Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Dead Readers Society...

 :: ARTI :: Libri

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da daluxx il Mer 23 Feb 2011, 13:54

Bellissima questa iniziativa!!! Alux ok
Io avevo cominciato una cosa del genere con 3/4 mie care amiche...ed era stato molto bello..poi è decantato..molto a causa mia fatica (impegni familiari/vari).

Anche io sono d'accordo sulla scelta di libri non particolarmente impegnativi per iniziare..poi si vedrà.
Per il momento delle proposte fatte mi attirarono quelli di Nick Hornby, che mi ero ripromessa di leggere..mi piace molto nel suo genere.

Per quanto riguarda mie proposte, vorrei indicare ovviamente qualcosa che non ho letto..ci penso un pò..per il momento propongo un libro che ho veramente adorato, di qualche anno fa, che rileggerei molto volentieri (ma probabilmente l'avete già letto sorriso )




Dead Readers Society... - Pagina 2 9788845919824g
daluxx
daluxx
mengonella
mengonella

Messaggi : 3794
Data d'iscrizione : 18.05.10
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Therese il Mer 23 Feb 2011, 22:11

Dead Readers Society... - Pagina 2 820764 Up! Dead Readers Society... - Pagina 2 820764
Therese
Therese
mengonella
mengonella

Messaggi : 12739
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 47
Località : Belleville

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da ziggy il Gio 24 Feb 2011, 01:01

posso proporre un libro vecchiotto? un classico che però io non ho mai letto
e da tempo mi riprometto di leggere e questa potrebbe essere l'occasione buona.
A meno che non l'avete già letto tutti
Dead Readers Society... - Pagina 2 Ubik310

ed. Tif extra 9,90 euro

oppure questo
Dead Readers Society... - Pagina 2 Einaud10

L'albero dei giannizzeri (The Janissary Tree) è il primo romanzo di Jason Goodwin pubblicato nel 2006. Il libro è un romanzo giallo con una forte ambientazione storica che si svolge nella Istanbul del 1836. Ha vinto l'Edgar Award come miglior romanzo nel 2007.

Spoiler:
ma poi per il sondaggio come si fa e quando si inizia?
ziggy
ziggy
mengonella
mengonella

Messaggi : 3929
Data d'iscrizione : 20.05.10
Località : roma

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Delilah il Gio 24 Feb 2011, 01:10

Riporto qui:

@alux ha scritto:
ciascuno può proporre uno massimo due libri a testa, entro sabato mattina.
sabato pomeriggio verrà aperto un sondaggio, che sarà chiuso lunedì sera, per decretare il libro del mese. tutti possono votare, anche chi non ha proposto titoli nella fase preliminare Dead Readers Society... - Pagina 2 365566
Delilah
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 108
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da duful il Gio 24 Feb 2011, 01:37

io in questo periodo son flippata con i gialli. devo leggere questo:
Delitto di mezza estate di Henning Mankell

Dead Readers Society... - Pagina 2 Copj170

Notte di solstizio: tre giovani in una macchia isolata del bosco nei pressi di Osterlen. Qualcuno li spia. La loro festa si tinge di sangue. Intanto, la quiete della centrale di polizia di Ystad è spezzata dal ritrovamento del corpo di Svedberg, da anni collega di Wallander, ucciso da tre colpi di pistola sparati in pieno volto. Due foto tra le carte di Svedberg convincono Wallander dell'inesorabile intreccio tra i due casi di omicidio, ma l'assassino è sempre un passo in anticipo sulle mosse degli investigatori, che sono alle prese con gli inquietanti segreti di "uno di loro", un uomo che credevano di conoscere. È impossibile intuirne i movimenti, prevedere chi sarà la sua prossima vittima: in una calma apparente cova la follia criminale.

se volete condividerlo con me mi farà piacere, ma vi avverto: sono 596 pag. Dead Readers Society... - Pagina 2 905948

oppure: Non deve accadere di Anne Holt

Dead Readers Society... - Pagina 2 Copj170

Johanne Vik, che sa ricavare da casi separati il profilo di un assassino, e Yngvar Stubø, il detective impulsivo e geniale, si sono sposati e vivono con una bimba neonata e l'altra figlia di Vik. Ma Vik sente che la tranquillità è apparente. E ha sempre più paura. Perché sa che nei delitti senza movente che stanno sconvolgendo la Norvegia c'è l'impronta di qualcosa che lei stessa ha fatto di tutto per dimenticare. E che il misterioso assassino seriale ha un obiettivo molto preciso in mente. Qualcosa che non deve assolutamente accadere.

questo è più umano, sono solo 423 pag. Dead Readers Society... - Pagina 2 572980
duful
duful
mengonella
mengonella

Messaggi : 19862
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 61
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Alux il Ven 25 Feb 2011, 10:55

gruppo
ultime 24 ore (o giù di lì) per proporre i vostri titoli sereno
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Ospite il Ven 25 Feb 2011, 12:41

Al momento sto leggendo Carlos Ruiz Zafon - in lingua slovena, naturalmente. Mi piace molto. Come ho potuto vedere, in Italia, questo libro è stato pubblicato già nel 2006, ma qui da noi nel 2009.


Dead Readers Society... - Pagina 2 Copj170
Una mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia di Barcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia di libri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all'oblio. Qui Daniel entra in possesso del libro "maledetto" che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un labirinto di intrighi legati alla figura del suo autore e da tempo sepolti nell'anima oscura della città. Un romanzo in cui i bagliori di un passato inquietante si riverberano sul presente del giovane protagonista, in una Barcellona dalla duplice identità: quella ricca ed elegante degli ultimi splendori del Modernismo e quella cupa del dopoguerra

Mi sono già comprata anche il secondo libro dello stesso autore:
Dead Readers Society... - Pagina 2 Cop
Nella tumultuosa Barcellona degli anni Venti, il giovane David Martín cova un sogno, inconfessabile quanto universale: diventare uno scrittore. Quando la sorte inaspettatamente gli offre l'occasione di pubblicare un suo racconto, il successo comincia infine ad arridergli. E proprio da quel momento tuttavia che la sua vita inizierà a porgli interrogativi ai quali non ha immediata risposta, esponendolo come mai prima di allora a imprevedibili azzardi e travolgenti passioni, crimini efferati e sentimenti assoluti, lungo le strade di una Barcellona ora familiare, più spesso sconosciuta e inquietante, dai cui angoli fanno capolino luoghi e personaggi che i lettori de "L'ombra del vento" hanno già imparato ad amare. Quando David si deciderà infine ad accettare la proposta di un misterioso editore - scrivere un'opera immane e rivoluzionaria, destinata a cambiare le sorti dell'umanità -, non si renderà conto che, al compimento di una simile impresa, ad attenderlo non ci saranno soltanto onore e gloria.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Alux il Sab 26 Feb 2011, 11:13

Aperto il sondaggio, potete votare fino a lunedì sera
https://1000voci.forumattivo.it/t930-il-libro-di-marzo-2011
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Ospite il Sab 26 Feb 2011, 12:33

grazie alux per questa iniziativa love bacio

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da DarkLullaby il Sab 26 Feb 2011, 19:45

Grazie Alux, vado a votare scusa
DarkLullaby
DarkLullaby
mengonella
mengonella

Messaggi : 4113
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 45
Località : Milano

http://www.beachofstone.it

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Alux il Lun 28 Feb 2011, 22:16

Il libro di Marzo 2011 è
evviva Le Beatrici - Stefano Benni evviva
Dead Readers Society... - Pagina 2 Arton2771
Una dantesca Beatrice dei nostri tempi, un’adolescente crudele, una presidentessa che si nutre dei propri operai in esubero, una suora ironicamente ninfomane, una donna che vive d’attesa, un’anziana signora incattivita dall’età, una vecchietta sognatrice e una licantropa: sono queste le otto protagoniste della raccolta di monologhi pubblicata questa settimana per Feltrinelli da Stefano Benni. Otto donne, otto metafore perfette dei giorni che viviamo, di questi tempi crudeli, pregni di solitudine, carnivori. Benni ritrae con la sua penna queste otto figure con un’ironia amara, spiazzante aggiungendo, tra un capitolo e l’altro ballate che l’autore ha raccolto e scritto nell’arco degli ultimi 10 anni e che sono perfettamente in linea con questa raccolta che non fa sconti a ciò che siamo.

Prima di essere un libro, "Le Beatrici è stato uno spettacolo teatrale portato al Teatro dell’Archivolto di Genova e la capacità descrittiva dell’autore, riga dopo riga, è in grado di farcelo rigustare. La raccolta si chiude con una canzone che Benni scrisse per De Andrè prima, come afferma lo stesso scrittore, che lui “decidesse di suonare altrove”:
“Io non voglio che mi ricordiate/ Nel trionfo, ma nella mia sera/ Nelle cose che dissi tremando/ In ciò che suonai con paura” (Stefano Benni per Fabrizio De Andrè – Le Beatrici)


Edito da Feltrinelli, € 9, 96 pagine.
http://www.lafeltrinelli.it/products/9788807018312/Le_Beatrici/Stefano_Benni.html

Domani apro il topic in cui potremo commentarlo insieme man mano che procediamo con la lettura, o chi lo preferisce a lettura ultimata gruppo
Trattandosi di un libro breve (sono appena 96 pagine) direi che un mese sarà sufficiente per tutti per comprarlo e leggerlo. Ovviamente il topic resterà sempre aperto, in modo che chi non riesca a finire in tempo, o chi lo leggerà in futuro, o chi si iscriverà al forum l'anno prossimo, potrà sempre passare e lasciare un commento; il limite di un mese è indicativo e serve più che altro ad organizzarci per il nuovo sondaggio sereno
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Ospite il Lun 28 Feb 2011, 22:21

bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo alux
Per me va bene commentare durante la lettura occhioni

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Alux il Lun 28 Feb 2011, 22:26

anche io commenterò durante la lettura sisi dicevo che chi preferisce può anche commentare alla fine sisi
l'unica cosa obbligatoria e tassativa sarà scrivere i commenti in spoiler, indicando prima dello spoiler a che capitolo/pagina/racconto si è arrivati, in modo da non rovinare la sorpresa a nessuno scusa i trasgressori saranno puniti a norma di legge e verranno obbligati a leggere l'opera omnia di Alfonso Luigi Marra snob

Io non riuscirò ad avere il libro prima di metà settimana uffa in questo stupido paese in cui vivo non c'è neppure una libreria uffa
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da DarkLullaby il Lun 28 Feb 2011, 23:07

Perfetto Alux sorriso passo in libreria quanto prima evvai
DarkLullaby
DarkLullaby
mengonella
mengonella

Messaggi : 4113
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 45
Località : Milano

http://www.beachofstone.it

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da duful il Lun 28 Feb 2011, 23:24

idem, nei prossimi giorni lo comprerò Dead Readers Society... - Pagina 2 123623
duful
duful
mengonella
mengonella

Messaggi : 19862
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 61
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da daluxx il Mar 01 Mar 2011, 10:43

Anche io lo comprerò il prima possibile sereno
però lo commento alla fine della lettura...ho paura di incasinarmi :confuso
daluxx
daluxx
mengonella
mengonella

Messaggi : 3794
Data d'iscrizione : 18.05.10
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Zoe il Mar 01 Mar 2011, 18:12

L'ho comprato oggi (assieme ad altri che sono stati proposti scusa ). Non so se commenterò alla fine o un po' per volta, vedrò dopo averlo iniziato sorriso
Zoe
Zoe
mengonella
mengonella

Messaggi : 9955
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Zoe il Ven 25 Mar 2011, 18:08

@Alux: mi pare che l'iniziativa per marzo sia andata bene ok si ripete per il prossimo mese? in questo caso forse potremmo iniziare a proporre i libri per aprile sisi
Zoe
Zoe
mengonella
mengonella

Messaggi : 9955
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Alux il Ven 25 Mar 2011, 19:17

Certo che si ripete volo Pensavo di far ripartire tutto lunedì e fare poi il sondaggio dal sabato al lunedì, come lo scorso mese, in modo che possa votare sia chi si collega nei giorni feriali che chi si collega solo durante il week end sisi Ma nulla impedisce di iniziare a proporre i titoli già adesso, se volete.

Come sono contenta che siete addirittura impazienti di ricominciare love volo

Stavolta però proponiamo un solo libro a testa, perché l'altra volta mi sono accorta che proponendone due la lista per il sondaggio diventa lunga e dispersiva. D'altra parte si dice che il primo pancake si butta; fate conto che quello di marzo era il mio primo pancake sorriso

Ora modifico anche il primo post del topic sereno
edit: come non detto, non lo posso modificare risata ve lo ricordo di nuovo allora: proponete UN LIBRO A TESTA bacio


Ultima modifica di alux il Ven 25 Mar 2011, 19:21, modificato 1 volta
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Zoe il Ven 25 Mar 2011, 19:19

ok ok inizio a pensare a un titolo da proporre allora sisi
Zoe
Zoe
mengonella
mengonella

Messaggi : 9955
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Alux il Lun 28 Mar 2011, 16:28

Come giustamente ci ricordava Zoe venerdì (grazie bacio ) il mese è finito e la nostra Dead readers society sta andando bene, per cui è tempo di ripartire con un nuovo libro. Fatevi sotto e proponete un libro da leggere tutti insieme in aprile gruppo
ciascuno può proporre un libro a testa, entro sabato mattina.
sabato pomeriggio verrà aperto un sondaggio, che sarà chiuso lunedì sera, per decretare il libro del mese. tutti possono votare, anche chi non ha proposto titoli nella fase preliminare amici


Ora penso al libro da proporre, sono indecisa fra almeno 3 titoli scusa
Alux
Alux

Messaggi : 11510
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 40

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Delilah il Lun 28 Mar 2011, 16:51

Propongo Libertà di Jonathan Franzen (di cui ho letto Le correzioni)

Dead Readers Society... - Pagina 2 Copj170
Descrizione di IBS: Walter e Patty erano arrivati a Ramsey Hill
come i giovani pionieri di una nuova borghesia urbana: colti, educati,
progressisti, benestanti e adeguatamente simpatici. Fuggivano dalla
generazione dei padri e dai loro quartieri residenziali, dalle nevrosi e
dalle scelte sbagliate in mezzo a cui erano cresciuti: Ramsey Hill (pur
con certe residue sacche di resistenza rappresentate, ai loro occhi,
dai vicini poveri, volgari e conservatori) era per i Berglund una
frontiera da colonizzare, la possibilità di rinnovare quel mito
dell'America come terra di libertà "dove un figlio poteva ancora
sentirsi speciale". Avevano dimenticato però che "niente disturba questa
sensazione quanto la presenza di altri esseri umani che si sentono
speciali". E infatti qualcosa dev'essere andato storto se, dopo qualche
anno, scopriamo che Joey, il figlio sedicenne, è andato a vivere con la
sua ragazza a casa degli odiati vicini, Patty è un po' troppo spesso in
compagnia di Richard Katz, amico di infanzia del marito e musicista
rock, mentre Walter, il timido e gentile devoto della raccolta
differenziata e del cibo a impatto zero, viene bollato dai giornali come
"arrogante, tirannico ed eticamente compromesso". Siamo negli anni
Duemila, anni in cui negli Stati Uniti (e non solo...) la libertà è
stata come non mai il campo di battaglia e la posta in gioco di uno
scontro il cui fronte attraversa tanto il dibattito pubblico quanto le
vite delle famiglie.

Spoiler:
Io l'ho ordinato su IBS perché c'è lo sconto del 30% e mi arriva a casa domani insieme ad altri 4 cd Dead Readers Society... - Pagina 2 519970

Vi metto in spoiler la recensione di IBS, che però non ho ancora letto Dead Readers Society... - Pagina 2 905948

http://www.ibs.it/code/9788806191115/franzen-jonathan/libert-agrave.html

Spoiler:
Libertà è la parola che connota l’intera
storia americana. Dalla Rivoluzione ai giorni nostri, per gli americani
la libertà è stata insieme una terra promessa e un campo di battaglia,
il più forte legame culturale e la più pericolosa linea di tensione. Di
sicuro è il più forte marcatore dell’identità e del credo americano.
La Dichiarazione d’Indipendenza ha annoverato la libertà tra i diritti
inalienabili dell’umanità. Qualche anno dopo appare come emblema
nazionale nelle prime monete coniate per decreto del Congresso. Per
essa, o contro di essa, è stata combattuta la Guerra civile. Poi, dal
1886 è addirittura la prima immagine che uno straniero ha dell’America
entrando nel porto di New York.
A suo nome l’America si è schierata in prima linea nella battaglia contro la schiavitù e contro l’apartheid.
Con la liberazione dell'Europa dal nazifascismo e la fine della guerra
fredda l'idea della libertà assurge per il popolo americano a emblema
della propria coscienza di sé e della propria funzione di portatrice dei
grandi ideali di sviluppo e progresso.
E, infine, la difesa della libertà anche al di fuori dei propri confini è
stato il dichiarato criterio ispiratore - e insieme il principale
schermo ideologico – della politica estera americana, dalla seconda
guerra mondiale alla guerra fredda, da Cuba al Vietnam, dalle guerre del
Golfo a quella del Kosovo, a quella in Iraq.
La storia della libertà è la storia stessa degli Stati Uniti d’America.
Tutta la vicenda americana si riassume in questo concetto chiave: una
verità vivente e incontrovertibile, per alcuni americani; un paravento e
una crudele menzogna per altri. America terra della libertà, della
democrazia, dei sogni, delle possibilità illimitate. È la terra delle
conquiste, ottenute anche a costo di atroci repressioni, violenze,
disuguaglianze di razza, genere, classe, bigottismi e intolleranze
religiose di ritorno. Poi l’11 settembre 2001 ha decretato la crisi
definitiva di quel Sogno Americano ormai fatiscente, già da decenni
sequestrato dalla destra per legittimare la Enduring Freedom, la guerra
al Terrore.
Intorno all’ambiguità del concetto ruota l’ultimo romanzo di Jonathan
Franzen, Libertà. Di cosa parliamo quando parliamo di libertà?
Libertà è essere padroni della propria vita, poter esprimere se stessi e
le proprie aspirazioni. Fare fortuna, costruirsi una famiglia, avere
una bella casa con il prato. Pagare meno tasse possibile, girare armati,
comprarsi il SUV. Poter scegliere prodotti biologici, provenienti da
agricoltura integrata, a ridotto impatto ambientale: reciclare, studiare
risorse energetiche alternative, impegnarsi per uno sviluppo
sostenibile. Essere giusti, integri, corretti verso il prossimo, senza
deviare dalla via maestra. Oppure, essere liberi di scegliere di
rovinarsi nel modo che si preferisce. Scegliere di essere perdenti, di
farsi travolgere dall’alienazione e sprofondare nella depressione.
Esiste una chiave per uscire dall’universalismo della civiltà dei
consumi e liberarsi delle gabbie che ci imprigionano nel regno della
inautenticità e della spettacolarizzazione?
Qual è il rapporto fra libertà, capacità di generare prosperità e felicità?

Dove inizia e dove finisce la libertà di ciascun individuo?
È ancora possibile, o è solo un sogno da cui adesso ci stiamo dolorosamente svegliando?
Sono i temi che tormentano l’America divisa e impaurita all’alba del
nuovo Millennio, al centro di numerosi dibattiti pubblici e privati.
Così l’ultimo romanzo di Franzen si interroga sulla libertà e sulla
felicità, allargando e restringendo continuamente il focus dal punto di
vista individuale a quello collettivo, dando vita a un romanzo di ampio
respiro che racconta la storia di una famiglia attraverso tre
generazioni.
Pubblicato nove anni dopo Le correzioni, il romanzo che lo ha consacrato presso la critica e il pubblico americano, Libertà è stato definito “un capolavoro” dal New York Times Book Review, “l’opera di un genio” dal New York Magazine, mentre il Time
ha dedicato la sua copertina a Franzen (privilegio riservato in
passato – vogliamo ricordare - solo a Joyce, Nabokov, Updike, Salinger e
Toni Morrison) con il titolo “Great American Novelist”.
Ritroviamo in Libertà tutte le caratteristiche della scrittura
di Franzen: l’attenzione maniacale alla scelta delle parole, il calore
avvolgente del fraseggio, la perfezione di uno stile sottile, ironico e
non compiaciuto.
“Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”, recita l’indimenticabile incipit di Anna Karenina di Tolstoj, autore che Franzen ha particolarmente a cuore. Come ne Le correzioni,
anche Libertà è la storia di una famiglia della borghesia urbana
americana, lungo il cammino dallo splendore dell’ascesa fino
all’inevitabile e inarrestabile declino.
Walter e Patty Berglund sono una giovane coppia apparentemente felice e
arrivano a Ramsey Hill come i giovani pionieri di una nuova borghesia
urbana. Sono colti, educati, progressisti, benestanti e adeguatamente
simpatici. Entrambi provengono da famiglie nevrotiche e complicate, e
fuggono da adolescenze difficili e tormentate. Ramsey Hill rappresenta
per loro una frontiera da colonizzare e la possibilità di rinnovare il
mito dell'America come terra di libertà, “dove un figlio poteva ancora
sentirsi speciale”.
Avevano dimenticato però che “niente disturba
questa sensazione quanto la presenza di altri esseri umani che si
sentono speciali”. Così, qualche anno dopo troviamo Joey, il figlio
amatissimo da Patty, che appena sedicenne se ne va a vivere con la sua
ragazza, che peraltro non ama, a casa degli odiati e volgari vicini.
Patty sprofonda nella più nera depressione e nell’alcolismo, e inizia
una relazione clandestina con Richard Katz, amico di infanzia del marito
e musicista rock (Guerra e pace è il grande romanzo che serpeggia in Libertà,
e Franzen lo cita esplicitamente, rimodellando nella storia di Patty,
Walter e Richard il triangolo amoroso tra Natasha, Pierre e Andrej).
Walter, uomo integerrimo e corretto, devoto della raccolta differenziata
e del cibo a impatto zero, viene bollato dai giornali come “arrogante,
tirannico ed eticamente compromesso”.
Franzen indaga con feroce passione, con umorismo e tenacia il prezzo che
dobbiamo pagare per concederci il diritto alla libertà personale.
Se la sfida quotidiana di ogni uomo consiste nella ricerca di un
significato a partire da esistenze instabili e frammentate, il grande
romanzo cerca di condurre il lettore , attraverso l’esperienza della
lettura, a indagare la propria vita attraverso quella degli altri. E
Franzen, uno dei migliori scrittori americani della sua generazione, è
abilissimo nel dipingere una società americana preda della fobia e
dell’angoscia postmoderna, e a spingere il lettore a chiedersi quanto
siano labili e precari i confini che separano le nostre vite da quelle
degli altri.

A cura di Wuz.it
Delilah
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 108
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da carabottino il Lun 28 Mar 2011, 17:00

Che bella iniziativa, il mese scorso forse ero distratta. Vorrei proporre un libro leggero leggero, per farsi due risate in questi tempi bui. Mi diverte molto leggere questo autore, molto "toscano":

Il gioco delle tre carte di Marco Malvaldi - Sellerio Editore

Questo libro è uno dei vincitori del Premio Selezione Bancarella 2009.

Ritorna, con la seconda avventura dopo "La briscola in cinque", la squadra di investigatori del BarLume di Pineta, detto anche "l’asilo senile". A parte il barista Massimo e la sua banconista, la bella e comprensiva Tiziana, il più giovane del gruppo è Aldo, ultrasettantenne gestore dell’osteria Boccaccio. Seguono Nonno Ampelio, Pilade, il Del Tacca del Comune, il Rimediotti. La loro attività, unica, più che principale, si svolge nel presidiare il BarLume e, dietro il paravento della partita a carte, passare al setaccio tutti gli avvenimenti di Pineta, in un pettegolezzo toscano senza eufemismi e senza ritrosie. Qualche volta resta nelle maglie fitte della rete, un fatto criminale. In realtà è Massimo, pronto all’intuizione ma svogliato all’azione, che è spinto a investigare, richiesto casualmente dal commissario Fusco. I vecchietti fanno da polo dialettico in un contraddire minuzioso che però facilita la sintesi: corale ambientazione umana, provinciale e antiglobalizzata (lenta, senza preoccupazione di efficienza mezzo-fine). Uno sfondo di commedia italiana a dei gialli enigmistici la cui soluzione è affidata alla virtù del ragionamento e alla fortuna del caso.

Nel gioco delle tre carte un esercizio di abilità e di elusione fornisce lo schema per risolvere un enigma criminoso consistente nel nascondere ostentando. Nel corso di un congresso, viene ucciso un professore giapponese. La chiave del mistero è in un computer che in apparenza non contiene niente di significativo.
http://www.sololibri.net/Il-gioco-delle-tre-carte-di-Marco.html
carabottino
carabottino

Messaggi : 2353
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 60
Località : Firenze

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Therese il Lun 28 Mar 2011, 19:41

Io ripropongo Tutta un’altra musica, Nick Hornby
"Ci sono coppie in perenne calma piatta. Annie e Duncan lo sanno bene. Convivono da quindici anni a Gooleness, torpida cittadina inglese sul mare, e la loro esistenza è scandita da qualche lettura in comune, l'uscita di un nuovo film, ogni tanto un concerto a Londra. Non hanno figli e nemmeno rischiano di averne, vista l'evanescenza della loro vita sessuale. Ma da un po' di tempo Annie prova un impellente desiderio di maternità, mentre Duncan non fa che coltivare la sua unica, ossessiva passione: Tucker Crowe, cantante cult americano sparito dalla scena musicale intorno alla metà degli anni Ottanta. La venerazione per Tucker, condivisa via Internet da qualche centinaio di adepti sparsi per il mondo, assorbe ogni istante delle sue giornate; e Annie comincia a chiedersi che senso abbia continuare una relazione che forse è stata solo una perdita di tempo......"

Dead Readers Society... - Pagina 2 Tuttaunaltramusica

http://www.ibs.it/code/9788860883162/hornby-nick/tutta-altra-musica.html
Therese
Therese
mengonella
mengonella

Messaggi : 12739
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 47
Località : Belleville

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da vallettadelre il Lun 28 Mar 2011, 23:19

@Therese ha scritto:Io ripropongo Tutta un’altra musica, Nick Hornby
"Ci sono coppie in perenne calma piatta. Annie e Duncan lo sanno bene. Convivono da quindici anni a Gooleness, torpida cittadina inglese sul mare, e la loro esistenza è scandita da qualche lettura in comune, l'uscita di un nuovo film, ogni tanto un concerto a Londra. Non hanno figli e nemmeno rischiano di averne, vista l'evanescenza della loro vita sessuale. Ma da un po' di tempo Annie prova un impellente desiderio di maternità, mentre Duncan non fa che coltivare la sua unica, ossessiva passione: Tucker Crowe, cantante cult americano sparito dalla scena musicale intorno alla metà degli anni Ottanta. La venerazione per Tucker, condivisa via Internet da qualche centinaio di adepti sparsi per il mondo, assorbe ogni istante delle sue giornate; e Annie comincia a chiedersi che senso abbia continuare una relazione che forse è stata solo una perdita di tempo......"

Dead Readers Society... - Pagina 2 Tuttaunaltramusica

http://www.ibs.it/code/9788860883162/hornby-nick/tutta-altra-musica.html
era la mia proposta del mese scorso... magia allora mi risparmi di pensarci su e stavolta posso votarla! scusa risata
vallettadelre
vallettadelre
mengonella
mengonella

Messaggi : 6786
Data d'iscrizione : 19.05.10
Età : 44
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Dead Readers Society... - Pagina 2 Empty Re: Dead Readers Society...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Torna in alto


 :: ARTI :: Libri

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum