesce a trovare un feeling pazzesco, altre volte trova un pubblico più freddo o meno partecipe ed è diverso ancora...

e cambiano le esperienze che ha avuto, le idee che si fa sulle cose, aumentano i ricordi che può suscitare una canzone o una sola parola, cambiano i suoi gusti, la sua curiosità, la sua sicurezza o insicurezza.

E' così straordinaria questa cosa perchè è unica, è un continuo evolversi, un continuo aprire cassetti chiusi a cui lui ci fa assistere in prima persona.

Niente viene ripetuto perchè tutto è imperfetto, tutto non lo soddisfa mai in pieno, e duecentomila volte meglio il rischio di sbagliare che non rischiare e dare per 'buona' una versione, il che significherebbe dire che ha raggiunto il suo apice quando invece tutto può essere sempre migliorato.

Io non so in questa smania di ricerca cosa cerchi, spero solo che non pensi mai di averlo trovato


Marco Mengoni - Riflessioni musicali 498557

Marco Mengoni - Riflessioni musicali 67053 ......... complimenti per il topic Marco Mengoni - Riflessioni musicali 123623 ..... appena ho più tempo scrivo le mie sensazioni ...
Puccafra
Puccafra
mengonella
mengonella

Messaggi : 6668
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Aeris il Ven 28 Mag 2010, 20:03

@Puccafra ha scritto:
@Guenda ha scritto:la cambia ogni volta perchè per lui cantare non è il mestiere, una canzone non sono una serie di suoni da emettere precisamente in un determinato punto sopra altri suoni.

Quando canta ci mette dentro quello che trova, e quello che trova è sempre diverso perchè cambia lui ogni giorno...un giorno è felice, uno è triste, uno è stanco, uno è energico, uno è arrabbiato...
cambiano i posti, a Roma si sente a casa, a Napoli si esalta e riesce a trovare un feeling pazzesco, altre volte trova un pubblico più freddo o meno partecipe ed è diverso ancora...

e cambiano le esperienze che ha avuto, le idee che si fa sulle cose, aumentano i ricordi che può suscitare una canzone o una sola parola, cambiano i suoi gusti, la sua curiosità, la sua sicurezza o insicurezza.

E' così straordinaria questa cosa perchè è unica, è un continuo evolversi, un continuo aprire cassetti chiusi a cui lui ci fa assistere in prima persona.

Niente viene ripetuto perchè tutto è imperfetto, tutto non lo soddisfa mai in pieno, e duecentomila volte meglio il rischio di sbagliare che non rischiare e dare per 'buona' una versione, il che significherebbe dire che ha raggiunto il suo apice quando invece tutto può essere sempre migliorato.

Io non so in questa smania di ricerca cosa cerchi, spero solo che non pensi mai di averlo trovato


Marco Mengoni - Riflessioni musicali 498557

Marco Mengoni - Riflessioni musicali 67053 ......... complimenti per il topic Marco Mengoni - Riflessioni musicali 123623 ..... appena ho più tempo scrivo le mie sensazioni ...

quoto anch'io quest'ultima frase Marco Mengoni - Riflessioni musicali 500248
Aeris
Aeris
mengonella
mengonella

Messaggi : 6125
Data d'iscrizione : 15.05.10

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Therese il Ven 28 Mag 2010, 20:23

@Claudia, sono molto d'accordo su cio' che hai scritto sulle diverse versioni di Almeno tu

Sembra che questa canzone riesca, piu' che tutte le altre, a toccare le sue emozioni piu' profonde, che sono sempre diverse perchè sono quelle che prova in quel momento.
E mentre la canta, vengono tutte a galla e lo invadono completamente.
Lui non puo' piu' contenerle e non puo' far altro che buttarle tutte fuori.
A volte, è un flusso emozionale cosi' intenso che lo porta alle lacrime e travolge il suo pubblico che rimane quasi stordito.

Guardate questo frammento di Torino





Qui era annientato. Si sentivano tutti i suoi problemi di voce, e sono sicura che l'ha ben sentiti lui stesso.
Tutta la tensione accumulata e la paura di non riuscire ad arrivare a fine serata, sono venuti fuori proprio alla fine della canzone, in un'interpretazione sofferta e coinvolgente che ha portato lui, e chi lo ha scoltato, alle lacrime.

Secondo me Marco, nell'interpretazione dei pezzi, ha doti davvero straordinarie.
Chi ha fame e sete di emozioni, con lui si sazia e disseta completamente. Marco Mengoni - Riflessioni musicali 550338
Therese
Therese
mengonella
mengonella

Messaggi : 12739
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 47
Località : Belleville

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da duful il Lun 31 Mag 2010, 16:41

Ieri a Nonantola c'è stata la dimostrazione (ancora una volta) di come Marco riesca, pur cantando le stesse canzoni, a dare interpretazioni sempre nuove, inserendo, variazioni e vocalizzi che lasciano letteralmente di stucco anche chi ha già visto 4/5 concerti.

See me, Insieme a te sto bene, Almeno tu, tanto per citarne tre, mi hanno lasciata basita e stordita.
Non è solo questione di vocalizzi tecnicamente fatti da dio, ma proprio un variare la modalità della canzone, stravolgerla, sussurrare quando ti aspetti il crescendo, parlarla, inserire improvvisamente l'acuto, fare scale vocali dove non t'aspetti...il tutto rimanendo nel contesto della canzone, lasciandola ben riconoscibile Marco Mengoni - Riflessioni musicali 52494

Io davvero non so come faccia, così giovane, ad avere già questa maturità e padronanza musicale che gli permette di fare cose che di solito certi grandi artisti maturano con l'età e l'esperienza sul palco, dopo centinaia di live.

E' davvero un fenomeno, e non penso di dover essere tacciata per non obiettiva o oscurata dal fanclubbismo quando dico questo.

Ora aspetto i video di Nonantola per potermi rigustare tutto ciò, con calma, a mente fredda, che ieri ero davvero stordita dopo l'ascolto.
Certe canzoni meritano davvero uno studio approfondito da parte di chi ha conoscenze musicali più approfondite delle mie (che sono scarse Marco Mengoni - Riflessioni musicali 905948 ).

Attendo fiduciosa i video e i relativi commenti/approfondimenti. Marco Mengoni - Riflessioni musicali 10316
duful
duful
mengonella
mengonella

Messaggi : 19862
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 61
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Mar 01 Giu 2010, 01:07

Dopo il resoconto che ho fatto sul concerto di Roma (tesi di laurea sul Mengoni risata )
mi ero ripromessa di scrivere in questo topic delle emozioni in Marco, cioè le mie riflessioni su quello che lui prova quando canta.
Ma dopo Nonantola non ha più senso.
Cito duful (e questo dovrebbe definire anche il suo desiderio di libertà):
Marco è jazz nell'anima.
Ed io l'ho sempre sospettato.
love

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Mar 01 Giu 2010, 09:57

Vorrei parlare qui dei vocalizzi di Marco alla fine di Mad world……l’esperienza più incredibile che io abbia mai fatto durante un ascolto live. Sono molto seria.

Credo che l’ispirazione iniziale per il suo assolo vocale sia “the great gig in the sky” dei Pink Floyd.

Come sappiamo e notiamo da ogni sua singola performance, Marco è un divoratore /metabolizzatore musicale, nel senso che ogni cosa che ascolta gli rimane dentro e si stratifica e si trasforma e va ad arricchire le sue possibilità di dipingere con nuove sfumature un brano…….Secondo me lui parte da quel brano come canovaccio iniziale, ma poi gli sviluppi che ne derivano sono ogni volta sorprendenti……..Ascoltate ognuna delle performance di questa parte di ogni concerto e non troverete mai uno sviluppo uguale….
lì è sperimentazione pura. Lì per me Marco è jazz……..

Ogni volta lui sperimenta nuovi suoni, la sua voce si trasforma in uno strumento diverso, multifunzionale, capace di spaziare su gamme di toni irraggiungibili dai più ….crea una nota la insegue , la plasma, la allunga la porta al culmine del pentagramma e poi, quando pensi non si possa andare oltre, lui ci va…..

È un dialogo perfetto con le tastiere di Aidan Zammit, che a me paiono particolarmente efficaci in questo brano,... Zammit lo asseconda, gli da suggerimenti e lo accompagna in un breve ma intensissimo viaggio nel suo mondo musicale, emotivo e personale………

Ascoltare questi vocalizzi per me è conoscere esattamente Marco nel suo profondo. Lui ti apre per pochi istanti la sua anima e ti accoglie nel suo labirinto musicale e tu non vorresti mai trovare il filo di Arianna.......……

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Mar 01 Giu 2010, 12:59

scintilla ha scritto:Vorrei parlare qui dei vocalizzi di Marco alla fine di Mad world……l’esperienza più incredibile che io abbia mai fatto durante un ascolto live. Sono molto seria.

Credo che l’ispirazione iniziale per il suo assolo vocale sia “the great gig in the sky” dei Pink Floyd.

<font color="#000000"><font face="Calibri">

Ciao a tutti!! ciao

Scintilla ho avuto la stessa identica sensazione che tu riporti. Anche ha me è venuto in mente Pink Floyd quando ho sentito un suo brano il 6 maggio all'Atlantico a Roma (non ricordo quale), ma mi ricordo che venne eseguito in modo perfetto e quasi surreale. All'inizio pensavo che fosse uno strumento e non la sua voce.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Zoe il Mar 01 Giu 2010, 13:00

Vedo solo ora questo topic confuso
Sinceramente non sono in grado di analizzare tecnicamente le differenti versioni di ogni canzone fatta da Marco, pur accorgendomi di alcune evidenti modifiche o variazioni.
Posso solo dire che, per me, ascoltarlo è ogni volta un'esperienza nuova che si traduce in un'emozione diversa, ma sempre molto intensa… Ieri ho visto i video di Nonantola, quindi di un concerto a cui non ho partecipato direttamente, ma nonostante questo anche per me è stato qualcosa di molto speciale, anche se non so spiegare esattamente perché… ieri sera avevo le lacrime agli occhi mentre lo ascoltavo… pianto
Adoro questo ragazzo e il suo modo di trasmettermi emozioni, di entrare in contatto con la mia anima, con il mio cuore… cuoricino
Zoe
Zoe
mengonella
mengonella

Messaggi : 9955
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Mar 01 Giu 2010, 16:03



Qui invece sento la voglia di giocare con la sua voce e con l'ascoltatore, in uno scambio straordinario, lui lancia una sfida a se stesso, questa rimbalza sull'ascoltatore, si carica del suo entusiasmo e ritorna trasformata in piccolo capolavoro, cesellato e incastonato in un brano che rinasce nuovamente ogni sera diverso....
See me feel me di Nonantola....Qui Marco raggiunge le stelle.......

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da EffeCi il Sab 05 Giu 2010, 17:45

Allora: è normalissimo che Marco, che ha sempre detto che non potrebbe mai salire sul palco per fare il "compitino", cambi e improvvisi secondo l'umore del momento le sue interpretazioni. Lui è uno strumento vivente e suona d'istinto, come un cantante jazz. Vive di emozioni e di quelle nutre il suo canto. Lo sappiamo. La routine per Marco non esiste. Lui, piuttosto che ripetere la stessa cosa due volte di seguito, va di inventiva e si lascia andare a ruota libera.
Non a caso, per puro senso di libertà, si mette anche scalzo (avrà anche caldo, eh...), come se volesse simboleggiare in tutto e per tutto la sua ribellione ad ogni dejavu.
La sua voce è portentosa. Lui la cura quel tanto che basta e, con il tempo, acquisirà tutte le furbizie del mestiere. Cosa che toglierà un po' di pathos, ma che gli permetterà di sfruttare più a lungo possibile il patrimonio che ha in gola. Per adesso, è talmente giovane e pazzo, che nessuno potrà imbrigliare la sua voglia di fare. Sarebbe un peccato mortale tarparlo e, comunque, lui non sarebbe capace di frenarsi, perché perderebbe il novanta per cento della sua arte e della sua creatività.

Io di concerti di Marco, per ora, ne ho visti quattro. Andrò sicuramente ad altri tre in giugno e a quello di Milano a settembre. Se Marco ce la farà a continuare il tour, io continuerò ad andare a vederlo. Perché? Perché amo ascoltarlo cantare. Non me ne frega niente di quello che canta e di quante volte lo canta. La sua voce mi cura lo spirito e mi dà felicità. Dal vivo mi emoziona appena apre bocca. Non ci sono disquisizioni su come la emette quella voce, su cosa fa quella volta lì o quella volta là: lui è una fonte di benessere spirituale soltanto per il timbro che ha, per il modo in cui riesce a disegnare note con quel timbro e per le corde interiori che tocca mentre lo estende in alto e in basso.

Non succederà mai che io possa distrarmi o annoiarmi ad un concerto di Marco. Perché, anche se mi piace guardarlo (e da vedere c'è parecchio...), quello che conta è solo ascoltarlo ed è per quello che io aspetto la prossima data. Potrebbe anche cantarmi La vispa Teresa stando seduto e io sarei felice. La canterebbe in maniera diversa da chiunque. La voce di Marco Mengoni vale sempre il prezzo del biglietto, anzi, molto di più.

Nei quattro concerti che ho visto ho provato diverse emozioni e li ricordo tutti distintamente.
Osimo era il primo, quello delle sorprese, degli stupori, quello in cui mi è sembrato davvero di vedere un extraterrestre caduto sulla terra per farmi diventare sua seguace. Continuavo a chiedermi da dove era sbucato quel pazzo e avevo la faccia paralizzata: gli occhi che ridevano e la bocca spalancata dalla meraviglia.
A Cesena mi sono goduta lo spettacolo in lungo e in largo. Il teatro era perfetto: si vedeva e sentiva benissimo. Ho visto tutti i dettagli della scenografia. Ho potuto apprezzare la gestualità di Marco e vederlo da capo a piedi, anzichè a mezzobusto. E' stato bellissimo e lui era in particolare forma, molto generoso. Erano le prime date che faceva e si vedeva che stava sciorinando tutto il repertorio sexy, cosa che non guastava affatto.
A Roma sono stata felice: era il ritorno di Marco dopo la pausa curativa. Lui era carico a mille. C'era tutta la famiglia. Il suo pubblico. Lo spettacolo era completo, mi sono beccata pure lo strip. Tornerei a Roma cento volte, perché so che lì Marco è più Marco che in qualunque altro posto del mondo.
Nonantola è stato il più speciale di tutti e quattro, in un certo senso. Non mi aspettavo tanto. Invece, nell'atmosfera "intima", Marco ha dato qualcosa di diverso di sé. Ha cantato ogni canzone in un modo inedito. Ha approcciato il pubblico in maniera più confidenziale, con gli occhi e con i toni sussurrati. E' stato un po' più pazzo in certe interpretazioni: ha variato, si è scatenato.

Quattro concerti, quattro godurie totali.

E poi io, dopo tanti anni, ancora mi emoziono, piango e ho le palpitazioni, quando ascolto i dischi dei Beatles. Sono dischi, quindi oggetti immutabili, che non potranno mai stupirmi, perché li conosco a memoria e li ho sentiti migliaia di volte. Ma dentro a quegli oggettini ci sta tutto un mondo di suoni e sensazioni che mi fanno volare in alto e stare da Dio. Non conta niente la ripetitività, se quella che si ripete è la tua emozione. E la tua emozione nasce quando ascolti qualcosa di unico, di profondo, che ti segna il cuore.
Marco non ha inciso musica meravigliosa come quella dei dischi dei Beatles. Marco è meraviglioso dal vivo e quindi io lo seguo nei concerti, per ascoltarlo e riascoltarlo dove lui fa al meglio quello che sa fare e che altri si sognano soltanto. Sarà ancora un ragazzino acerbo e un po' cazzaro, ma ha un arsenale interiore che quando spara le sue cannonate non sbaglia un colpo e ti stecchisce all'istante.
EffeCi
EffeCi
mengonella
mengonella

Messaggi : 6617
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 57
Località : Bologna

Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Ospite il Sab 05 Giu 2010, 17:53

@EffeCi ha scritto:Lui è uno strumento vivente e suona d'istinto, come un cantante jazz. Vive di emozioni e di quelle nutre il suo canto

Sarà ancora un ragazzino acerbo e un po' cazzaro, ma ha un arsenale interiore che quando spara le sue cannonate non sbaglia un colpo e ti stecchisce all'istante.

quoto quoto quoto quoto quoto quoto

Spero proprio di poterlo ascoltare ancora e sono certa che saprà liberarmi ancora una volta

bacio bacio bacio bacio bacio bacio


Ultima modifica di lula il Sab 05 Giu 2010, 22:35, modificato 1 volta

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Marco Mengoni - Riflessioni musicali Empty Re: Marco Mengoni - Riflessioni musicali

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 18 1, 2, 3 ... 9 ... 18  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum