Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Pagina 8 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente

Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Kaiser il Lun 18 Feb 2013, 10:42

Lunedì 18 Febbraio, 2013 CORRIERE DELLA SERA

Mengoni, X Factor di successo «Ricomincio dal romanticismo» L'ex allievo di Morgan: finalmente mi vedono come cantautore

SANREMO — Il Festival di Mengoni anzitutto. Marco Mengoni da Ronciglione, nato il giorno di Natale del 1988, si riprende in mano la carriera. I lustrini del palco di «X Factor» a fine 2009, neanche il tempo di capire cosa era accaduto ed ecco Sanremo 2010, un premio europeo di Mtv pochi mesi dopo. Tutto alla velocità della luce. «Solo 2.0», album uscito a fine 2011 che avrebbe dovuto consolidarne la carriera, si rivelò un passaggio a vuoto. Ci voleva una messa a fuoco.
Marco ha dovuto distruggere tutto per ricostruire. Ha cambiato manager e staff. Ha fatto le valigie e da Roma, passando per Ronciglione, si è trasferito a Milano. Ha persino modificato il suo modo di cantare. La sua voce perfetta e duttile si era incanalata in virtuosismi eccessivi e ricami barocchi. All'Ariston ha mostrato il lavoro fatto. «L'essenziale», il titolo della canzone premiata, è anche tutto questo.
«Sono tornato alle origini, ad aspetti più terreni e meno metafisici. Per la voce mi rifacevo sempre a modelli Oltreoceano, ora mi ispiro al nostro romanticismo. Nei testi do più peso alle parole, cerco concetti più semplici e mi faccio meno pippe mentali», spiega. Aggiunge: «Tutto questo l'ho scoperto grazie alla collaborazione con tante altre persone che mi hanno aiutato a cogliere cose di me che prima non capivo bene». Tra queste anche Gianna Nannini che gli ha regalato «Bellissimo», il secondo dei pezzi portati al Festival, che sarà sul nuovo album, titolo ancora da definire, in uscita il 19 marzo. Nel percorso di maturazione anche gli omaggi a Giorgio Gaber nel disco per il decennale della scomparsa e la cover di «Ciao amore, ciao» di venerdì sera.
Il Festival è suo. Ma anche di «X Factor». Sia Marco che Antonio Maggio, il numero 1 dei Giovani, hanno vinto anche quel programma. Maggio nella prima edizione, quando stava con gli Aram Quartet, un gruppo vocale. Il successo di Mengoni si porta dietro le scontate polemiche sui talent show. Come se tutto quello che esce da quei programmi fosse un prodotto omologato. Come se i trampolini per i giovani degli anni passati (Castrocaro o lo stesso Sanremo) avessero prodotto impegno e qualità. Come se dalla tv uscissero soltanto interpreti e non cantautori. «L'essenziale» è firmata da Roberto Casalino, Francesco De Benedittis e Marco Mengoni. «Dovevo vincere Sanremo per far capire cho ho scritto anche molti pezzi dei miei dischi precedenti», commenta lui a caldo. Si concede una battuta: «Forse quelli non erano piaciuti a nessuno, non hanno fatto clamore». Un po' sente il peso delle origini. «Quei programmi tv non sono il peccato originale. Però un passato ce l'ho e me lo tengo ben stretto», dice.
L'unica che quest'anno ha l'etichetta talent ancora ben in vista è Chiara che ha vinto «X Factor» a dicembre e deve ancora dimostrare tutto. In mezzo al guado Annalisa. Dopo la scuola di «Amici» 2011, l'anno scorso ha partecipato al girone big del programma della De Filippi. Non ha vinto e si è interrotta la tradizione di «Amici» che ha messo nell'albo d'oro Marco Carta, Valerio Scanu ed Emma. È la rivincita dell'ex talent di Rai2 passato da due edizioni su Sky. Che si appunta un'altra medaglia: Giancarlo Leone, direttore di Rai1, ha dichiarato che lui non avrebbe mai mollato il format alla concorrenza. La grossa coalizione «X Sanremo» si completa con il secondo posto di Elio, uno dei giudici. Un passo in più e si potrebbe dire che è anche il Sanremo di Morgan: i due vincitori sono stati suoi allievi. Ma forse è solo il Festival di Mengoni. Del nuovo Mengoni.
Andrea Laffranchi
Kaiser
Kaiser

Messaggi : 11889
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 65

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Kaiser il Lun 18 Feb 2013, 11:33

Al Festival di Sanremo vince l’anima di Marco Mengoni

Sì! Sì! Sì! Marco Mengoni ha vinto. Con l’incanto di un’anima sensibile e libera, con l’essenzialità di un’interpretazione matura e calda, con una voce che è armonia, purezza, perfezione. Ha vinto con una canzone non particolarmente orecchiabile, ma preziosa e significativa. Ha vinto e i suoi gesti hanno espresso il pudore della dolcezza, l’imbarazzo della timidezza, la tensione dell’attesa. E ancora una volta la verità del cuore ha vinto sull’importanza dell’evento, sui giochi più o meno palesi di una manifestazione che appare condizionata da interessi al di fuori della musica. E credo che il voto popolare sia stato il motore propulsivo di questa vittoria, a dimostrazione che una personalità musicale forte, sincera, accompagnata da una voce di rara intensità è facilmente percepita dalla sensibilità comune. Ha vinto con eleganza, senza strafare, con tenerezza, senza gesti ammiccanti, confidando nella qualità e nella musicalità che gli appartengono. Rappresenterà l’Italia all’Eurofestival e sarà un altro trionfo, ne sono sicura.

http://www.milanopost.info/2013/02/17/al-festival-di-sanremo-vince-lanima-di-marco-mengoni/
Kaiser
Kaiser

Messaggi : 11889
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 65

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Lun 18 Feb 2013, 13:38

http://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/io-snobbato-ce-lho-fatta-contro-i-razzisti-musicali-887104.html

Mengoni: "Io, snobbato, ce l'ho fatta contro i razzisti musicali"
Paolo Giordano - Lun, 18/02/2013 - 08:18

Sanremo - Appena un filo di voce, praticamente è esausto. «Ho dormito non più di un quarto d'ora», ride. Per Marco Mengoni, nato nel viterbese 25 anni fa nel giorno di Natale, è naturalmente la realizzazione di un sogno.
E soprattutto una riscossa. Marco Mengoni ha vinto il Festival e fatto perdere il luogo comune sui talent show «produttori di cantanti semilavorati».
Lui era venuto qui nel 2010 dopo la vittoria a X Factor (edizione Rai) ed era tornato a casa con il secondo posto. Adesso con il primo e, per di più, anche il benestare della giuria di qualità. Bingo.
Dopotutto, caro Mengoni, qualcuno era scettico quando ha ascoltato i suoi brani in gara.
«Eh lo so. Ma io ne ero sicuro».
E poi s'è visto sul palco.
«Per me è stato un Festival di felicità, di libertà e di inconsapevolezza».
Scusi?
«Sì non ho patito la gara neanche per un secondo. Qui al Festival ero così sereno che mi sono sentito come fossi in pigiama sul divano di casa».
Forse il punto di svolta è stata la sua interpretazione di Ciao amore ciao di Luigi Tenco nel Sanremo Story del venerdì.
«Ho scelto quella canzone d'istinto anche se non conoscevo esattamente la storia di Tenco per filo e per segno (e non mi vergogno a dirlo). Poi mi sono documentato e ho rivisto anche la perfomance che di quel brano aveva fatto Dalida nel 1971. Un'emozione pazzesca. Ma non l'ho scelta solo per la bellezza in sé della canzone».
E per che cosa?
«Perché al Festival del 1967 quel brano fu ritenuto inadatto e poco sanremese. Contro di lui ci fu un pregiudizio inaccettabile per chi dovrebbe intendersi di musica e di arte».
Ossia?
«Bocciare un brano solo perché considerato di nicchia. Fu una dimostrazione di razzismo contro la musica».
A proposito.
«Senza far paragoni, anche i cantanti che escono dai talent show spesso sono oggetto di razzismo. E subiscono ingiustizie non tanto nei loro confronti ma nei confronti del pop. In fondo le canzoni di musica leggera devono essere giudicate dal popolo, l'unico che può farlo».
Spesso la critica musicale e i fan più integralisti pensano il contrario.
«Mi sembra che abbiano scoperto un peccato originale che non esiste. Da quando sono conosciuto, tanti, tantissimi cantanti giovanissimi vengono da me e mi chiedono: come posso farmi conoscere. E io che cosa rispondo loro: spedite il vostro materiale a una casa discografica?».
Perché no?
«Perché c'è molta crisi, si sono attenuate molte possibilità di investimento e di ricerca. Per moltissimi la tv non è neanche l'ultima possibilità per farsi conoscere. È proprio l'unica. È un modo nuovo per entrare in questo mondo, tutto qui».
Ma i pregiudizi fanno fatica ad affievolirsi.
«E vabbé, chi vuol continuare a far parte del Ku Klux Klan anti talent show continui a pure. Ma sono sempre meno, per fortuna».
Forse la vittoria di Mengoni aiuta a ridurre il numero.
«Questa vittoria è merito di tantissime cose, di tante scelte, di molti sacrifici».
È anche merito di Morgan, che lo consigliò durante X Factor?
«Il merito è soprattutto della mia squadra e delle persone creative che mi stanno accompagnando».
Adesso si riposerà un po'?
«Ma non ci penso neppure. Lunedì mattina sarò già in studio di registrazione per lavorare. Io in fondo sono uno stakanovista fino al midollo. E sono contento di esserlo».
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Lun 18 Feb 2013, 13:44

http://music.fanpage.it/marco-mengoni-a-le-iene-la-mia-vittoria-a-sanremo-una-botta-di-culo/

Marco Mengoni a Le Iene: “La mia vittoria a Sanremo? Una botta di culo”

Il vincitore del Festival di Sanremo 2013 si è raccontato in un'intervista a Le Iene Show. Dal sesso alle critiche di Cristicchi, Mengoni ha risposto con l'ironia che da sempre lo contraddistingue, prestandosi alle irriverenti domande degli autori del programma tv di Italia Uno.

Il vincitore del Festival di Sanremo 2013 ha rilasciato, tra le tante, un’intervista a Le Iene Show. Con l’ironia che da sempre lo contraddistingue, si è prestato ad alcune domande delle irriverenti iene di Italia Uno. Dopo aver intonato la canzone vincitrice, L’essenziale, in dialetto di Ronciglione, la sua cittadina d’origine, racconta che il “suo essenziale” è stato salire sul palco dell’Ariston. Alla domanda se crede di aver vinto la kermesse per bravura o “botta di culo” Marco risponde modesto: “Ho vinto Sanremo perché? Una botta di culo!”

Gianna Nannini: “Sei forte, vai avanti, spacca tutto!” – Non ha dormito abbastanza e non ha neanche festeggiato visto che è stato impegnato in “migliaia” di interviste. Le prime persone che ha abbracciato dopo la sua vittoria sono stati i suoi genitori e il messaggio di Gianna Nannini, autrice del secondo brano in gara “Bellissimo“, lo ha riempito di orgoglio. Il testo dell’sms? “Sei forte, vai avanti, spacca tutto”. E se a dirlo è una rocker come lei, c’è da capire come mai sia così inorgoglito.
“Ho ricevuto tante porte in faccia” - Contrariamente a ciò che si crede, ovvero che Mengoni abbia avuto vita facile grazie a X Factor, racconta che ha ricevuto tante porte in faccia, e dopo aver fatto il gesto dell’ombrello in direzione a tutti quelli che in passato non hanno creduto in lui, rivela che si è sempre dato da fare, sin da quando aveva 14 anni come cameriere e barista. Il suo sogno è quello di acquistare una moto e racconta la sua sul concetto di liberà che, per dirla alla Gaber, è partecipazione, cosa che in Italia manca. Irriverenti, gli autori de Le Iene Show gli chiedono se abbia fatto sesso durante il Festival e ricevono una risposta negativa:

Fare sesso prima di un’esibizione fa bene al look, ti fa venire un po’ di occhiaie
“Quelli” dei talent show – E prima di chiudere l’intervista, risponde alle critiche di Simone Cristicchi che recentemente aveva affermato che combattere contro “quelli dei talent show” è una battaglia persa:

Forse è vero che noi siamo abituati a stare davanti alle telecamere, però qui c’era anche la Giuria di Qualità che contava
Subito dopo Marco ironizza e invita Cristicchi a non arrabbiarsi più di tanto. La donna più bella del Festival è Maria Nazionale, con la quale, forse scherzando, ha affermato che avrebbe voluto trascorrere una notte. Saluta i ragazzi de Le Iene con una canzone di Elio e Le Storie Tese e Giorgia T.V.U.M.D.B.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Lun 18 Feb 2013, 13:58

http://euromusica.wordpress.com/2013/02/18/sanremo-2013-mengoni-schizza-in-vetta-ma-antonio-maggio/

Marco Mengoni schizza subito in testa alle classifiche dei download nell’immediato della conclusione del Festival di Sanremo. Nonostante il suo album esca solo il 18 marzo, il singolo vincitore della rassegna è partito subito staccando tra gli altri. Fra i giovani, exploit di Antonio Maggio, quarto davanti a Malika Ayane: per un esordiente non c’era così bella classifica dai tempi di Arisa. Questo il riscontro immediato dei singoli a poco dalla fine della rassegna. Aalcuni brani sono presenti due volte, dal singolo e dall’album: è riportata la posizione più alta. Allo stesso modo, per i big, non sono conteggiati reingressi in classifica di precedenti produzioni, comprese le prime versioni dei repackaging.
SINGOLI
BIG
1 -L’essenziale-Marco Mengoni
2- Se si potesse non morire- Modà
3- La canzone mononota- Elio e le storie tese
5- E se poi- Malika Ayane
7- Sotto casa- Max Gazzè
9- Scintille- Annalisa
10- La felicità- Simona Molinari ft Peter Cincotti
13 Il futuro che sarà- Chiara
14- Sai (ci basta un sogno)- Raphael Gualazzi
15- A bocca chiusa- Daniele Silvestri
16- La prima volta (che sono morto)- Simone Cristicchi
17- Bellissimo-Marco Mengoni
20- Come l’acqua dentro il mare- Modà
25- Niente- Malika Ayane
37- E’ colpa mia- Maria Nazionale
41- Non so ballare- Annalisa
43- Mi manchi- Simone Cristicchi
45- Dannati forever- Elio e le storie tese
60- Vorrei- Marta sui Tubi
73- Senza ritegno- Raphael Gualazzi
94- I tuoi maledettissimi impegni- Max Gazzè
122- Onda che vai- Almamegretta
157- Quando non parlo- Maria Nazionale
Le altre sono fuori dai primi 200

GIOVANI
4-Mi servirebbe sapere- Antonio Maggio
27- Il postino (amami uomo)- Renzo Rubino
32- In equilibrio-Ilaria Porceddu
119- Le parole non servono più- Il Cile
163- Dietro l’intima ragione- Blastema
Gli altri fuori dai 200

OSPITI
14- One Day/Reckoning Song- Asaf Avidan & The Mojos (Wnakelmut Remix)
19- What I Might do- Ben Pearce
26- Reckoning song – Asaf Avidan & The Mojos
35- Quizas Quizas Quizas- Andrea Bocelli
50- You are my sister- Anthony and The Johnsons
104- Skinny love- Birdy
178- Chez Keith e Anita- Carla Bruni

DALLA SERATA STORICA
71- Ciao amore ciao- Luigi Tenco (eseguita a Sanremo da Mengoni)
92- Cosa hai messo nel caffè- Malika Ayane

ALBUM (non ancora usciti quelli di Elio e le storie Tese, Marco Mengoni e Almamegretta)

BIG
1- Gioia- Modà
2- Un posto nel mondo-Chiara
3- Che nemmeno Mennea (EP)- Daniele Silvestri
4- Happy Misstake- Raphael Gualazzi
7- Sotto casa- Raphael Gualazzi
9- Non so ballare- Annalisa
12- Dr. Jekyll e Mr.Hyde- Simona Molinari
14- Cinque La Luna e le spine- Marta sui Tubi
15- Album di famiglia- Simone Cristicchi
16- Ricreazione (Sanremo Edition)- Malika Ayane
39-Libera- Maria Nazionale

GIOVANI
11- Mi piacerebbe sapere- Antonio Maggio
20- In equilibrio- Ilaria Porceddu
26- Il momento perfetto- Andrea Nardinocchi
27- Poppins- Renzo Rubino
47- Siamo morti a vent’anni- Il Cile

OSPITI
5- Different pulses- Asaf Avidan
6- Passione- Andrea Boccelli
7-Cut the world- Anthony and The Johnsons
21- The Reckoning- Asaf Avidan (album del 2008!)
28- Birdy (Deluxe version)- Birdy
37- I am a bird now- Andy and The Johnsons
62- Carioca- Stefano Bollani
89- Live in London- Birdy
94- The crying light- Anthony and The Johnsons
98- The best of Andrea Bocelli- Andrea Bocelli
170- Irene Grandi & Stefano Bollani- Irene Grandi & Stefano Bollani

DALLA SERATA STORICA
45- Canzoni d’amore- Luigi Tenco
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Lun 18 Feb 2013, 14:12

http://www.look-dei-vip.it/articolo/marco-mengoni-il-vincitore-di-sanremo-2013-vince-anche-la-gara-del-look-piu-bello_a2185/1

MARCO MENGONI: IL VINCITORE DI SANREMO 2013 VINCE ANCHE LA GARA DEL LOOK PIÙ BELLO

Marco Mengoni, si sa, è una garanzia. L'ex di X-Factor continua a macinare successi e consensi. Il pubblico lo adora, le donne impazziscono per lui, e alla redazione di Look dei Vip piace per il suo stile, mai banale ma sempre ricercato e azzecatissimo.

Per la 63esima edizione del Festival di Sanremo - che lo ha visto trionfare tra i Big con "L'Essenziale" dopo essere sempre stato in cima alla classifica - ha scelto outfit classici ed eleganti, che mettevano in risalto il suo sguardo a metà tra il bravo ragazzo e il bel tenebroso.

Per la prima serata, quella in cui ha cantato sia "Bellissimo", la canzone scartata, che "L'essenziale", Marco aveva optato per il blu. Un grande classico, con tanto di pochette da taschino, che quest'anno ha fatto da padrone sul palco dell'Ariston, soprattutto tra le donne.

Per la terza serata invece ha osato un total look bordeaux tono su tono, condiviso tra l'altro dall'altro vincitore, Antonio Maggio. Di lui ci era piaciuta tantissimo la pettinatura, con un ciuffo di riccioli spettinato sulla fronte che sembrava voler dire "sono bello anche appena sceso dal letto".

La quarta serata lo ha visto salire sul palco con un perfetto outfit retrò, pettinatura compresa: la scelta non è stata casuale, dato che Mengoni ha interpretato con passione "Ciao Amore Ciao" di Luigi Tenco. Uno splendido dandy!

E per la Finalissima Marco ha conservato l'allure glamour: abito grigio con immancabile pochette da taschino e capelli ordinati. Completa il look il premio tra le mani!
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da eripola il Lun 18 Feb 2013, 14:45

http://www.metronews.it//master.php?pagina=notizia.php&id_notizia=11868

MENGONI: “FAZIO
SARò IL TUO STAGISTA”
Il vincitore del festival di Sanremo
Musica. Dopo sei giorni di dirette, si spengono i riflettori sull’edizione 2013 del Festival di Sanremo. Quello low cost. Quello del boom di ascolti. Quello targato Fazio-Littizetto. E, da sabato notte, anche quello di Marco Mengoni, vincitore con “L’essenziale”.

Mengoni, tutti parlano della formula vincente di Fazio... Per lei, che ne è sempre stato un estimatore, forse una nota piacevole in più…
Sono orgogliosissimo di aver vinto proprio questa edizione. Dietro le quinte ho visto una perfetta macchina da guerra, un contenitore ricco e due conduttori fantastici. Anzi, colgo l’occasione per offrirmi a Fabio e al suo gruppo come stagista!

Qual è il sentimento prevalente in questi momenti?
A parte la stanchezza? La serenità.

Il suo podio ideale?
L’ho detto da subito: Elio e le Storie Tese, perché sono geniali nella loro follia, poi Silvestri e Gazzè.

Quali sono state le prime persone cui ha pensato dopo la vittoria?
A tutte quelle che si sono fatte “il culo quadro” per portarmi qui. Quest’anno ho cambiato tutto, entourage, manager, crew…

Si sente più grande?
Grande non so, cresciuto forse, più consapevole dei miei mezzi e limiti sicuramente!

Quindi basta con sta storia del talent ecc…?
Ci sono difficoltà più importanti di cui discutere. Qui parliamo di canzonette, un accanimento assurdo verso un “peccato originale”!

(Andrea Sparaciari)
eripola
eripola
mengonella
mengonella

Messaggi : 2976
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da camila il Lun 18 Feb 2013, 18:05


MENGONI E LA CANZONE NATA IN UN'EPOCA SBAGLIATA

Pubblicato il 18 Febbraio 2013

Viene ridata dignità a una canzone eliminata dal festival, ma mai dimenticata



L’interpretazione di "Ciao Amore Ciao" da parte di Marco Mengoni ha permesso di capire a pieno il messaggio della canzone, che nell’esecuzione di Luigi Tenco, forse legata a un formalismo del periodo, non riusciva a trasparire. Questa volta però, l’orchestra, la scenografia e le inquadrature hanno giocato un ruolo fondamentale: la quantità di emozioni che dovevano essere espresse erano troppe per riuscire a passare attraverso i mezzi di comunicazione di cinquant'anni fa.



L’unico richiamo dell’epoca è lo stile: l’abito è sofisticato, l’acconciatura sobria e classica nelle linee. Va sottolineato poi che Mengoni sa usare il look in ogni sua esibizione: per se stesso, come attore, per entrare di più nella parte; e per il pubblico, dando un’istantanea visiva di quello che sta per accadere.



Ecco allora come procede, passo dopo passo, il racconto della canzone, che è un viaggio interiore. Strofa iniziale: la noia, i saxofoni non si sprecano e sono stanchi. La scenografia ha un fondo scuro. Solo due pannelli verticali riflettono debolmente l’immagine del cantante sul fondo, mentre la telecamera resta stretta sul suo volto. Le luci: sono raggi di sole caldi. I giovani che hanno desiderio di trovare lavoro, non solo a costo di apparire “choosy”, ma al costo ancora più grande di allontanarsi dal proprio amore, si trasferiscono dalla campagna alla città. Chi è “l’amore”? La fidanzata? La famiglia? Anche, è tutto quello che ci tiene legati a noi stessi.



Al ritornello: un crescendo fino a urlare “e chi se ne frega di tutto questo”. Il guadagno è l’affermazione personale, il prezzo è allontanarsi da se stessi. La malinconia si legge negli occhi del cantante. Il coro genera una miriade di voci interiori che danno l’addio ai ricordi d'infanzia.



Seconda strofa: la delusione di un sistema che non è quello che ci si aspetta. La voce diventa piccola, schiacciata dalle dimensioni di una città che non accoglie, ma trascina chi vi entra, fino a consumarlo. L’inquadratura si allarga, tutto diventa più caotico. Sullo sfondo i pannelli neri si illuminano di puntini gialli: gli stessi che vediamo quando chiudiamo gli occhi, per non guardare cosa succede fuori.



Secondo ritornello: stesse parole del primo, ma intenzioni opposte. È un saluto di vera gioia, di ritorno a se stessi, al proprio amore. L’affermazione personale non passa dal bel lavoro in città, ma dalla consapevolezza di se stessi. Eppure la serenità nell’averla raggiunta si interrompe bruscamente.



Ultima strofa: la tristezza di chi si rende conto di aver sbagliato. La fatica per tornare a riprendere se stessi è talmente evidente che tutti i sentimenti escono come la rabbia di chi non riesce più a muoversi. È visibile sul volto di Marco, sulle sue labbra. Le gote si gonfiano e si arrossano, ma le lacrime si trasformano in una voce prepotente.



I toni si addolciscono sul finale, come i pensieri di chi, dopo una lunga giornata faticosa, si addormenta senza accorgersi interrompendo i pensieri: il suo “amore” finale chiude l’orchestra. Marco ha bisogno di ricomporsi. Tutti abbiamo bisogno di ricomporci dopo un’esibizione di tale calibro. Questo è stato uno dei tanti momenti di spessore culturale a cui abbiamo assistito al festival e ringraziamo chi ha avuto la nobiltà e il coraggio di proporlo.

http://tvtalk.overblog.com/mengoni-e-la-canzone-nata-in-un-epoca-sbagliata

W Marco
camila
camila
mengonella
mengonella

Messaggi : 9869
Data d'iscrizione : 13.05.10
Località : in giro per l'Italia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da martha70 il Lun 18 Feb 2013, 18:16

Estraggo da un altro articolo sullo stesso blog.

Il vincitore, Marco Mengoni, ha dedicato commosso la vittoria con L’essenziale a Luigi Tenco, mentre un altro fuoriuscito da X Factor, Antonio Maggio, ha trionfato nella sezione Giovani. Due bravi cantanti, che spengono sul nascere ogni trita e ritrita polemica sui talent, dato che sono stati entrambi convincenti. Anche perché, giova ribadirlo, non si sono fatti le ossa solo negli studi televisivi, ma anche a contatto con il pubblico.

http://tvtalk.overblog.com/sanremo-63-grazie-di-tutto
martha70
martha70
mengonella
mengonella

Messaggi : 7426
Data d'iscrizione : 19.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Lun 18 Feb 2013, 18:34

http://www.blogtivvu.com/2013/02/18/a-pomeriggio-cinque-il-trionfo-di-marco-mengoni-dondoni-sul-presunto-plagio-ci-vuole-molta-fantasia-foto/

A Pomeriggio Cinque il trionfo di Marco Mengoni. Dondoni sul presunto plagio: “Ci vuole molta fantasia!”

Sanremo è finito da due giorni, ma Barbara D’Urso anche questo pomeriggio ha proseguito a cavalcare l’onda mediatica, concentrandosi in particolare sul trionfatore della 63esima edizione della kermesse canora, Marco Mengoni. Pochi attimi dopo la proclamazione del vincitore, Marco ha rilasciato alcune dichiarazioni a caldo anche ai microfoni della trasmissione di Canale 5: “L’emozione di questa vittoria è a mille, non si può esprimere questa emozione, si può solamente cantare forse”, ha dichiarato il cantante che ha incantato l’Ariston e non solo.

Cos’è per lui l’essenziale? Questa la prima domanda che tutti i giornalisti hanno posto a Mengoni, all’indomani dal suo trionfo, e la risposta sembra essere sempre la medesima: “Salire su un palco”. Proprio con la canzone L’Essenziale ha proseguito la sua esperienza sull’Ariston, fino al grande trionfo, già annunciato in seguito al primo posto nella classifica provvisoria di giovedì sera. “Sono un logorroico ma in queste situazioni sono un po’ bloccato. Ringrazio tutta l’organizzazione per aver scelto i miei pezzi, non ci avrei mai creduto”, ha dichiarato ancora Marco che ha deciso di dedicare il suo trionfo proprio a chi lo ha aiutato fino ad oggi: “A tutte le persone che mi sostengono, ai miei genitori, alle persone che ho intorno e soprattutto al mio nuovo team”.

Qual è stato il primo messaggio che ha ricevuto? Al termine della sua prima esibizione, Gianna Nannini, autrice del secondo brano presentato sull’Ariston, Bellissimo, gli ha scritto un sms di sostegno al quale ha commentato Marco: “Devo solo ringraziarla perchè mi ha dato una carica incredibile”.

La puntata odierna di Pomeriggio Cinque, ha dedicato ampio spazio a Marco, con vari servizi ed interviste alle persone più vicine all’ex concorrente del talent X Factor, direttamente in collegamento da Ronciglione, il paese natale di Mengoni, con interviste ai suoi concittadini ed alla nonna, la quale ha dichiarato: “Marco è un talento, ci ha regalato tanta gioia di vivere perchè eravamo un po’ spenti. E’ un grande”.

La parola è poi passata a Luca Dondoni, ospite in studio che, dopo aver parlato del Festival di Fazio, considerandolo “Molto particolare, con un’atmosfera per niente eccitata, era il classico Sanremo di Fazio”, ha dedicato bellissime parole di stima a Marco, definendola una persona molto seria, concentrata, ed in ripresa da un periodo nero da un punto di vista artistico.

In merito alla polemica dell’ultima ora relativa alla notizia di un presunto plagio della canzone di Marco ai danni del brano di Marco Masini, Raccontami di te, Dondoni ha invece dichiarato: “Ci vuole proprio un po’ di fantasia, molta fantasia! Mi dispiaccio di leggere queste cose, perchè molta gente dice ‘non mi sta simpatico, se la tira’, ma non è così. Marco Mengoni è una persona molto discreta, introverso ma estremamente sincero non credo ci sia un minuto della sua giornata in cui finge”.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Lun 18 Feb 2013, 22:32

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Cats110

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Cats210
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Lun 18 Feb 2013, 23:14

http://www.girlpower.it/gossip_show/uomini_fighi/marco-mengoni-vittoria-sanremo-intervista-iene.php

Marco Mengoni vince Sanremo: "una botta di c..."
Marco Mengoni a ruota libera: appena dopo la vittoria Marco Mengoni rilascia un'intervista a dir poco surreale alle Iene, in cui spiega scientificamente perchè ha vinto

Inutile dirlo: era il nostro preferito dall'inizio, è sempre stato tra i favoriti, e siamo contentissime che abbia vinto lui. Marco Mengoni ha vinto questo Sanremo 2013 con la sua "L'essenziale", e già che c'era ha spiegato accuratamente alle Iene le motivazioni della sua vittoria.
"Una botta de culo!" dice col suo accento spiccatamente viterbese (è di Ronciglione), facendoci ridere come al solito per la sua totale mancanza di peli sulla lingua. Finalmente un cantante bravo ma che non se la tira!
Nell'intervista Marco ha parlato anche più in generale della sua carriera, dell'esperienza di Sanremo e della vittoria. Che tanto per cominciare ha festeggiato facendo "duecentomila interviste", e senza nascondere che è stata veramente una gran fatica partecipare a Sanremo.
L'intervistatore ne approfitta per fare le solite domandine a sfondo sentimentale, che lui glissa come sua abitudine (ma dice di essere single).
Dopo la vittoria le prime persone che ha sentito sono stati i genitori, ma il messaggio più bello è stato quello di Gianna Nannini, che gli ha scritto "Sei forte, vai avanti, spacca tutto".
Ulle accuse di aver copiato "Raccontami di me" di Marco Masini, non la prende come un insulto ma come una bella critica, visto che si tratta comunque di buona musica.
E ancora sulla polemica lanciata da Cristicchi, che ha detto che è impossibile vincere contro i cantanti lanciati dai talent. Marco risponde dicendo che in effetti chi arriva da un talent è più abituato a stare in tv, ma che in effetti c'era anche una giuria di qualità, che non c'entra niente coi gusti del pubblico. (Insomma: questi famigerati cantanti dei talent sono davvero più bravi?)
Chiusura dell'intervista dedicata a un paio di domande piccanti. Le Iene gli chiedono se si può fare sesso prima di cantare (manco si trattasse di un calciatore) e lui risponde che si può eccome, anzi "Fa bene al look perchè ti vengono un po' di occhiaie" (vabbè, prendete nota!). Gli chiedono se ha fatto sesso con qualcuno durante il festival, lui dice di no (purtroppo), ma se avesse potuto l'avrebbe fatto... con Maria Nazionale!

LO DEVO METTERE QUESTO ARTICOLO... ASPETTO LE REAZIONI DI MARIA NAZIONALE sorriso
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mar 19 Feb 2013, 11:36

http://cultura.panorama.it/musica/sanremo-2013-marco-mengoni-televoto-giuria-vincitore-percentuali

Sanremo 2013: Mengoni ha vinto grazie a Mengoni
Abbiamo preso tutti i dati di voto e vi spieghiamo per quale motivo ha vinto il talento nato a X Factor (tre anni e mezzo fa) ha ottenuto il primo posto. E perché chi si lamenta, non ha fatto (quel poco che bastava) per cambiare le cose.
di Alessandro Alicandri
Sanremo 2013 è finito. Ma non è ancora alle spalle. La vittoria di Marco Mengoni con il brano "L'essenziale" ha riportato alla luce con puntualità annuale la vecchia questione di chi fa un talent show e poi sembra che gli venga dato più di quanto meriti.
Ci addentreremo oggi in un ragionamento fatto di percentuali, per comprendere meglio perché il favorito ha vinto e in che modo. Vi preghiamo di porci tutte le domande che vorrete nei commenti se ci fossero eventuali incomprensioni o nodi complessi.
Partiamo dall'inizio. Marco Mengoni, nella terza serata del 14 febbraio, ha ottenuto la percentuale più alta di televoto tra tutti i concorrenti: il 25,28% su 14 artisti, guadagnando così la prima posizione nella classifica provvisoria. Dietro abbiamo trovato i Modà (20,32%) e Annalisa terza con meno della metà dei voti (8,97%), cifra che già si stacca completamente dai primi due concorrenti.
Questo dato, come da regolamento, ha determinato il 25% del voto complessivo. L'altro 25% spettava al televoto di sabato e il restante 50% al voto della giuria di qualità. Quest'ultima era formata da: Nicola Piovani (presidente), Beppe Fiorello (5ª serata), Paolo Giordano, Serena Dandini, Rita Marcotulli, Cecilia Chailly, Eleonora Abbagnato, Stefano Bartezzaghi, Nicoletta Mantovani, Claudio Coccoluto.
Il primo aspetto (quello del televoto di giovedì) racconta bene e già nega la tesi di partenza espressa da una buona parte dei critici. Avere dei trascorsi in un talent show non è fondamentale (vedi i Modà con cifre piuttosto simili di televoto) e nemmeno determinante (vedi il caso di Annalisa, con cifre molto più basse di voto da casa). In un sistema di voto "combinato" con una giuria, quella di Mengoni non è stata una vittoria scontata, ma una sfida vinta.
Nell'ultima serata del 16 febbraio è stato infatti determinante il voto della giuria di qualità, che ha ridefinito in parte il podio votando nella prima fase quasi all'unanimità Elio e le storie tese (22,50%, quasi il totale dei voti a loro disponibili per un artista), e poi a seguire Malika Ayane, Raphael Gualazzi e Daniele Silvestri. Tra gli ultimi con 6% dei voti, Mengoni e ancora peggio i Modà, con il 4 per cento delle votazioni di qualità.
Il primo televoto (sui 14 concorrenti) di sabato ha visto invece la vittoria dei Modà (con il 25,04%), invertendo la situazione della prima votazione popolare di giovedì, con Marco Mengoni secondo (con il 20,72% dei voti) e terza Annalisa, lei sempre con una percentuale drasticamente più bassa di votazioni. È quindi solo grazie alla giuria che gli Elio e le storie tese hanno guadagnato il podio? Sì.
Chiara Galiazzo, l'artista più in in voga tra radio e iTunes con una vittoria schiacciante a X Factor, ad esempio, al televoto ne uscita con le ossa (quasi) rotte. Su 14 artisti in gara, è risultata solo ottava.
Alla fine alla giuria di qualità sarebbe bastato votare ancora meno Mengoni (magari disperdendo i loro gettoni tra i nomi meno probabili) e Elio avrebbe vinto. Quindi l'altro dato è che la giuria di qualità ha dato, seppur con pochi voti, un discreto riscontro al brano e all'artista vincente.
Il voto verso Mengoni da parte della giuria tra l'altro è arrivato anche sul finale, momento in cui i dieci "tecnici" hanno lasciato il 48% dei voti complessivi agli Elio e le Storie Tese e gli altri due a pari merito. Per la giuria, lo sguardo era sostanzialmente rivolto solo a Elio. E anche qui, Mengoni non è stato esplicitamente penalizzato rispetto ai Modà.
A questo punto è il televoto sul trio finale a diventare centrale: Mengoni ha ricevuto la cifra record di televoto del 44%, staccandosi del tutto dai Modà, che hanno ricevuto solo il 33,90% delle preferenze contro il 21,92% del resto del pubblico sugli Elio e le Storie Tese. Un plebiscito su Mengoni che ha reso le ultime medie finali (quelle che hanno deciso il vincitore) più opache: 36,5% di media per Mengoni, 32,63% per Elio, 31,12% per i Modà.
Quando un artista non è premiato dal televoto nel 2013 la verità è un'altra: o il bacino di pubblico che tifa e lo vorrebbe sul podio non è abbastanza ampio oppure non è così interessato alla sua vittoria. Mandare un sms non è più una faccenda under 20. Se fosse stato così sgradito alla giuria di qualità, quasi certamente non avrebbe vinto.
Come abbiamo dimostrato, infatti, agli Elio e le storie tese sarebbe bastato pochissimo, dopo lo sprint offerto dalla giura, per vincere. Eppure questo non è successo. Per capire: Marco Mengoni ha un pubblico fedele e motivato, certo, un pubblico che ama il suo artista preferito e probabilmente non si astiene, come i tanti che come al solito hanno detto "Bravo, bravissimo!" agli artisti dell'era pre talent e poi sono rimasti a guardare. Per poi lamentarsi, nell'inettitudine, dell'esito finale.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da trixi il Mar 19 Feb 2013, 14:06

http://www.corriereweb.net/index.php?option=com_k2&view=item&id=32466:marco-mengoni-vince-a-sanremo-2013-grazie-al-televoto-o-no?&Itemid=219

Marco Mengoni è stato l’artista più votato al televoto, ciò che chiaramente ha influito molto sulla sua vittoria. La sua partecipazione a X Factor, però, non è stato un elemento decisivo, considerando che gli altri ex dei talent show non hanno ottenuto lo stesso successo presso il pubblico votante.

È stato il televoto a permettere a Marco Mengoni di trionfare nell’edizione 2013 del Festival di Sanremo. Se fosse stato per la giuria di qualità, infatti, l’ex vincitore di X Factor avrebbe chiuso solo al sesto posto. Questo giudizio sembra però essere troppo semplicistico, soprattutto se poi si giunge alla conclusione che a garantire il pieno di voti del pubblico da casa nei confronti di Mengoni sarebbe stato il suo passato nei talent show, in questo caso a X Factor. Senza dubbio il vincitore di Sanremo ha fatto incetta di voti già in occasione del terza serata del 14 febbraio, ma a ben vedere il televoto non ha premiato gli ex talenti di Amici e X Factor a prescindere. I Modà, tanto per fare un esempio, hanno ottenuto un risultato di gran lunga superiore a quello di Annalisa Scarrone e Chiara Galiazzo. Un altro fattore che ha influito molto sulla vittoria di Mengoni è stata poi la dispersione dei voti da parte della giuria di qualità, che in ogni caso, come dimostra il risultato dell’ultima votazione, ha sì preferito Elio, ma non ha penalizzato eccessivamente l’ex talento di X Factor.

trixi
trixi
mengonella
mengonella

Messaggi : 2980
Data d'iscrizione : 28.07.10
Località : Abruzzo

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mar 19 Feb 2013, 15:26

http://imagineconsulting.tumblr.com/post/43484257571/sanremo-2013-quello-che-ci-piace

Sanremo 2013: quello che CI PIACE

Come sempre il Festival della canzone italiana è un evento catalizzante per l’Italia.

Sicuramente quella di quest’anno è stata un formula ben riuscita: un mix di stile e sobrietà, una conduzione ben calibrata con la giuste dose di momenti comici ma mai banali.

Le canzoni sono state tutte di ottimo livello sia per i testi che per le interpretazioni.

Ma per quanto riguarda la scelta dei look, chi ha scelto lo stile migliore?

Tra gli uomini, unico e solo, MARCO MENGONI si è sicuramente aggiudicato il nostro… MI PIACE per il look proposto.

Non solo perché ha vinto il festival con una canzone dal testo coinvolgente e dall’interpretazione eccelsa sia grazie alla sua voce (una della più belle nel panorama italiano) sia per la sua capacità di tenere il palco in maniera istrionica.

Gli abiti firmati da Salvatore Farragamo, infatti, erano perfetti per lui.

I colori (Marco ha indossato un abito blu scuro la prima sera, black e white la seconda, per concludere con un abito bordeaux/melanzana la terza) si adattavano perfettamente alle sua tonalità e esaltavano i colori di incarnato, occhi e capelli.

Mengoni ha i colori tipici mediterranei e quindi gli stanno bene tutti i colori freddi e scuri.

Inoltre, il fatto che fossero declinati in” tono su tono” ne esaltava la fisicità grazie a una sofisticatezza tipica di questi abbinamenti cromatici che partendo da un colore base lo valorizzano nelle sue diverse gradazioni.

Il look di Marco CI PIACE anche fuori dalla scena: con i suoi 24 anni può essere considerato come un modello di look al quale ispirarsi.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mar 19 Feb 2013, 16:53

http://www.melodicamente.com/marco-mengoni-l-essenziale-video-oltre-un-milione-click/

Marco Mengoni, “L’essenziale” un video da oltre un milione di click

Non si arresta il successo di Marco Mengoni, che conferma la vittoria ottenuta alla 63esima edizione del Festival di Sanremo anche al di fuori della gara: non solo “L’essenziale”, il brano che gli è valso il titolo di vincitore, è primo su iTunes tra i brani più scaricati da una settimana, ma il video di questo brano ha superato il milione di visualizzazioni su Youtube, arrivando a toccare già 1.2 milioni. Il videoclip è stato pubblicato ufficialmente nel canale VEVO del cantante di Ronciglione lo scorso 15 Febbraio 2013, dopo essere stato mandato in rotazione presso le emittenti televisive musicali il giorno precedente.

Un video intenso, quello de “L’essenziale”, fatto di immagini in cui si cela la storia di Marco Mengoni, di quel ragazzo partito anni fa da un piccolo paese della provincia viterbese, carico di sogni e di insicurezza, che nella musica e nel suo studio ha trovato poi la purificazione, la consapevolezza e la voglia di andare avanti.

Un simbolismo sottile che si corona nella forte capacità espressiva di questo giovane cantautore e nella sensibilità artistica che si riversa nel videoclip de “L’essenziale”. Basti guardare alla scena in cui Marco si riflette nello specchio, con aria di chi non si prende sul serio e non si piace, di chi pensa di darsi un tono sbeffeggiando se stesso e gli altri alzando il colletto della giacca.

Poi arriva la corsa, la fuga da casa verso il mondo che sta fuori, la fuga da se stessi. Ma l’inciampo è dietro l’angolo per tutti. L’acqua, simbolo consolidato di purificazione, sembra opprimere e sconfiggere, ma lui è pronto a risalire ed a tornare a quel pianoforte che funge da vero filo conduttore del video e della storia che esso vuol raccontare.

Il video di “L’essenziale” è attualmente il più scaricato su iTunes, così come da una settimana a questa parte il brano è in vetta alla classifica del download dei singoli. Non solo, l’aver superato il milione di visualizzazioni su Youtube è ulteriore conferma di quanto il pubblico tutto stia amando questo pezzo e l’interpretazione magica che Marco Mengoni ne sta dando. Mai come in questo Festival di Sanremo 2013 il vincitore, dentro e fuori dall’Ariston, mette d’accordo tutti.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Paz i Enza il Mar 19 Feb 2013, 18:01

martini martini martini martini martini martini

http://www.menchic.it/eventi/fashion-spot/bortolin-angelo-brinda-con-marco-mengoni-a-casa-sanremo-2013-19170.html

Bortolin Angelo brinda con Marco Mengoni a Casa Sanremo 2013

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Mengon11

Le bollicine di Valdobbiadene protagoniste del brindisi con il vincitore della 63 Edizione del Festival della Canzone Italiana Marco Mengoni. Sono state le bollicine di Valdobbiadene Docg a brindare il trionfo di Marco Mengoni alla 63° edizione del Festival della Canzone Italiana. Ancora una volta la cantina Bortolin Angelo porta a Sanremo l’eccellenza dello spumante di Valdobbiadene per inebriare le star della musica nel backstage della manifestazione canora, nell’esclusiva location “Casa Sanremo Suona con Radio Italia 2013” dove giornalisti, vip e addetti ai lavori hanno trascorso attimi di relax, lavoro e di festa.
Centinaia le bottiglie stappate nel corso della settimana durante gli appuntamenti musicali e radiofonici all’interno della struttura del Palafiori, a pochi passi dall’Ariston e molte le bottiglie che Desiderio Bortolin, titolare della cantina di Guia di Valdobbiadene, ha voluto regalare ai diversi artisti, ciascuna con una originalissima personalizzazione, nel corso delle loro interviste in diretta negli studi televisivi di Radio Italia.

E infine l’atteso brindisi con il vincitore della categoria Big, Marco Mengoni sabato notte, che ha rinnovato l’amicizia già consacrata nel settembre 2011 quando il Valdobbiadene Docg della Bortolin Angelo Spumanti aveva accompagnato un’esclusiva esibizione del cantante, vincitore della terza edizione di X Factor.
Paz i Enza
Paz i Enza
mengonella
mengonella

Messaggi : 5798
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 46
Località : Isernia

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da eripola il Mar 19 Feb 2013, 18:26

Commento al Festival di Red Canzian

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cultura_e_tempolibero/2013/19-febbraio-2013/da-chiara-mengoni-sanremo-secondo-red-2114079756205.shtml

Da Chiara a Mengoni
Sanremo secondo Red
Il componente dei Pooh: «Poco riuscite le esibizioni delle band alternative». «I suoni tzigani hanno penalizzato la cantante padovana»

Nei giorni precedenti a questo 63esimo Festival di Sanremo ero piuttosto deluso da certe scelte fatte da Fabio Fazio: non trovavo giusto ad esempio che da quest’anno i giovani cantanti al di sotto dei 18 anni non potessero partecipare (il mio pensiero andava a Gigliola Cinquetti e a Nada che con questa regola forse non sarebbero mai nate). Poi non capivo perché avesse escluso un grande interprete come Mario Biondi. Infine trovavo poco elegante il ripescaggio di Al Bano come super ospite (dopo averlo escluso dalla gara perché non in linea con questo suo festival) perchè dalla Russia e da tutto l’Est Europeo avevano detto che Sanremo senza Albano o Toto Cutugno o i Ricchi e Poveri non era il Festival che loro volevano. Poi un uomo intelligente come Fazio è riuscito a riequilibrare col suo garbo anche quelle che potrebbero essere delle scelte non del tutto azzeccate, bilanciando con degli «alti» gli inevitabili «bassi».

Chiara, la settimana di Sanremo

Ho trovato straordinaria la Littizzetto, sempre. Ha toccato una punta massima nel monologo dedicato alla violenza sulle donne. Molto delicato, poi, il racconto della coppia gay fatto con i cartelli. Crozza in seria difficoltà e Bisio al di sotto delle sue funamboliche possibilità. Ma anche se «frequento» la televisione da tanti anni, non mi ritengo certo un critico televisivo e non voglio quindi cadere nella trappola di discussioni social-filosofiche. Però posso sicuramente parlare di spettacolo, di canzoni, di musica, quella musica, che quando si sposa con la televisione, deve accettare compromessi difficili da comprendere. Nell’agenda di Fazio il programma era fare un Festival del cambiamento, innovativo, e per quanto riguarda il lato televisivo questo è in parte successo. Fabio ha presentato in modo disincantato e gentile, senza strafare e preferendo avere sul palco una donna intelligente e forte come la Littizzetto. La scenografia era decisamente di grande effetto ma poco funzionale per i professori dell’orchestra, arrampicati su vari livelli che quasi non si vedevano tra di loro e a malapena seguivano il direttore attraverso i monitor, ma questa è la televisione. Duccio Forzano, il regista, è un caro amico e ha fatto un buon lavoro, preciso e puntuale, come pure il direttore della fotografia. Qualche pecca, ma questo è un male atavico del Festival, l’ho riscontrata invece nell’audio: il coro dell’Armata Russa, ad esempio, si sentiva poco e male e quei cento omoni che cantavano a pieni polmoni «un italiano vero» arrivavano nei nostri televisori con la potenza di un coro di educande e visto che il povero Toto li ha portati a Sanremo a sue spese, avrebbe tutto il diritto di protestare.
Pensavo che questo audio povero che arrivava dall’Ariston dipendesse da quel primo televisore del mio albergo di Napoli ma nelle varie serate ho cambiato continuamente città, alberghi e modelli di televisori eppure il suono continuava ad essere mediocre, ed è un peccato, perché vi assicuro che i musicisti dell’orchestra sono degli assoluti numeri uno. Ma veniamo alle canzoni: già leggendo il cast dei big si capiva che c’era una gran voglia di portare a Sanremo qualcosa di alternativo, concedendo poco al pop italiano. Per difendere le scelte della direzione artistica è stata istituita perfino una giuria di qualità, che avrebbe dovuto controbilanciare le «malefatte» del televoto, ma l’operazione non è riuscita fino in fondo. Gli Almamegretta e Marta sui tubi ad esempio ci potevano anche stare a rappresentare la musica indipendente, quella che si suona nei club, come fecero i Negramaro un po’ di anni fa, peccato che le loro canzoni fossero davvero bruttine. L’influenza del direttore artistico, il bravo e colto Mauro Pagani, grande conoscitore di musica popolare e di taranta si è sentita in più di qualche brano...ed è così che fisarmoniche, fiati e circensi ritmi di polka alla Goran Bregovic, hanno pervaso i brani di Max Gazzè, di Annalisa e di qualcun altro. Simone Cristicchi ha cantato una canzoncina che mi ha riportato a Enrico Simonetti. Vi ricordate negli anni ’60, quando, a conclusione di quei bei programmi in bianco e nero del sabato sera della Rai , il maestro Simonetti si metteva al pianoforte e raccontava le sue piccole favole surreali, un po’ per bambini e un po’ no? Daniele Silvestri è bravo e ha una tenerezza poetica che supera perfino le emozioni sociali dei suoi testi, che comunque non sono mai banali… toccante la presenza dell’insegnante del linguaggio dei segni per sordomuti Renato Vicini.

I Modà sono una band di buon impatto, dal suono solido e Checco è uno che canta alla grande, peccato per il testo, sicuramente inferiore a quello di altri loro lavori precedenti. Raphael Gualazzi è un buon musicista, onesto, che parla poco perché ha deciso di fare altro nella vita, ad esempio suonare. Malika mi piace da sempre, è brava e intensa, ma è stata fregata dal televoto della prima sera che l’ha costretta a lasciare a casa il brano sul quale puntava e che era sicuramente più emozionante. Maria Nazionale Se non avesse recitato in Gomorra di Roberto Saviano, grande amico e partner di Fazio, forse non sarebbe mai approdata al Festival, ma ha cantato bene con quel colore da fado nella voce. Simona Molinari e Peter Cincotti sono stati bravi e lei è molto carina, una specie di novella Delia Scala pronta per il teatro e il Musical. Chiara, la nostra veneta in trasferta Sanremese è brava, ha un’ottima voce personale e quindi riconoscibile e sa interpretare bene quello che canta, dando il giusto peso alle parole. Peccato che anche l’arrangiamento del suo brano abbia quel sapore «tzigano». Il provino originale che ho sentito a casa del mio amico Luca Chiaravalli, l’autore della musica, aveva un respiro moderno, da grande successo internazionale. Chiara resta comunque una forte e saprà far girare questo brano anche così com’è. Brava! Marco Mengoni è cresciuto molto, ogni tanto sembra lontano da tutto ma in quel mondo in cui si rifugia forse ha imparato a proteggere le sue fragilità. Mengoni ha vinto, ed è giusto che sia così, è una buona canzone, e lui la sa interpretare molto bene. Ho tenuto volutamente alla fine l’unica esplosione stilistica e musicale del Festival, Elio e le Storie Tese, che in meno di quattro minuti hanno saputo esprimere tutto lo scibile umano in fatto di musica degli ultimi cinquant’anni, in una scomposizione picassiana hanno giocato con una melodia basata su una sola nota, assolutamente geniali! La loro musica che può sembrare solo e sempre un eterno gioco è in realtà frutto di vera cultura, studio, aggiornamento, preparazione e grande apertura mentale. Questa è l’innovazione, saper inventare quello che già c’è e fare in modo che a tutti sembri un’assoluta novità. Fazio ha vinto con gli ascolti, la televisione ha incassato con la pubblicità grazie agli ascolti e lo spettacolo c’e’ stato. Solo i cantanti dovranno aspettare per capire se il Festival è servito alla vendita dei loro dischi e un pochino alla rivalutazione di questo strano mestiere della musica…chissà!

Red Canzian
eripola
eripola
mengonella
mengonella

Messaggi : 2976
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Ospite il Mar 19 Feb 2013, 19:44

Hoooops!!! Chissà se questo può danneggiargli la carriera:


L'Accademia Italiana di Galateo ha stilato una classifica dei bocciati e dei premiati in eleganza in questo ultimo Festival di Sanremo , il 63°, e primo fra tutti c'è proprio il vincitore del Festival Mario Mengoni.

1° BOCCIATO -Mengoni bocciato, anche solo per il baciamano che a quanto pare è stato, "il più scorretto della storia". Storto, accennato e senza inchino. Non si porta la mano alla testa ma la testa alla mano. "Il galateo consiglia di evitare gesti di cui non si ha padronanza." Commenta il Presidente dell'Accademia Samuele Briatore. L'abito banale di Mengoni, non è stato reso per nulla elegante del fazzoletto nel taschino, sbagliata la fantasia e l'accostamento. Per quanto riguarda la premiazione...assolutamente tremendo vederlo mentre si grattava il viso con il premio. ( non solo...guardate la foto, che smorfia che fa)
risata
Se siete curiosi di conoscere gli altri inclassifica è riportato qui
http://www.zazoom.it/blog/post.asp?id=15221

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da eripola il Mar 19 Feb 2013, 21:50

http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=40132&typeb=0

Pagelle di Sanremo: gran finale
Promossi e bocciati del festival "fazioso" tra chiacchiere, canzoni, ospiti d'onore, belle senz'anima e profeti da strapazzo. [Francesco Troncarelli]
di Francesco Troncarelli

9 a Luciana Littizzetto
Sanremo 2013 è lei. Senza se e senza ma. Ironica prima con se stessa che con gli altri (la farfallona che ha indossato è il top), spigliata, lingua lunga, con la sua verve ha sollevato da subito le sorti del festival che altrimenti col buonismo e i tempi da melassa dominanti, avrebbe fatto addormentare tutti. Pure Gigi Marzullo. E' stata insomma l'ancora di salvezza del chierichetto e ovviamente del carrozzone messo su dai Rai Uno. Applausi.

9 a Marco Mengoni
E' partito da tranviere è arrivato re. Un titolo conquistato democraticamente con la sola arma che possiede, la voce. E' lui il sovrano del Festival. Le chiacchiere stanno a zero. Ha battuto i pregiudizi che da sempre accompagnano i giovani che provengono dai talent perché privi di una sana gavetta. Il Prince de noantri rivitalizzato dalla cura Gianna Nannini merita, perché vive la sua professione come un asceta, senza divismi da gossip e atteggiamenti oltre le righe. Lui punta all' "Eessenziale".


9 a Elio le storie tese
La fantasia al potere. Immarcescibili, imbattibili, incredibili. Un po' Carosone, un po' Frank Zappa, un po' sceneggiata, un po' jam session. A volte ritornano sul palco dell'Ariston e portano allegria, estro e musica fuori ordinanza e "Mononota". Italia sì, Italia no, se famo un'altra volta du' spaghi. E con loro si mangia alla grande. Leccandosi i baffi..

9 ad Andrea Bocelli
La sua carriera è cominciata qua, da signor nessuno. Ora, nella serata conclusiva, è tornato da tenore di fama mondiale, accompagnato dal figlio nato proprio nell'anno dell'esordio sanremese. La sua grandezza oltre che nel cantare alcuni brani, è tutta qui. Nella consapevolezza di dire grazie ad una manifestazione che tutti criticano e perculeggiano, ma che poi alla fine vedono. Tutti.

8 a Daniele Silvestri
Fatece largo che passamo noi, sti cantautori de sta Roma bella, che come lui raccontano in musica la contemporaneità, i cortei, la partecipazione, la vita. Dallo stornello alla "Bocca chiusa" il passo non è breve, ma il nostro ci riesce con maestria. La qualità coniugata alla quantità (vendite).

7 e tre quarti ai Modà
Eterni secondi. Neanche quest'anno ce l'hanno fatta, ma il loro brano sarà uno dei pochi che filerà dritto dritto verso la hit parade. I Pooh del Terzo millennio con il loro pop melodico e melodrammatico vincono da sempre nelle classifiche e in un settore in cui da tempo domina la crisi è quello che conta. La domanda a questo punto sorge spontanea, riuscirà prima o poi Kekko-Massimo Ceccherini-Topo Gigio a vincere un Sanremo? La risposta alle prossime puntate.

7+ a Claudio Bisio
Intervento in stile Zelig, la sua cifra, il suo marchio di fabbrica. Gioca con la platea, ammicca alla gente, si diverte e fa divertire. Un animale da palcoscenico. Tutta un'altra camminata rispetto al fantozziano Crozza. Ce sa fa.

7+ a Malika Ayane
Ha cambiato il look (biondo Platinette), ma la voce è rimasta sempre quella. Sensuale, flessibile, affascinante. Capace di rapirti verso atmosfere esotiche e di suscitare sensazioni magiche. La migliore interprete della kermesse.

7 alla giuria di qualità
Si temevano sfracelli all'insegna di un potere illuminato da imporre al popolo bue, e invece Piovani e compagnia bella hanno svolto il loro lavoro con onestà intellettuale. Premiando chi se lo meritava.

7- - a Fabio Fazio
Per portare a termine felicemente "Che tempo che fa a Sanremo", il bravo presentatore ha dovuto fare marcia indietro. E allora dentro quelli dei talent e i rottamati della vecchia guardia (picco d'ascolto con loro!) che voleva ignorare e tenere in castigo. E così l'Assad dal volto umano ha fatto il bottino pieno di ascolti. Seppur col suo repertorio di sorriso a go gò, modi minimalisti, entusiasmo esagerato e fanciullesco. Chierichetto sì, ma anche furbo. Evviva.

6 e mezzo a Simone Cristicchi
Mo' dite la verità. Ma voi la cantereste sotto la doccia una canzone che s'intitola "La prima volta che sono morto"? Al di là degli scongiuri vari però, il brano è una filastrocca simpatica e ragionata su come va il mondo e alla fine ci sarà sicuramente qualcuno che la farà sua. Magari fischiandola, evitando così il tabù funereo. Hai visto mai.

6+ a Simona Molinari e Peter Cincotti
"La felicità" è vederli sul palco.

6 a Chiara
Tanto fumo e poco arrosto.

6- ad Annalisa
Alla fine si è dimostrate troppo acerba per un palco così importante. Ma ha un grande avvenire dietro le spalle. Nostra Signora della Televisione Maria de Filippi.

6- a Marta sui tubi e Almanegretta
Ieri incendiari, oggi pompieri. La rivoluzione partecipa al ricevimento e si mette il vestito buono. Non è una novità. Ma fa gioco a tutti passare dai circuiti alternativi e indipendenti alla platea nazionalpopolare per eccellenza. Ci mancano solo le comparsate nei salotti televisivi del pomeriggio e vissero tutti felici e contenti.

5+ a Rapahel Gualazzi
E' entrato papabile nel conclave sanremese, è uscito frate cappuccino. Gli ululati che ha diffuso nella serata di Sanremo Story, l'hanno fregato. E così il cucciolone sponsorizzato dagli addetti è rientrato nei ranghi del jazzista di nicchia. Ma c'è sempre la sua protettrice Santa Caterina Caselli pronta per il miracolo. Amen.

5 a Max Gazzè
Questa volta per cercare di farsi notare dopo l'esperienze invisibili degli altri festival, ha puntato sul look clownesco (piume colorate sulla coda del frack.) e con un occhio finto come faceva Albertazzi nel Dottor Jeckyll all'epoca. Ma nonostante queste trovate pittoresche non se l'è filato nessuno manco a sto giro. Neanche Vincenzo Mollica. E' la fine.

4 a Maria Nazionale
Nonostante il bollino blu di Saviano che ha garantito per lei come Picone è sembrata un film già visto e per di più in bianco e nero. Qualcuno addirittura credeva fosse un nuovo prodotto dei Monopoli e si domandava, Nazionale col filtro o senza? E pensare che col suo modo di proporsi alla "Canta Napule" neomelodica era quella che paradossalmente si è trovata di più a suo agio nell'atmosfera del festival. Ma degli anni Cinquanta.

4 a Massimo Giletti
Non ne ha bucato una. Si è piazzato in prima fila dalla prima all'ultima serata per farsi vedere, come puntualmente ci ha documentato la regia con un trionfo di primi piani. Presenzialista vero con tanto di sorriso rivolto alla telecamera. Al cospetto il disturbatore Paolini è un dilettante.

4 a Maurizio Crozza
Sanremo 2013 è anche lui. O meglio, la sua salivazione azzerata alla Fantozzi e il suo smarrimento sul palco. Un episodio che lo ha retrocesso da cavallo di razza della comicità televisiva a brocco di serie in fattoria. Ma è stato un incidente. Da stasera si ricomincia da "Ballarò" e saranno baci, abbracci e applausi degli amici degli amici. Evviva.

3 a Carla Bruni
Carlà con l'accento sulla "a" è venuta a Sanremo per presentare il suo ultimo disco. Dice che ne ha fatti quattro. Come il neomelodico Gigione. Ma i suoi non se li è filati nessuno, perché se le sona e se le canta da sola. Algida, legnosa e inespressiva, più che la premiere(dame) è sembrata il due di coppe.

3 a Roberto Giacobbo
Con tutto il popò di curriculum che si ritrova (portaborse di Frate Indovino, prima comunione co' Nostradamus, a nuoto con l'Esorciccio), ha toppato alla grande in eurovisione con la storia dell'asteroide. Chiamato a rapporto dai Maya, sarà esiliato ad Atlantide per espiare le sue colpe, insieme ad Alì Babà e quaranta ladroni. Aridatece Bernacca.

3 a Bianca Balti
Naturalmente si presenta in bianco come il suo nome e fino a qui. Poi con due Chandeleir ai lobi ('na sorta de candelabri della Signorina Felicita di Gozzano) che vattene. Ma il colpo di grazia lo ha assestato come ha aperto bocca. Oca giuliva e jena ridens. E se vi diciamo che ha inciampato sfilando sul palco lei che fa la modella? Na tragedia. Questa manco ar tempo del bruscolinaro.
eripola
eripola
mengonella
mengonella

Messaggi : 2976
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Delilah il Mar 19 Feb 2013, 23:53

Grazie Guenda amò


[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi110

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi210

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi310

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi410

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi_110

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi_210

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi_310

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Chi_410
Delilah
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 108
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Puccafra il Mer 20 Feb 2013, 00:03


Grazie bacio bacio
Puccafra
Puccafra
mengonella
mengonella

Messaggi : 6668
Data d'iscrizione : 13.05.10
Età : 41
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Ospite il Mer 20 Feb 2013, 00:09

grazieee [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 693906697

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Arianna il Mer 20 Feb 2013, 00:12

grazie forum bacio bacio bacio
Arianna
Arianna
mengonella
mengonella

Messaggi : 4929
Data d'iscrizione : 13.01.13
Età : 61

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da eripola il Mer 20 Feb 2013, 00:26

Grazie! love
eripola
eripola
mengonella
mengonella

Messaggi : 2976
Data d'iscrizione : 13.05.10

Torna in alto Andare in basso

[Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste - Pagina 8 Empty Re: [Sanremo 2013] Marco va in Riviera 2 - Articoli e Interviste

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 8 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.